Con proiettili di gomma e cariche, Macron mette il bavaglio al popolo francese

True
  • Gli episodi che hanno visto coinvolti due cronisti, Jean Ségura e Taha Bouhafs, danno un'idea concreta di come gli agenti transalpini trattino i giornalisti durante le manifestazioni.
  • Nicolas Descottes, il fotografo freelance ferito gravemente durante una protesta dei gilet gialli: «Non ho perso la vista solo perché il proiettile mi ha colpito qualche centimetro sotto l'occhio».
  • Non solo botte e manganellate: sui professionisti dell'informazione incombe anche il rischio di incappare nelle sanzioni previste dalla legge sulle fake news, approvata dalla maggioranza macronista a fine 2018.
  • Ivan Rioufol, editorialista di Le Figaro, scrive: «Le botte ai giornalisti sono una dimostrazione del fatto che il potere attuale è allo stremo».

Lo speciale contiene quattro articoli.

biaco custoza vino cucina
Le colline di Custoza e nel riquadro la battaglia del 1848 (Getty Images)
Fra i tanti vini con vivace vena patriottica (Barolo, Barbaresco, Chianti, Malvasia, Lambrusco) è il più risorgimentale di tutti. Nasce sulle colline veronesi a Sud del lago di Garda, sulle zolle dove nel 1848 e nel 1866 si combatterono sanguinose battaglie.
cancel culture storia
Scritte contro Cristoforo Colombo a Città del Messico (Getty Images)
«La cancel culture è l'opposto di un movimento progressista, ha preso piede in nazioni anglosassoni per via del puritanesimo religioso. Il governo dei migliori? Da Platone in poi, ognuno chiama così quello che gli piace».
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

I femminicidi in Italia

Pillole di numeri
Trending Topics
Change privacy settings