Nel duello Usa-Europa per i mega droni armati spunta il terzo incomodo russo

True
Nel duello Usa-Europa per i mega droni armati spunta il terzo incomodo russo
Un mega drone X 47 b
  • C'è un'importante competizione in ambito militare della quale si parla poco ma che sta costringendo Usa ed Europa a rincorrersi sul piano tecnologico. È quella per la creazione dei velivoli armati a controllo remoto (Ucav, unmanned combat aerial vehicle), veri mostri tecnologici. Ora a calare l'asso è Vladimir Putin
  • Mentre in India c'è rissa per piazzare i velivoli multiruolo. Una novantina di aeromobili saranno acquistati da una casa estera ma con la clausola che almeno l'85% di essi dovrà essere assemblato in loco. Boeing, Saab ed Eurofighter in lizza.

Lo speciale contiene due articoli, video e una gallery fotografica.

La débâcle leghista colpisce anche Bossi. Si tenta di salvarlo con il seggio a vita
Umberto Bossi (Antonio Masiello/Getty Images)
Il Carroccio fallisce quota 100: avrà 95 parlamentari. Esclusi Simone Pillon, Armando Siri, Giulio Centemero e il Senatur, che non voleva candidarsi.
La Lega «assolve» Salvini: i suoi pm sarebbero finiti alla sbarra con lui
Da sinistra: Luca Zaia, Massimiliano Fedriga, Attilio Fontana
  • I governatori che guidano la fronda interna contro il Capitano sono gli stessi che hanno fatto scappare gli elettori. Per colpa del loro appiattimento sul disastro del Covid. Il leader ha le sue colpe e paga soprattutto l’appoggio a Mario Draghi (voluto pure dai detrattori).
  • Nel Carroccio la minoranza si muove ma per ora il capo è saldo al comando. Roberto Maroni attacca Matteo Salvini sui giornali: «Serve un nuovo segretario». E le bordate arrivano pure dal Senatur e da Roberto Castelli. Al consiglio federale però la leadership non viene messa in discussione. Anche se la base ribolle.

Lo speciale comprende due articoli.

L’università di Genova lascia in cattedra il prof imputato per il disastro del Polcevera
Antonio Brencich (Imagoeconomica)
Il pm «suggerì» l’allontanamento di Antonio Brencich, ma il rettore chiese aiuto alla prorettrice indagata per Concorsopoli per salvarlo: «Non intendo sospenderlo».
I segretari Pd passano, le correnti no. E parte la ricerca di un’altra figurina
Enrico Letta e Elly Schlein (Imagoeconomica)
Il partito di Enrico Letta si sente poco bene, ma i gruppi interni di potere stanno benissimo. Attivi già dai primi sondaggi. Hanno sempre macinato i capipartito. Dovranno scegliere tra Stefano Bonaccini, Elly Schlein, Paola De Micheli o un outsider.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings