Coghe e Brandi (Pro Vita e Famiglia): «Dal Congresso di Verona al Manifesto per i candidati alle Europee»

Coghe e Brandi (Pro Vita e Famiglia): «Dal Congresso di Verona al Manifesto per i candidati alle Europee»
Ansa

Ecco il Manifesto con cui Pro Vita e Famiglia impegna i futuri candidati a sottoscrivere i propri punti

Clicca qui per consultare il documento

«È tempo di fatti. A chi sarà eletto al Parlamento europeo chiediamo un impegno solenne e concreto per la famiglia e per la vita. Il vento in Europa cambierà anche attraverso il nostro Manifesto»: è la dichiarazione di Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vicepresidente del Congresso delle famiglie di Verona e di Pro Vita & Famiglia, che hanno redatto un Manifesto per la vita e la famiglia che si vuole opporre alle derive antropologiche in atto. I candidati delle prossime elezioni europee, che aderiscono ai punti proposti, potranno firmarlo e rinviarlo a segreteria@wcfverona.org, con foto allegata al momento della sottoscrizione, in modo che l'Associazione possa promuovere a più dei suoi 500.000 sostenitori, attraverso i suoi canali social sul web e tramite sito e stampa, i nomi dei futuri parlamentari europei vicini al manifesto pro family.

«In questa Europa troppo indifferente alla sorte dei deboli, chiediamo che i candidati al Parlamento europeo rispettino tre punti fermi nella loro azione politica», hanno continuato i due organizzatori del Congresso di Verona.

«Primo: si contrasti in ogni modo la legalizzazione, la diffusione e l'agevolazione», hanno continuato Brandi e Coghe, «della pratica dell'utero in affitto, sia dietro compenso che a titolo gratuito e che non venga in alcun modo promossa la legalizzazione dell'adozione dei bambini comprati o ottenuti all'estero tramite utero in affitto».

«Secondo», hanno proseguito, «si faccia rispettare a ogni livello l'art 26/3 della Dudu: «I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli». No quindi all'indottrinamento gender nelle scuole. Terzo, si contrasti seriamente la sessualizzazione precoce dei bambini e degli adolescenti spesso veicolata dai media, dalle campagne marketing, nei programmi televisivi e anche dalla cosiddetta "educazione sessuale globale" nelle scuole, che ha conseguenze molto negative».

«In ultimo, ma non meno importante», avvertono presidente e vice presidente di Pro Vita & Famiglia, «il candidato si impegni a promuovere a livello comunitario l'istituzione di uno specifico fondo 'salva-famiglia' per la natalità e i nuclei familiari numerosi e/o in difficoltà con modalità e procedure comuni negli Stati membri».

La crisi dei Bitcoin, dai mancati pagamenti all'Inter ai casi di riciclaggio
  • L’accordo di appena un anno fa, della durata di quattro stagioni e per un totale di 85 milioni di dollari, è già saltato. I nerazzurri hanno dovuto rinviare la presentazione della seconda maglia. A gennaio a New York c'era chi metteva in dubbio Digitalbits.
  • È un mercato senza controlli e senza restrizioni sugli importi delle transazioni. Quindi per i criminali diventa facilissimo acquistare, rivendere e spostare la crittografia anche in altri portafogli «non dichiarati».

Lo speciale contiene due articoli.

Per gli Usa l’Ucraina è uno Stato canaglia
Jessica Chastain e Volodymyr Zelensky (Ansa)
Un rapporto del governo americano svela la realtà del Paese sotto Volodymyr Zelensky: torture diffuse, arresti arbitrari, libertà di stampa compromessa, corruzione. Questo non giustifica la guerra, ma dà un colpo alla tesi della difesa di un baluardo di democrazia.
La veterinaria di Kiev cura i soldati: «Con loro è più facile che con i cani»
(Foto Niccolò Celesti)
A ridosso della città occupata di Kherson, l’esile Victoria racconta la sua esperienza: «Alla mia famiglia ho mentito, mi hanno scoperto sentendo le esplosioni al telefono. Le bombe? Ormai ci sono abituata».
A ottobre in Florida l'Expo del commercio internazionale

Il 19 e 20 ottobre, a Fort Lauderdale si terrà presso il Broward County Convention Center la settima edizione del Fitce, il Florida International Trade and Cultural Expo, evento a cui parteciperanno aziende di tutto il mondo ed esperti di commercio internazionale.

Una vera e propria esposizione universale del mondo del commercio presso il Broward County Convention Center nella città di Fort Lauderdale farà da cornice all'evento che ospiterà oltre 2.000 realtà imprenditoriali, sia locali che internazionali. Si tratta di un'opportunità unica che vedrà coinvolti anche numerosi leader governativi ed esperti di commercio internazionale provenienti da oltre 60 Paesi nel mondo. Ci saranno dialoghi relativi al commercio globale, ma anche agli investimenti diretti esteri e alla cultura. La Florida si inserisce in questo contesto come punto logistico strategico per il commercio mondiale, fungendo da hub non solo per il Nord America e l'Europa, ma anche e soprattutto verso l'Africa, il Centro e Sud America e tutta la zona caraibica. Ragion per cui anche quest'anno, come nelle passate edizioni, sarà folta la presenza di leader di governo di Paesi di quell'area. Negli ultimi anni hanno partecipato, tra gli altri, il presidente del Costa Rica Luis Guillermo Solis Rivera, il presidente di Panama Nicolas Ardito, il presidente del Guatemala Vicinio Cerezo, il presidente della Bolivia Carlos Mesa, il presidente della Repubblica Dominicana Leonel Fernandez, il presidente dell'Uruguay Luis Alberto Lacalle, il Primo ministro di Haiti Gerard LaTortue, il ministro del Commercio, industria, commercio e consumatori di Antigua Chet Greene. Il Florida International Trade and Cultural Expo negli anni si è rilevato un importante occasione di dialogo e confronto anche per i Paesi africani, con la presenza del ministro del Lavoro nigeriano Festus Keyamo, del sindaco di Accra Elizabeth Kaa Kwatsoe Tawiah Sackay in rappresentanza del Ghana. Per l'Italia, invece, ha partecipato l'ex presidente del Senato Mario Bacini. Nel corso delle scorse edizioni, infatti, Fitce è riuscita ad attrarre migliaia di partecipanti tra cui aziende internazionali, imprese locali, agenzie commerciali federali, statali e locali.

L'obiettivo dell'edizione 2022 è quello di riuscire ad accogliere nuove attività, espandere le vendite globali, collaborare e connettersi attraverso strumenti e risorse da condividere. Gli organizzatori hanno stimato in questa due giorni in Florida una presenza di 500 aziende internazionali e 1.500 statunitensi, tutte con la volontà di stabilire ed espandere la propria attività nel Sud della Florida e fare affari in tutto il mondo. Saranno numerosi i pannelli dedicati alla scoperta delle risorse e all'assistenza per il commercio internazionale, come per esempio 11 passaggi per esportare e Come importare negli Stati Uniti. I partecipanti avranno anche occasione di immergersi nella cultura mondiale grazie a una mostra di arte visiva locale e internazionale allestita al Broward County Convention Center, numerosi spettacoli multiculturali, sessioni speciali e attività. Un'importante novità per le aziende che desiderano partecipare alla settima edizione Florida International Trade and Cultural Expo, consiste nel pacchetto delegazione internazionale gratuito, che include un tavolo espositivo di 6 piedi, poco più di 1,8 metri. Per confermare la partecipazione è necessario inviare entro il 13 settembre una mail a pisaac@broward.org o chiamare la responsabile dell'ufficio Sviluppo economico Paola Isaac Baraya al 954.357.7894.

Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

Le perdite di acqua nella rete

Pillole di numeri
Trending Topics
Change privacy settings