Utero in affitto, Toni Brandi: «Da applausi il ddl Pillon» - La Verità
Home
In primo piano

Utero in affitto, Toni Brandi: «Da applausi il ddl Pillon»

Ansa

«È da applausi il ddl contro il turismo riproduttivo che chiede di punire la maternità surrogata anche quando praticata all'estero. L'utero in affitto non è solo un reato, è anche un abominio che il nostro Stato non può tollerare»: così in una nota Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidenti rispettivamente di Provita e Generazione Famiglia, tra le associazioni promotrici del Family Day, in merito al disegno di legge presentato a Palazzo Madama dal senatore della Lega Simone Pillon per porre fine alla cosiddetta pratica dell'utero in affitto. Per Brandi «la civiltà occidentale non può permettere che si schiavizzino le donne e si commercino i bambini facendo passare un grave crimine come un diritto. Né può ammettere la commercializzazione di gameti o di embrioni, perché è civile ciò che cancella la barbarie e non ciò che la perfeziona e la rende più crudele». «Contro il 'turismo riproduttivo' che mira alla maternità surrogata» - aggiunge Coghe - «riscontriamo un risultato dietro l'altro: dalla mozione adottata in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne alle sentenze della Cassazione che hanno ribadito il principio del rispetto dell'ordine pubblico e la presenza del reato anche quando si presta l'utero gratis. Bene, il progresso non può diventare un capriccio delle circostanze che impedirà per sempre a un bambino di pronunciare la parola mamma o papà». Infine per Brandi e Coghe punire anche con la reclusione da tre a sei anni chi realizza, organizza o pubblicizza la o la surrogazione di maternità non è solo «giusto, ma necessario, come anche il divieto di iscrivere o trascrivere atti di nascita con genitori dello stesso sesso ovvero con più di due genitori».

In primo piano

Bruxelles non è la cura ma il paziente che fa ammalare anche gli europei

Ansa

Il sogno dell'Europa di sbarazzarsi degli Stati nazionali è fallito. L'eguaglianza imposta a tutti ha portato malessere e depressione. Eppure i burocrati insistono nel mettere al primo posto il controllo della spesa.
In primo piano

Sei del Pd? Allora puoi odiare i rom

Ansa

Il «Corriere della Sera» intervista un militante democratico di Torre Maura. In strada gridava di bruciare i nomadi, però è di sinistra, dunque «non è razzista, solo stanco».
In primo piano

Cedi sovranità e perdi ricchezza. Alle urne per riparare il sistema Ue

Ansa

Europeismo acritico significa voler perpetuare l'attuale situazione, che impoverisce l'Italia e destabilizza in prospettiva l'euro e i nostri risparmi. L'alternativa è il sovranismo razionale: evita danni e produce benefici.
In primo piano

Il 30% delle leggi italiane è deciso altrove

Ansa

Negli ultimi 5 anni, su 618 provvedimenti normativi adottati, ben 187 sono di matrice europea. Voluti non dall'Europarlamento, l'unico al mondo privo del diritto di iniziativa legislativa. Ma imposti dalla Commissione, composta da non eletti «competenti».
In primo piano

Il re dei flussi di voto: «Salvini dittatore? Macché, al massimo è un dettatore»

Marco Valbruzzi

Il capo dell'Istituto Carlo Cattaneo Marco Valbruzzi: «Ogni big ha interpretato un ruolo: Di Maio è quello che ha cambiato maggiormente».
In primo piano

Morlacco, il formaggio dei nomadi che trovò casa sul monte Grappa

Ansa

Il prodotto nacque nella lontana Dalmazia e fu portato in Italia dalla Serenissima. Le cime sacre, in virtù delle condizioni climatiche, ne divennero la culla. Oggi viene lanciato come volano per l'economia di frontiera.
In primo piano

Con TheCorner.com lo shopping online si fa in negozio

Contenuto esclusivo digitale

iStock

Il dibattito sullo shopping online e offline sembra essere sempre attuale. C'è chi preferisce fare acquisti comodamente sul divano e chi invece non riesce assolutamente a rinunciare all'esperienza in negozio. TheCorner.com nasce proprio dalla necessità di coniugare queste due anime, all'apparenza apposte, regalando ai propri visitatori una «shopping experience» unica nel suo genere.

In primo piano

Ultimo si toglie il passamontagna: racconta «Nikita» Boccassini fino al caso Consip

Contenuto esclusivo digitale

Dalle indagini «alla Moscova» di Milano con una giovane Ilda Boccassini chiamata in codice «Nikita», passando per l'arresto del boss mafioso Totò Riina a Palermo fino all'inchiesta Consip e alle polemiche con l'ex presidente del Consiglio Matteo Renzi. Fermate il Capitano Ultimo! scritto da Pino Corrias (Edizione Chiarelettere) è un libro importante per capire la storia di chi in questi ultimi trent'anni di storia d'Italia ha indagato a fondo sugli incroci tra mafia e politica.