A forza di ultimatum i Benetton sono sempre in sella

A forza di ultimatum i Benetton sono sempre  in sella

Il penultimatum scade domani. Ma forse poi arriverà un nuovo penultimatum e dopo questo probabilmente ci sarà il penultimatum del penultimatum. Del resto, c'è chi ne ha già contati una dozzina e forse più, perché un penultimatum tira l'altro, come le ciliegie: l'importante è che il nocciolo non vada di traverso. E qui il nocciolo rischia proprio di andare storto, non tanto a Giuseppe Conte, che abile qual è nelle manovre di Palazzo, sa come attutire i pericoli di una sua caducazione, ma agli italiani, i quali rischiano di pagare a caro prezzo le promesse del presidente del Consiglio.

Le figuracce di Letta capro espiatorio dell’operazione Conte e i mal di pancia Pd
Giuseppe Conte e Enrico Letta (Ansa)
Il segretario non ne azzecca una. Gli errori più recenti: cedere al trio Bettini-Zingareti-Franceschini e fare irritare Sergio Mattarella
«Il dialetto va difeso dall’estinzione ma a scuola si insegni solo l’italiano»
Gian Luigi Beccaria
Il linguista Gian Luigi Beccaria «Gli idiomi locali si parlano, non si scrivono. Nelle aule occupiamoci di difendere quello nazionale, dato che pure i laureati hanno difficoltà a usarlo. La grammatica da sola, senza letteratura, è un’arma spuntata»
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

#LaVeritàAlleSette

alle-7-video
Trending Topics
Change privacy settings