Armi, da Draghi ultimatum a Conte: «O si rispettano gli impegni o a casa»

Armi, da Draghi ultimatum a Conte: «O si rispettano gli impegni o a casa»
Giuseppe Conte (Imagoeconomica)
  • Il governo non intende mettere in discussione la decisione sull’aumento delle spese militari al 2% del Pil. Imprevedibili gli sviluppi della rottura. E il premier, infuriato per il voltafaccia grillino, va da Sergio Mattarella.
  • Il leader del M5s esce con il ciuffo ammaccato dalla ripetizione del voto tra gli iscritti. Era l’unico in corsa, ha raccolto il 94% dei favori, ma meno partecipanti e preferenze.

Lo speciale contiene due articoli.

Il traffico dei finti profughi
Getty images

Sono ucraini, in gran parte badanti, in Italia da tempo e risultano clandestini. Ora escono dal Paese, vengono portati in Romania o Slovenia e rientrano facendosi dare il permesso di soggiorno. Con i benefici connessi. Reddito di cittadinanza (eterno) compreso.

La ricostruzione ucraina non si paga con i beni confiscati
Getty images

Volodymyr Zelensky dice che ci vorranno 600 miliardi e che dovranno essere presi alla Russia. Ma pare assai difficile anche dal punto di vista legale. Il rischio è che tocchi a noi: sarebbe il colpo di grazia.

Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

Il traffico dei finti profughi

Featured Homepage
Trending Topics
Change privacy settings