Non c'è solo il Quirinale. Per il 2022 serve un programma di governo

True
Non c'è solo il Quirinale. Per il 2022 serve un programma di governo
Ansa

Non c’è dubbio sul fatto che l’elezione del Presidente della Repubblica sia un evento politicamente cruciale, destinato a incidere per sette lunghi anni. E dunque, sarebbe ingenuo stupirsi del fatto che i partiti siano straordinariamente attenti a questo dossier. Allo stesso modo, a prescindere dalle risposte spesso discutibili e abborracciate messe in campo dalle autorità di governo, non è nemmeno sorprendente il fatto che il virus continui a occupare il centro della scena politica e mediatica. Il nuovo anno si apre all'insegna dell'inflazione e di altri problemi strutturali. Per questo ci vogliono interventi concreti, perché l'Italia non diventi solo un grande reparto Covid.

Latte crudo, fresco o pastorizzato? Le risposte per unire sicurezza e qualità
Il prodotto puro si può ancora acquistare (anche alla spina). La bollitura però è raccomandata da inizio Novecento. E i rischi non vanno ignorati.
Matteo Lovisa: «Juve Stabia in B: il lavoro fa miracoli»
Matteo Lovisa (ufficio stampa Juve Stabia)
Il ds specializzato in promozioni: «L’obiettivo era la salvezza, ma passo dopo passo abbiamo alzato l’asticella. Il mio segreto? Zero social e 20 ore di lavoro al giorno. L’algoritmo serve, però è l’occhio a fare la differenza».
Adm, firmato accordo con la Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo
content.jwplatform.com

Il protocollo d'intesa tra la Dnaa e l'Agenzia delle dogane e dei monopoli punta a migliorare l'efficienza dei rispettivi strumenti di contrasto ai fenomeni criminali. «I nostri sistemi di intelligence devono adattarsi a un mondo che cambia velocemente, per cogliere le opportunità offerte dal progresso tecnologico e dall'evoluzione dell'ordinamento giuridico» ha detto il direttore di Adm Roberto Alesse.

Continua a leggereRiduci
Valerio Cutonilli: «Acca Larenzia, la Mira ha perso un’occasione per la troppa faziosità»
Il luogo della strage di Acca Larenzia. Nel riquadro, Valerio Curtonilli (Ansa)
L’autore dell’inchiesta sulla strage: «Giusto parlare dell’accusato che si suicidò in cella. Ma perché mettere vittima contro vittima?»
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings