Tutte le scuole in Toscana, Marche e Molise che non sono ancora a prova di terremoto - La Verità
Home
In primo piano

Tutte le scuole in Toscana, Marche e Molise che non sono ancora a prova di terremoto

A pochi giorni dal suono della campanella del nuovo anno più di 4.000 istituti sono irregolari. All'appello mancano le verifiche sulla vulnerabilità sismica in territori a rischio. Oggi pubblichiamo la penultima puntata della lista delle strutture non conformi.

Fra qualche giorno, in tutta Italia, suonerà la campanella che darà inizio al nuovo anno scolastico. Mamme e papà accompagneranno i loro figli più piccoli e saluteranno quelli più grandi, ormai autonomi, invitandoli a fare del loro meglio. Nessuno, però, si è preso la briga di informare questi genitori, spiegando se l'edificio che ogni mattina aprirà le porte ai loro ragazzi è in regola rispetto alle norme anti sisma. Sicuramente le famiglie non hanno dubbi: deve essere per forza così. D'altra parte lo Stato si è appena stracciato le vesti per la tragedia del ponte Morandi di Genova e la strage della scuola elementare Jovine di San Giuliano di Puglia, in Molise, non è ancora stata dimenticata (era il 2002 e 27 bambini delle elementari e la loro insegnante non fecero ritorno a casa). Ebbene, in 4.000 casi, la fiducia nelle istituzioni ancora una volta è malriposta: la certificazione di vulnerabilità sismica, che andava eseguita entro il 31 agosto, manca all'appello. Per una volta, non si tratta di un problema di Nord o Sud. Queste scuole non a norma, costruite in zone classificate come 1 e 2 (ovvero a rischio di terremoti ad alta intensità e con effetti distruttivi), sono sparse in quasi tutte le Regioni d'Italia. La realtà è che i Comuni non hanno i soldi i cassa: né per le certificazioni, né per le eventuali ristrutturazioni. E sembrano rassegnati a fare affidamento sulla buona sorte. Noi no e per questo continuiamo a pubblicare l'elenco, Regione per Regione.

In primo piano

Il più esotico tra i frutti dell’inverno

LaPresse

L'ananas è un frutto solitamente associato all'estate. In succo o a fette, così fresco, leggermente acidulo, tanto dissetante: poca frutta è più gettonata dell'ananas nella stagione del solleone e dell'arsura. In realtà, l'ananas è un frutto invernale. E dal dna tropicale.

In primo piano

Anche troppa mamma è sbagliato. «Pericoloso vampirizzare i figli»

Per la psicanalista Laura Pigozzi, un rapporto di eccessivo attaccamento turba lo sviluppo sessuale dei bimbi Il modello della Grande Madre è funzionale anche al sistema economico: ci rende dipendenti dal consumo.
In primo piano

Il maxi sequestro di eroina a Genova è la prova che le sanzioni all'Iran sono sacrosante

Contenuto esclusivo digitale

LaPresse

  • Quella che passa dall'Afghanistan, attraverso l'Iran, alla Turchia per poi collegarsi con la rotta balcanica è una delle principali rotte terrestri del narcotraffico. Altra tratta porta allo scalo ligure (dove sono stati confiscati 270 chilogramma di droga) che rischia di diventare un crocevia verso l'Europa del Nord.
  • Donald Trump ha firmato nuove sanzioni nei confronti dell'organizzazione terroristica libanese Hezbollah il 25 ottobre scorso, pochi giorni prima della seconda ondata di limitazioni imposte a Teheran dopo l'uscita dal deal nucleare. Le politiche di Obama avevano finito, invece, con il facilitare i traffici illeciti. A discapito della salute anche dell'Ue.

Lo speciale contiene due articoli.



In primo piano

Crosetto: «All’Italia serve uno choc fiscale e con l'Ue bastone e carota»

LaPresse

Il coordinatore di Fdi: «Il reddito di cittadinanza premierà i fannulloni, sarebbe stato molto meglio tagliare le tasse. A Bruxelles prendiamo a calci gli eurocrati, però teniamoci buona la Bce».
In primo piano

«Io, mio marito Vittorio Messori e i nostri 20 anni in castità»

La moglie dello scrittore cattolico: «Ci innamorammo, ma lui era sposato. Il procedimento alla Sacra Rota durò a lungo, così scegliemmo di vivere da fratello e sorella. Mai stati arrabbiati con la Chiesa: abbiamo accettato umilmente la prova»
In primo piano

Il Parlamento chiede a Cottarelli di fare le pulci ai bilanci: perché?

LaPresse

Decisione incomprensibile, Mr Forbici non rappresenta altri se non uno studio privato. Il sommo revisore dei conti pubblici, non lascia. Anzi, raddoppia. Per volontà, ha detto lui, delle commissioni Bilancio di Camera e Senato, che gli hanno chiesto di inviare entro il 13 novembre «una memoria scritta sui documenti di bilancio 2019-2021».
In primo piano

Brugnaro:«Grandi navi? Non chiudiamo la laguna»

LaPresse

Il sindaco di Venezia: «Diventiamo Disneyland se ci chiudiamo nel protezionismo passivo. Io sono disponibile a tracciare un percorso di transito alternativo al canale della Giudecca. Ma non si possono sbarcare le barche da crociera in mare aperto». E sugli immigrati che chiedono accoglienza: «Devono dimostrare riconoscenza. E chi sgarra, subito a casa».
In primo piano

I grillini cercano volti (e voti) nuovi. A rischio Toninelli, Grillo e Trenta

LaPresse

I vertici pentastellati temono la crescita dirompente della Lega: dalle elezioni il Movimento è sceso del 6%. Per scuotersi potrebbero tentare un rimpasto di ministri. Nel mirino ci sono Infrastrutture, Salute e Difesa.
In primo piano

Il Cavaliere attacca: «Aria da dittatura». Salvini: «Detto da lui fa venire da ridere»

LaPresse

Silvio Berlusconi: «L'esecutivo non durerà 5 anni». Il ministro dell'Interno ribatte: «Parla come un un frustrato di sinistra». Volano gli stracci nel centrodestra, almeno in quello che ancora governa Comuni e Regioni.