Sana voleva sposare un italiano: uccisa dal padre e dal fratello

Sana voleva sposare un italiano: uccisa dal padre e dal fratello
ANSA
Aggiornato al 23/04 ore 17:30: Secondo alcuni amici della ragazza, SanaCheema non sarebbe stata uccisa ma sarebbe deceduta in seguito a un malore, probabilmente un infarto. Nonostante ciò, il padre e lo zio di Sana «non possono lasciare il territorio del Pakistan e la zona dove è stata sepolta la ragazza è sotto sequestro». A spiegarlo è stato Raza Asif, segretario nazionale della comunità pakistana in Italia intervenuto sul caso della 25enne. A oggi restano infatti ancora molti lati da chiare sulla morte della giovane sul cui cadavere, come ha spiegato Asif, «sarà eseguita l'autopsia dopo la riesumazione».



  • Aveva 25 anni e viveva a Brescia, ma è stata sgozzata in Pakistan dai famigliari perché aveva rifiutato il matrimonio combinato. Una connazionale ha svelato l'orrore, i due sono stati arrestati nel Gujrat.
  • Il caso di Hina e le altre vittime del fanatismo islamico. La ventenne uccisa nel 2006 e sepolta con la testa rivolta alla Mecca. Ma il massacro si estende ben oltre la provincia bresciana.

Lo speciale contiene due articoli.

La Rai obbedisce e piazza Zelensky all’Ariston
Amadeus. Nel riquadro, Volodymyr Zelensky (Ansa)
Viale Mazzini mette i cannoni tra i fiori di Sanremo e concede al presidente ucraino il collegamento col Festival, trasformato in pulpito per l’ennesima richiesta di armamenti che allontanerà la fine del conflitto. La richiesta fatta dall’ex attore a Bruno Vespa.
Berlino apre sui tank Mosca avverte: «La guerra mondiale è sempre più vicina»
Dmitry Medvedev (Ansa)
  • La Germania non bloccherà l’invio dei Leopard dalla Polonia all’Ucraina. Sergeij Lavrov: «Il conflitto con l’Occidente è quasi reale».
  • Pronto il decreto per dare armi a Kiev per tutto il 2023. Via libera entro giovedì. Appoggio di Pd e Terzo Polo al governo. Tra le forniture militari del sesto pacchetto anche lo scudo Samp/t.

Lo speciale comprende due articoli.

Difensori dei pazienti al soldo di Big Pharma
iStock
I due rappresentanti presenti nel Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza dell’Ema sono a capo di organizzazioni finanziate quasi esclusivamente dalle grandi Case farmaceutiche. Con tanti saluti a conflitti d’interessi e imparzialità di giudizio.
Crollano i (già bassi) numeri di contagi, morti e ricoverati per Covid, soprattutto nelle terapie intensive. Smentite le catastrofiche previsioni lanciate dalle virostar tra una candidatura e un anatema nei confronti dell’alcol. Forse adesso ci lasceranno in pace.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings