Povero Conte, il superman delle dimenticanze

Povero Conte, il superman delle dimenticanze
Giuseppe Conte (Ansa)

Caro Giuseppe Conte, le scrivo questa cartolina perché ho finalmente capito la sua grande fortuna: lei non ricorda. Ecco la vera forza, ecco la vera abilità: lei ha una memoria da pesciolino rosso, la capacità di dimenticarsi anche chi era fino a ieri, e che cosa ha mangiato per colazione.

Dreher e De Benoist: «Evitare la guerra civile»
Da sinistra: Alain De Benoist (Ansa) e Rod Dreher (Wikipedia)

A colloquio coi protagonisti.

Alain De Benoist: «Non è una sorpresa: Donald era stato dipinto come il male». Il teorico della Nuova Destra: «Lo hanno sempre demonizzato trattandolo da nemico, non da avversario. Ora vincerà di certo».

Rod Dreher: «Adesso rischiamola guerra civile: no alle vendette». L’intellettuale conservatore: «Trump non mi entusiasma, ma va votato per fermare la sinistra, che ha le mani sporche di sangue».

Lo speciale comprende due articoli.

«Ha sparato un cronista romanista»
Marco Violi
Per alcune ore i media (pure la Cnn) hanno identificato l’attentatore in Marco Violi. La bufala partita da un account (poi chiuso) di un antipatizzante. Lui: denuncio tutti.
Saviano & C. a nudo: «Ora sarà una vittima»
Roberto Saviano (Ansa)
Lo scrittore: «La storia politica insegna che il proiettile che manca il bersaglio lo rafforza». Con toni più soft, Myrta Merlino dice la stessa cosa. Per Marta Ottaviani l’attentato è «preparato». Giorgia Meloni: «Minimizzazioni e giustificazioni inaccettabili».
Il ruggito del leone insanguinato: «Non lasceremo che vinca il male»
Donald Trump (Ansa)
L’ex presidente ferito ringrazia Dio e lancia anche messaggi di pace: «Ora è importante restare uniti». Elon Musk, che continua a finanziarlo, è tra i primi a esprimergli solidarietà: «Sono con lui, spero si riprenda».
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Preferenze Privacy