Per i profumi spendiamo un miliardo e una boccetta può costare fino a 500 euro - La Verità
Home
In primo piano

Per i profumi spendiamo un miliardo e una boccetta può costare fino a 500 euro

Contenuto esclusivo digitale

Giphy

  • Firmati da brand noti o più di nicchia, maschili o femminili sono da sempre irrinunciabili per i consumatori del nostro Paese. Su un valore del mercato italiano dei prodotti cosmetici pari a oltre 10 miliardi di euro, il settore dei profumi vale il 12,6%.
  • Il nostro olfatto è in grado di distinguere milioni di combinazioni di fragranze diverse, ma i gusti olfattivi esprimono la nostra personalità molto più di quello che pensiamo e sono in grado di indicarci quale tipologia di viaggio fa al caso nostro.
  • Il caramello per gli eterni Peter Pan, i bergamotto per gli sportivi: a ognuno il suo aroma. Regalare un eau de toilette azzeccato significa conoscere una persona ed è sicuramente uno dei migliori complimenti che si possano fare.
  • Carner Barcellona, Twinset, Maria Candida Gentile: brand simbolo della nuova stagione.
  • Tra le ultime uscite in profumeria c'è anche Bond No. 9 Greenwich Village. Prezzo per una confezione? 425 euro.
  • Dal 2011 Francesca Dell'Oro si dedica alle fragranze. Una passione nata da bambina, sulle sponde del lago di Como. Cosa scegliere per la prossima estate? «Un profumo dalle note frizzanti».

Lo speciale contiene sei articoli e gallery fotografiche.

In primo piano

«Non scendo in pista per fuggire il male ma per sconfiggerlo davanti a tutti»

Facebook

Rachele Somaschini, la campionessa di rally che lotta da anni contro la fibrosi cistica: «Basterebbe un po' di conoscenza per non infliggerla agli altri».
In primo piano

Avati racconta il demonio che è in noi: «Potere e invidia scatenano il male»

Ansa

Il Signor Diavolo, nuovo film del regista che uscirà il 22 agosto, è un ritorno al filone gotico del passato. «C'è anche il tema del sacro. Una volta i preti parlavano di peccato, oggi non lo fa nessuno. Neanche il Papa».
In primo piano

L’Ue secondo Onfray: «Uno Stato totalitario degno di Orwell»

Ansa

Il filosofo eretico è tornato: «L'Europa di Maastricht combatte libertà, storia e verità. Macron? Vuole il popolo in catene».
In primo piano

I vescovi cattolici chiedono che Tafida non resti ostaggio della sanità inglese

John Sherrington, presule responsabile sui temi della vita di Inghilterra e Galles, preme per mandare la bimba al Gaslini.
In primo piano

Le false accuse di molestie dello psicologo contro l'ex collega innocente

iStock

  • Assolta l'operatrice di una comunità di Asti che secondo Hansel e Gretel aveva abusato di una minore. Il racconto: «Pensavamo fossimo tutte lesbiche. Vedeva violenze ovunque».
  • Jacopo Marzetti: «Servono tutori volontari privati che vigilino sul sistema degli affidi».Il Garante dell'infanzia del Lazio e commissario del Forteto sarà nella squadra speciale promessa da Alfonso Bonafede: «Oggi controllato e controllore coincidono. A volte i servizi sociali non applicano le sentenze».

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Il terapeuta dei bimbi di Bibbiano accusato di maltrattare i suoi figli

iStock

Gli inquirenti si basano su alcune sulle intercettazioni di «Angeli e demoni». Il gip: «Personalità violenta e impositiva». Ma lui attacca: «Chi discute l'immagine sacra della famiglia diventa bersaglio di rabbia cieca».
In primo piano

Francesco riscende in campo per la Siria

Ansa

Il Papa chiede a Bashar Al Assad di «mettere fine alle sofferenze del popolo». Pietro Parolin: «Nessun intento politico, solo urgenza di soluzioni praticabili per la pace». Voci dall'Argentina: Ratzinger offrì all'«avversario» Bergoglio la Segreteria di Stato. Ma sono «fantasie».
In primo piano

Pure l’Abi smentisce i profeti di sventura: lo spread non incide sui mutui per la casa

iStock

Gli ultimi dati: il costo del credito per le famiglie è ai minimi. Ma il vero nodo resta l'accesso: serve la fiducia nel futuro.
In primo piano

Depositate le intercettazioni su Siri. Incredibile: gli «omissis» si leggono

Ansa

  • Nei nuovi dialoghi, Paolo Arata millanta pressioni su Silvio Berlusconi, Enrico Letta e il cardinal Raymond Leo Burke per piazzare il leghista. Ma nelle carte spunta la beffa: le parti da secretare, perché riguardano un senatore, si possono consultare.
  • E sui 30.000 euro avevamo ragione. Anche nel materiale diffuso ieri non c'è traccia del virgolettato del boss dell'eolico riportato più volte dai media. Restano invece le solite vanterie dell'imprenditore.

Lo speciale comprende due articli.