Marco Lombardi
In primo piano

Viva gli alpini, ma che errore volerli confinare nei ricordi del passato

Ansa

L'associazione non ha più il rinnovamento che veniva garantito dalla naja e c'è l'insidia del politicamente corretto, che porta a nascondere le storie di guerra. I nostri soldati, però, combattono in tutto il mondo.
In primo piano

L'Isis è vivo, la strage di Pasqua è solo l'inizio

Ansa

L'Isis ha scelto una nazione fragile e poco controllata, appoggiando gli islamisti locali per massimizzare l'effetto distruttivo. Lo schema funziona ed è replicabile ovunque.
In primo piano

La regia dell’attacco in Sri Lanka è stata globale

Ansa

La nazione non ha fornito molti miliziani all'Isis, però è fortemente divisa su base etnica. Gli jihadisti ne hanno approfittato per rialzare la testa con un grande attacco.
In primo piano

In casa di Dracula, il nostro esercito si addestra alla guerra (sanitaria)

In corso in Transilvania l'esercitazione della Nato per mettere a punto la sanità militare in contesto operativo. Una delle tante eccellenze ignote delle forze armate italiane.
In primo piano

I terroristi si infiltrano sui barconi, le mafie nella rete dell’accoglienza

Ansa

Il rapporto dei servizi smonta le balle buoniste. E punta il dito contro gli anarchici. Si evidenzia inoltre come il calo degli sbarchi sia dovuto alla «rafforzata capacità della Guardia costiera» libiche e alla «drastica riduzione delle navi delle Ong» davanti alle coste nordafricane.
In primo piano

In Siria le bugie uccidono più della guerra

Ansa

Vedendola dal terreno, senza il filtro dei media occidentali, la situazione nel Paese di Bashar Al Assad è più complessa di come si immagina. Il vescovo di Aleppo accusa: «Chiamate moderati gruppi che non lo sono affatto. E le Nazioni Unite non aiutano davvero i rifugiati».
In primo piano

Il jihadismo italiano è una cosa di famiglia

Ansa

Abbassare la guardia sul radicalismo nostrano sarebbe un errore fatale. Lo dimostra l'analisi dei profili di 27 terroristi eseguita dalla Cattolica di Milano: se il carcere è fucina di conversioni, è tra le mura domestiche che si innesca il germe della violenza.
In primo piano

Così i contractor stranieri fregano l’Italia

  • Le nostre imprese sono costrette a cercare vigilantes fuori dai confini, data l'assenza di leggi che regolino tale professione. L'ampia presenza nel settore di uomini legati all'intelligence, tuttavia, rischia di generare pericolose fughe di informazioni.
  • Tante sigle estere e qualche affare poco trasparente. A farla da padrone sono le agenzie Usa ma ora anche russi e cinesi scalpitano.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Solo un meteorite può cambiare questo mondo

Solo un meteorite precipitato da chissà dove può cambiare il mondo. Con questo desidero sottolineare come solo un evento esterno al sistema organizzativo, sia esso politico o culturale, abbia la capacità di modificare lo stato delle cose. Gli eventi di questi giorni dimostrano con sfolgorante chiarezza che il cambiamento invocato è solo parte di una narrativa ben lontana dall'essere implementata nella pratica.
In primo piano

Le storture del verdetto Stato-mafia

ANSA

Negli anni Novanta la politica scelse la tregua perché voleva limitare le vittime della guerra con la mafia. Oggi i giudici emettono condanne travalicando i confini.