Coghe e Brandi (Pro Vita e Famiglia): «Dal Congresso di Verona al Manifesto per i candidati alle Europee» - La Verità
Home
In primo piano

Coghe e Brandi (Pro Vita e Famiglia): «Dal Congresso di Verona al Manifesto per i candidati alle Europee»

Ansa

Ecco il Manifesto con cui Pro Vita e Famiglia impegna i futuri candidati a sottoscrivere i propri punti

Clicca qui per consultare il documento

«È tempo di fatti. A chi sarà eletto al Parlamento europeo chiediamo un impegno solenne e concreto per la famiglia e per la vita. Il vento in Europa cambierà anche attraverso il nostro Manifesto»: è la dichiarazione di Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vicepresidente del Congresso delle famiglie di Verona e di Pro Vita & Famiglia, che hanno redatto un Manifesto per la vita e la famiglia che si vuole opporre alle derive antropologiche in atto. I candidati delle prossime elezioni europee, che aderiscono ai punti proposti, potranno firmarlo e rinviarlo a segreteria@wcfverona.org, con foto allegata al momento della sottoscrizione, in modo che l'Associazione possa promuovere a più dei suoi 500.000 sostenitori, attraverso i suoi canali social sul web e tramite sito e stampa, i nomi dei futuri parlamentari europei vicini al manifesto pro family.

«In questa Europa troppo indifferente alla sorte dei deboli, chiediamo che i candidati al Parlamento europeo rispettino tre punti fermi nella loro azione politica», hanno continuato i due organizzatori del Congresso di Verona.

«Primo: si contrasti in ogni modo la legalizzazione, la diffusione e l'agevolazione», hanno continuato Brandi e Coghe, «della pratica dell'utero in affitto, sia dietro compenso che a titolo gratuito e che non venga in alcun modo promossa la legalizzazione dell'adozione dei bambini comprati o ottenuti all'estero tramite utero in affitto».

«Secondo», hanno proseguito, «si faccia rispettare a ogni livello l'art 26/3 della Dudu: «I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli». No quindi all'indottrinamento gender nelle scuole. Terzo, si contrasti seriamente la sessualizzazione precoce dei bambini e degli adolescenti spesso veicolata dai media, dalle campagne marketing, nei programmi televisivi e anche dalla cosiddetta "educazione sessuale globale" nelle scuole, che ha conseguenze molto negative».

«In ultimo, ma non meno importante», avvertono presidente e vice presidente di Pro Vita & Famiglia, «il candidato si impegni a promuovere a livello comunitario l'istituzione di uno specifico fondo 'salva-famiglia' per la natalità e i nuclei familiari numerosi e/o in difficoltà con modalità e procedure comuni negli Stati membri».

In primo piano

L’ambasciatore Usa di cui Trump ha chiesto la testa imbarazza la Lega

Ansa

Armando Varricchio osservato speciale: si espose già con Hilary Clinton alle elezioni e ora flirta con la sinistra americana e italiana.
In primo piano

L’aborto è un crimine ma il vero assassino è la società: le donne sono solo vittime

Ansa

Uccidere un feto è un suicidio differito: così la madre elimina una parte di sé. Perciò abbiamo fondato i Giornalisti per la vita.
In primo piano

«L’unico vero accanimento contro Lambert è quello di chi vuole vederlo morire»

Ansa

  • Il sacerdote e genetista dell'Università Cattolica fa chiarezza sulla situazione clinica del francese: «La sua sola colpa è quella di occupare un letto ritenuto troppo costoso».
  • Non è in fin di vita: come lui in Francia ci sono altre 1.700 persone.
  • Il tribunale di Parigi stabilisce che nutrizione e idratazione debbano continuare. E concede sei mesi di tempo all'Onu per esprimersi sul caso. La madre: «Lo portino in una struttura specializzata». Ma la moglie insiste perché sia ucciso e annuncia altre azioni legali.

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

Una salernitana può mandare all’inferno la Salernitana

Ansa

La squadra di Claudio Lotito si era salvata d'ufficio. Ora il Coni deve decidere se farà i playout. La patata bollente a una cittadina speciale...
In primo piano

Tridico è il presidente di nessuno. Ma si inventa l’ufficio antipovertà

Ansa

La nomina ufficiale è arrivata in Cdm, però del consiglio di amministrazione non c'è traccia. Il che, in teoria, potrebbe gettare un'ombra di legittimità sui suoi atti. Intanto lui ha avviato la riorganizzazione dell'Istituto.
In primo piano

Il governo tiri fuori i voli di tutti i ministri

Ansa

«Repubblica» si scandalizza per i (pochi) viaggi a spese nostre di Matteo Salvini. Eppure Angelino Alfano e Marco Minniti hanno usato velivoli di Stato più spesso del leghista. E, guarda caso, molti di questi avevano come meta le rispettive zone d'origine degli inquilini del Viminale.
In primo piano

Un’altra indagine su babbo Renzi. E Matteo intanto è pronto a tornare

  • La bella vita dei fratelli Conticini grazie ai soldi della beneficenza. L'indagine sulla presunta appropriazione indebita e il riciclaggio racconta i maneggi con cui 6,6 milioni di dollari sono finiti nella disponibilità dei parenti dell'ex segretario del Pd.
  • Tiziano Renzi, intervistato da Rtv38 (https://www.facebook.com/watch/?v=593637404482860), dice che gli «hanno distrutto un'azienda con 5 milioni di fatturato». Ma dichiarava un organico di sole 6 persone. Sott'inchiesta per la bancarotta dell'ennesima coop.
  • Il Bullo provoca: sotto il 25% non è vittoria. Ma spera che il governo regga per capire cosa fare.

Lo speciale contiene tre articoli.