Facebook, e questi non li cancelli? - La Verità
Home
In primo piano

Facebook, e questi non li cancelli?

Ansa

Sul social proliferano pagine blasfeme, antisemite, o piene di insulti a Salvini e ai suoi elettori. Attivi, nonostante le segnalazioni, pure i profili dei trafficanti di esseri umani. Si oscura solo chi è di destra.
In primo piano

Trent’anni fa cadde il Muro di Berlino. Ora una Norimberga del comunismo

Ansa

Il 9 novembre 1989 migliaia di uomini oltrepassarono la barriera tra Germania Est e Ovest: il regime crollò Tutto nacque da un «disguido» di comunicazione. In pochi mesi le dittature in Europa furono spazzate via.
In primo piano

La politica è morta. Resta solo un derby tra tecnocrati e multiculturalisti

getty images

Nel mondo postmoderno lo Stato è ridotto a fare il poliziotto al servizio del libero mercato e dell'umanitarismo tollerante.
In primo piano

Un anno fa la Commissione bastonava l'Italia, ora tace: segno che dà giudizi politici, non economici. Ma i conti si fanno a dicembre

In primo piano

Altro allarme attentato nella polizia. Parigi trema: jihad dentro lo Stato

Ansa

Tensione a un corso per agenti. Segnalata arma non autorizzata, fermato un uomo. Intanto si allarga la rete del killer della prefettura: cinque arresti. Turista francese assassinato in Tunisia al grido di «Allah akbar»
In primo piano

Di Maio esulta per il finto embargo ai turchi

Ansa

Ue fantasma sulla crisi in Siria. Il consiglio dei ministri degli Esteri non va oltre la «condanna» dell'attacco di Ankara contro i curdi. Mentre sullo stop alle armi ognuno fa come vuole: i giallorossi si accoderanno a Francia e Germania, anche se non servirà a nulla.
In primo piano

Via libera al matrimonio transgender

iStock

Si sono sposati nel 2016, poi hanno deciso entrambi di cambiare sesso. Secondo il giudice le loro nozze sono ancora valide e i documenti vanno adeguati. Gli attivisti festeggiano: «Sentenza storica, ha vinto l'amore».
In primo piano

E-Distribuzione ripensa i processi in chiave digitale

iStock

La digitalizzazione e le tecnologie digitali stanno dando alle aziende supporto strategico per promuovere una cultura dell'innovazione, ripensare i modelli di business e rendere le imprese più competitive. Consentendo di migliorare il business tradizionale ma anche di esplorare spazi di mercato completamente nuovi, contribuendo a valorizzare la grande quantità di informazioni a disposizione e anticipare i nuovi trend.

Nel settore energetico, l'ICT (insieme delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione) è importante strumento per mezzo del quale promuovere la sostenibilità economica, ambientale e sociale. Consapevole di questo, nel 2017 E-Distribuzione, la società che gestisce le infrastrutture e la rete elettrica di distribuzione in Italia, ha lanciato DigI&N Italy, programma che ha l'obiettivo di ripensare i processi tecnici e commerciali facendo leva sull'introduzione di tecnologie digitali e del design thinking.

Nell'ottica della semplificazione dei rapporti con i clienti, è stato ripensato e digitalizzato l'intero processo di gestione delle richieste di allacciamento alla rete. Oltre 32 milioni i clienti che beneficeranno delle novità introdotte e circa 15.000 le persone in azienda interessate dal cambiamento: questi i numeri del nuovo processo di gestione delle connessioni.

Il risultato è un processo completamente rinnovato, dalla fase di acquisizione della richiesta fino alla chiusura delle attività, inclusi tutti gli step intermedi, come la preventivazione, l'assegnazione e l'esecuzione dei lavori.

Il lavoro di snellimento e di semplificazione dell'intero processo, tramite l'integrazione delle nuove funzionalità tecnologiche, è stato anticipato da un'indagine preliminare finalizzata ad individuarne i principali punti deboli. È stata ripercorsa l'esperienza del cliente, mappando i principali momenti di interazione con l'azienda e i canali di contatto disponibili. A valle di questa analisi è stata quindi ridisegnata una nuova customer journey secondo un'ottica maggiormente centrata sul cliente.

I nuovi strumenti, oltre ad agevolare il cliente, semplificano la gestione delle pratiche, a vantaggio della trasparenza, dell'ottimizzazione e di una pianificazione operativa più efficiente. Il POD Identifier, ad esempio, è il nuovo servizio che permette l'identificazione automatica del POD associato ad una fornitura a partire da dati facilmente reperibili quali il codice fiscale o la P.IVA del cliente o l'indirizzo di fornitura, per citarne alcuni. Inoltre, grazie al nuovo servizio Preventivo Smart, è possibile avere informazioni immediate su tempi e costi di gran parte delle richieste di attività.

Il Tracking Pratica e il Tracking in campo permettono invece al cliente di conoscere lo stato di avanzamento delle sue pratiche, fornendo notifiche in tempo reale, e di essere aggiornato sui tempi di arrivo del personale incaricato. Grazie al nuovo servizio di sicurezza e-PIN, il cliente può inoltre identificare l'operatore che si presenta per eseguire attività che comportano l'accesso nella sua abitazione, grazie a un PIN usa e getta generato dall'operatore stesso. La verifica può essere effettuata tramite il Numero Verde, il sito web o l'APP di E-Distribuzione, accedendo al servizio dedicato.

Quanto visto rappresenta solo una piccola parte del programma di trasformazione digitale che coinvolge E-Distribuzione, sempre più attenta alle esigenze dei clienti e a mettere a disposizione soluzioni all'avanguardia per migliorare costantemente la qualità del servizio offerto.

In primo piano

Lo scandalo Bibbiano non è finito. Ora c’è pure una nuova indagata

Ansa

L'inchiesta sugli affidi facili si allarga al Comune di Reggio Emilia. Nel mirino dei magistrati finisce una funzionaria pubblica molto legata a Federica Anghinolfi: avrebbe rilasciato false dichiarazioni.
In primo piano

L’editoria data da tutti per morta torna nel mirino dei fondi esteri

Ansa

Malgrado lo stato di salute degli operatori dei media, il settore continua a essere al centro di grandi manovre. Oltre alla telenovela sul gruppo Gedi, c'è Peninsula che investe in Mediaset e la querelle Blackstone-Cairo.
In primo piano

L’impunità dem per gli squadristi a 5 stelle

Video Mediaset

L'aggressione anche fisica all'inviato delle Iene, più violenta di quella a Gad Lerner a Pontida, è stata anestetizzata dai media. Nessuno scandalo o allarme democratico. Tace il soccorso rosso social di Roberto Saviano e Chef Rubio. Tutto derubricato a puro folclore.