«Trapianto? La puntura non c’entra». Ma scrivete il contrario

«Trapianto? La puntura non c’entra». Ma scrivete il contrario
iStock

In riferimento all’articolo «Negato il trapianto perché non mi vaccino», pubblicato l’8 luglio dalla testata La Verità a firma di Patrizia Floder Reitter, l’Azienda Ospedale Università di Padova smentisce con forza il contenuto degli stessi articoli, puntualizzando quanto segue. Come rappresentato più volte al paziente da parte del prof Federico Rea, direttore della Chirurgia toracica dell’Azienda, «non vi è alcuna “motivazione ideologica” (come riportato erroneamente nell’articolo) dietro la scelta di non procedere al tempo dei fatti con l’immediato inserimento in lista trapianti del paziente coinvolto nel caso, bensì una scrupolosa analisi da parte di numerosi professionisti medico-clinici e psichiatrici, al fine di valutare con estremo rigore ed etica deontologica l’appropriatezza del trapianto nel caso specifico. Le evidenze hanno messo in luce come l’appropriatezza del trapianto, non potesse indicare il paziente fra i soggetti da inserire nella lista trapianti; lista composta in Italia da oltre 350 pazienti all’anno, dei quali meno di 150 vede soddisfatta la possibilità di completare il trapianto, per una palese mancanza di organi e donatori sufficienti a fabbisogno. La scelta della commissione valutatrice ha inteso quindi tutelare il dovere di garantire che gli scarsi organi a disposizione possano trovare i riceventi che per caratteristiche di urgenza e di esito previsto possano evitare la dispersione di risorse così preziose». La mancata adesione alla vaccinazione Covid-19 da parte del paziente, come pure l’iniziale pretesa di ricevere un organo solo da donatore non vaccinato, poca o nessuna attinenza hanno quindi con le scelte correttamente effettuate dal prof Rea e dai medici valutatori, che hanno preso in considerazione fattori ben più ampi, fra i quali non secondaria la decisione del paziente di non dare seguito alle terapie farmacologiche indicate. Non servirebbe specificarlo, ma al fine di fugare ogni possibile dubbio o illazione su pretesi rifiuti di operare o trapiantare persone non vaccinate contro il Covid-19 l’Azienda tiene a comunicare invece che sono stati correntemente trapiantati questi pazienti non vaccinati: 4 pazienti con trapianto di rene, 3 pazienti con trapianto di polmone (intervento similare a quello preteso dal paziente oggetto degli articoli, 1 trapianto di fegato, 1 trapianto di cuore.

La direzione ospedaliera

Come mai, allora, la vostra lettera di rifiuto del trapianto di polmone, indirizzata al medico curante, dice l’esatto contrario? Scrivete di «tratti paranoici legati all’argomentazione della vaccinazione anti Covid-19», insistete solo sulla questione della mancata copertura vaccinale del signor Tollardo. A «fattori ben più ampi», che avreste valutato per ritenerlo «non idoneo», e che era doveroso spiegare, non c’è alcun cenno.

Patrizia Floder Reitter

Stop al più odioso dei furti: al Senato arriva il ddl contro lo sciacallaggio
iStock

Una piaga antica come l'uomo, che però, curiosamente, non è presente nel codice penale del nostro Paese. Stiamo parlando dello sciacallaggio, forse uno dei crimini più odiosi, perché al furto aggiunge l'aggravante del compierlo a margine di eventi disastrosi e, nella maggior parte dei casi, a danno dei più deboli e indifesi.

La Haley vota Trump e gli porta in dote Pentagono e sponsor
Nikki Haley (Ansa)
Il tycoon incassa l’appoggio dell’ex sfidante, che lo avvicina pure agli apparati governativi e finanziari. Ormai stufi di Biden.
«Il Simpatizzante», la serie tv con Park Chan-wook e Robert Downey Jr
«Il Simpatizzante» (Sky)

La serie tv che per l’Italia ha debuttato su Sky (e, in streaming, su NowTv) nella prima serata di lunedì 20 maggio, è com’è stato il libro premiato con il Pulitzer nel 2016: divertente, divertito, girato per stupire, perché i luoghi comuni regalino un conforto solo temporaneo, cedendo presto il passo alla sorpresa.

Sulla sharia negli atti insorge la destra. E un ateneo occupato diventa moschea
Ansa
Deputate di Lega e Fdi contro la poligamia nei documenti. Caos a Torino per l’imam in aula. Il ministro Bernini chiama il rettore.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings