Omotransfobia, Coghe: «Domani a Bologna nonostante le proteste. Primo successo: Cirinnà e Logiudice in tilt» - La Verità
Home
In primo piano

Omotransfobia, Coghe: «Domani a Bologna nonostante le proteste. Primo successo: Cirinnà e Logiudice in tilt»

Ansa

«Dopo il Congresso di Verona, non si fermano l'odio e la discriminazione della lobby Lgbt e delle femministe contro di noi. Ci aspettano a Bologna con le solite contro-manifestazioni, d'altronde a loro piacciono le leggi bavaglio e le liste di proscrizione contro le opinioni 'dissidenti'» ha dichiarato Jacopo Coghe, vice presidente del Congresso mondiale delle famiglie di Verona e di Pro Vita e Famiglia che domani, insieme alla collega Maria Rachele Ruiu e al direttore delle campagne di Citinzengo Italia Filippo Savarese sarà proprio nella città del sindaco Merola per un convegno «Si alle leggi sulla famiglia, no alle leggi sull'omotransnegatività» contro il progetto di legge regionale voluto dalle Lobby Lgbt.

«Intanto» - avverte il vice presidente del Congresso mondiale delle famiglie - «un successo già lo abbiamo ottenuto. Cirinnà e Logiudice sono in tilt e stanno affrontando una crisi interna per l'emendamento contro l'utero in affitto che è stato inserito per rendere più accettabile l'inaccettabile progetto di legge dell'Emilia Romagna. È comunque una vittoria del disegno politico del Congresso mondiale delle famiglie, come ammettono gli stessi siti gay. A questo punto il senatore Logiudice insieme alla collega Cirinnà più che protestare contro di noi protestino contro loro stessi, perché non hanno convinto neanche i colleghi».
Coghe prosegue poi con un avvertimento: «Al Bologna Pride, che sarà davanti alla sede della Regione Emilia Romagna per contrastarci, diciamo che non ci fermeranno. Quanto alle femministe di Non una di meno che si preparano anche loro a una grande manifestazione domani sera, possiamo affermare che è triste vedere donne che scendono in campo in difesa della schiavitù di altre donne pagate per prestare uteri in cambio di soldi». «A tutti loro poi» - concludono - «facciamo solo una domanda: ma non vi battevate contro gli stereotipi di genere? E che fate, create a tavolino una categoria di persone che ha tutele superiori e diverse rispetto a tutti gli altri cittadini?».

In primo piano

I diritti non c’entrano. Il gay pride è un business per le multinazionali

IStock

Le sfilate sono un'ottima occasione per conquistare un mercato miliardario Infatti a fare da sponsor ci sono aziende come Coca Cola, Google e Nestlé.
In primo piano

La Chiesa italiana è senza preti e deve dire: «Prima gli stranieri»

Ansa

Il crollo delle vocazioni crea disagi nella gestione delle nostre 27.000 parrocchie. Per questo è sempre più frequente vedere sugli altari nigeriani, congolesi o filippini. Per Bergoglio si tratta di una «emorragia».
In primo piano

Sarkozy non ride più. L’ex presidente finirà alla sbarra per corruzione

Ansa

  • I fatti risalgono al 2014: avrebbe tentato di avere informazioni sul caso Bettencourt in cambio di raccomandazioni a un giudice.
  • Ci sarebbe Khalifa Haftar, l'uomo forte di Tobruk dietro il raid di Tajoura, che ha danneggiato anche un magazzino legato all'Eni in Libia. Un messaggio al Paese che più sostiene Fayez Al Serraj?

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

L’ex membro Csm indagato si difende. Ma s’incontrò con l’uomo di Bonafede

Ansa

Spunta un pranzo tra il pm Luigi Spina e il vice capo di gabinetto del Guardasigilli: nel menu la Procura di Roma. Cosimo Ferri smentisce David Ermini: ha visto Luca Lotti di recente. Francesco Greco choc: «Logiche romane, al Nord è tutto diverso».
In primo piano

Un’economia con l’uomo al centro deve servire la propria nazione

Ansa

Pubblichiamo la prefazione del cardinal Gerhard Müller al libro di Riccardo Pedrizzi: l'ex prefetto del Sant'Uffizio riflette sui limiti dei dogmi liberali e del profitto nelle società contemporanee, che cancellano le comunità.
In primo piano

Il Tribunale Ue «cancella» il marchio Adidas

Ansa

Per la Corte le famosissime tre strisce «non hanno carattere distintivo in tutta Europa». La causa è iniziata dopo che un'azienda di scarpe belga si era vista respingere un logo con due bande perché troppo simile a quello del colosso tedesco. Titolo giù del 2,27%.
In primo piano

Revolut vuole l'Italia per portare il fintech nel Mediterraneo

Contenuto esclusivo digitale

Milano sarà il quartier generale per lo sviluppo della società di fintech londinese, che cancellando i costi di commissione per le spese in oltre 150 valute e permettendo di gestire un conto online tramite una app, ha già conquistato oltre 5 milioni di clienti.