Tutte le scuole in Toscana, Marche e Molise che non sono ancora a prova di terremoto - La Verità
Home
In primo piano

Tutte le scuole in Toscana, Marche e Molise che non sono ancora a prova di terremoto

A pochi giorni dal suono della campanella del nuovo anno più di 4.000 istituti sono irregolari. All'appello mancano le verifiche sulla vulnerabilità sismica in territori a rischio. Oggi pubblichiamo la penultima puntata della lista delle strutture non conformi.

Fra qualche giorno, in tutta Italia, suonerà la campanella che darà inizio al nuovo anno scolastico. Mamme e papà accompagneranno i loro figli più piccoli e saluteranno quelli più grandi, ormai autonomi, invitandoli a fare del loro meglio. Nessuno, però, si è preso la briga di informare questi genitori, spiegando se l'edificio che ogni mattina aprirà le porte ai loro ragazzi è in regola rispetto alle norme anti sisma. Sicuramente le famiglie non hanno dubbi: deve essere per forza così. D'altra parte lo Stato si è appena stracciato le vesti per la tragedia del ponte Morandi di Genova e la strage della scuola elementare Jovine di San Giuliano di Puglia, in Molise, non è ancora stata dimenticata (era il 2002 e 27 bambini delle elementari e la loro insegnante non fecero ritorno a casa). Ebbene, in 4.000 casi, la fiducia nelle istituzioni ancora una volta è malriposta: la certificazione di vulnerabilità sismica, che andava eseguita entro il 31 agosto, manca all'appello. Per una volta, non si tratta di un problema di Nord o Sud. Queste scuole non a norma, costruite in zone classificate come 1 e 2 (ovvero a rischio di terremoti ad alta intensità e con effetti distruttivi), sono sparse in quasi tutte le Regioni d'Italia. La realtà è che i Comuni non hanno i soldi i cassa: né per le certificazioni, né per le eventuali ristrutturazioni. E sembrano rassegnati a fare affidamento sulla buona sorte. Noi no e per questo continuiamo a pubblicare l'elenco, Regione per Regione.

In primo piano

Tridico è il presidente di nessuno. Ma si inventa l’ufficio antipovertà

Ansa

La nomina ufficiale è arrivata in Cdm, però del consiglio di amministrazione non c'è traccia. Il che, in teoria, potrebbe gettare un'ombra di legittimità sui suoi atti. Intanto lui ha avviato la riorganizzazione dell'Istituto.
In primo piano

Il governo tiri fuori i voli di tutti i ministri

Ansa

«Repubblica» si scandalizza per i (pochi) viaggi a spese nostre di Matteo Salvini. Eppure Angelino Alfano e Marco Minniti hanno usato velivoli di Stato più spesso del leghista. E, guarda caso, molti di questi avevano come meta le rispettive zone d'origine degli inquilini del Viminale.
In primo piano

Boccia viene fermato sul Rubicone: il Nord fa fuori i suoi consiglieri

Ansa

L'assemblea privata ha scelto i 20 che gestiranno l'elezione del nuovo presidente. Le territoriali settentrionali hanno bocciato i nomi vicini all'attuale vertice per dare discontinuità. Oggi l'evento pubblico con Luigi Di Maio.
In primo piano

Lauda visse due volte e vinse anche sé stesso

Ansa

  • Il devastante incidente del 1976 gli insegnò a guardare in faccia le paure e a compiere scelte lucide, senza più rischiare la pelle. Tre volte campione del mondo, due con la Rossa. Quando passò all'Alfa Romeo, Enzo Ferrari sbottò: «Giuda, si è venduto per 30 salami».
  • Negli anni Settanta fondò una compagnia: nel 1991 un Boeing cadde, morirono in 223. Era un asso anche a pilotare i velivoli.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

La Lega abbraccia la battaglia del vaping: eCig diverse dal tabacco

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

Si chiude con un bilancio di oltre 22.000 visitatori l'edizione veronese di Vapitaly, la fiera internazionale delle sigarette elettroniche. Tra gli ospiti anche il vicepremier Matteo Salvini che è sceso in campo a favore del fumo a rischio ridotto.

In primo piano

Immigrato incendia la sede dei vigili. Due anziane morte nel Modenese

Ansa

  • Il piromane è un nordafricano che chiedeva la protezione. Decedute due donne che abitavano sopra la caserma colpita.
  • Ultimatum di Matteo Salvini sul decreto Sicurezza: «Oggi va approvato». Ultima versione: via le multe per gli sbarchi. Ma restano (con confisca della nave) se si violano le acque italiane. Ora la palla a Conte in Cdm.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Figli a carico di stranieri: nessuno verifica

Ansa

Nei regolamenti dell'Agenzia delle entrate, l'assurdo cavillo che può aprire la strada a infinite truffe: agli extracomunitari basta infatti una certificazione del consolato per dimostrare di avere in patria famiglie numerose. E nessuno può andare a controllare.