Standard and Poor’s tergiversa sull'Italia e ributta la palla nel campo della politica

True

L'intricatissimo risiko partito ormai un mese fa, a seguito della decisione del governo di innalzare il deficit al 2,4% sul Pil, si è arricchito di un'altra, importante mossa. Nella tarda serata di ieri (le comunicazioni «price sensitive» vanno sempre date a mercati chiusi) l'agenzia Standar & Poor's ha emesso il suo verdetto sul rating del debito pubblico italiano. Nessuna particolare sopresa, a dire il vero. La decisione di lasciare invariato il giudizio complessivo (la «tripla B») e peggiorare l'outlook (cioè la previsione per il futuro) da «stabile» a «negativo» era ampiamente prevista. L'agenzia ha comunque avvisato che, nel medio termine, il donwgrade potrebbe arrivare se l'economia reale dovesse divergere significativamente dalle stime contenute nel report.

Ansa
Il titolare della Salute sapeva dell'esistenza del report scomodo. Gliela rivelò Ranieri Guerra, proprio il giorno in cui il documento sparì
  • La formula partorita dall'élite pallonara uccide il merito di chi vince sul campo, al di là del blasone E impoverisce un sistema che genera profitti e lavoro. Ma la Borsa sorride: la Vecchia Signora fa +17%
  • No trasversale dei milanisti Matteo Salvini e Enrico Letta. Freddo il numero uno qatariota del Psg
  • Il modello Nba ha conquistato i bianconeri, provati dall'acquisto di CR7. I cinesi dell'Inter a caccia di 175 milioni di euro. Barca e Real Madrid fuoriclasse nei debiti

Lo speciale contiene tre articoli

In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings