La Verità - Turismo e viaggi
In primo piano

L'Uzbekistan, a metà strada tra Mosca e Pechino, affida la sua diplomazia all'hockey

Contenuto esclusivo digitale
  • La repubblica caucasica sta cercando di promuovere il suo brand attraverso lo sport. Per riuscirci a Tashkent è stato costruito un palazzetto del ghiaccio da 12.500 posti con l'obiettivo di riallacciare i fili con la storia e tornare competitivi nelle discipline invernali, come ai tempi dell'Unione sovietica.
  • Il ruolo dell'ex Stato sovietico nel progetto della nuova Via della seta: un'irripetibile opportunità per sviluppare le proprie infrastrutture e favorire quel processo di inserimento nell'economia globale; ma anche un rischio di dipendenza da Pechino.
  • Le ricchezze della capitale uzbeka: da una parte la città vecchia di epoca persiana che sopravvive nella parte orientale, dall'altra quella ricostruita in pieno stile sovietico sulle macerie lasciate dal forte terremoto del 1966.

Lo speciale contiene tre articoli e due fotogallery.

In primo piano

In pellegrinaggio sulle orme degli scrittori

Giphy

  • L'ultima moda è il turismo letterario, tanto che le case editrici si stanno riconvertendo in agenzie di viaggi. Londra batte tutti con Harry Potter e Sherlock Holmes, ma anche l'Italia scala le classifiche con la Sicilia di Montalbano e la Bassa di Guareschi.
  • Il centro commerciale sfida il Web. Investimento da oltre 1 miliardo. Nel 2022 aprirà Milanord2, con una piazza di 41.000 metri quadrati per sport ed eventi.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

I musei espongono l'ottava arte: guida alle mostre con la realtà aumentata

Contenuto esclusivo digitale
  • Il primo visore nacque alla fine degli anni Cinquanta negli Stati Uniti e serviva per vivere esperienze parallele durante la proiezione di pellicole cinematografiche. Nel 2017 i guadagni globali della Vr si aggiravano attorno ai 2,7 miliardi di dollari ma, secondo le previsioni di Goldman Sachs, entro il 2020 supereranno ampiamente i 24 miliardi.
  • Stefano Fake di Fake Factory è tra i principali esponenti delle realtà esperienziali applicate al mondo della cultura. «La realtà aumentata è l'ottava arte e rivoluzionerà il mondo come successe in passato con il cinema».
  • Da Torino a Montecatini. Rivedere l'Ara Pacis con i suoi colori originali ma anche trasformata grazie a proiezioni e giochi, sperimentare in prima persona la creatività di Kandinskij, immergersi nei quadri di Monet o trasformarsi in un arciere medievale al Castello Sforzesco: l'immaginazione prende vita grazie agli oculus e alla tecnologia.
  • Google Arts & Culture è un progetto innovativo che permette di visitare oltre 1.800 musei senza alzarsi dal divano. La loro ultima impresa? Riunire le 36 opere di Vermeer, anche quella rubata 28 anni fa.

Lo speciale contiene sette articoli, una gallery fotografica e video

In primo piano

I colori delle moschee e i percorsi di Agatha Christie salvano Istanbul dalla morsa di Erdogan

Contenuto esclusivo digitale

Pixabay

  • Torsione autoritaria verso l'interno e progressiva "iranizzazione" verso l'esterno: è questa la doppia curvatura che sta caratterizzando in questi mesi la Turchia. Ed entrambi i processi, per nulla rassicuranti, sembrano purtroppo incoraggiati - o almeno non ostacolati - da una relativa mancanza di strategia da parte dell'Occidente, da un'anomala carenza di iniziativa non solo da parte della solita Ue ma pure da parte dell'amministrazione Trump.
  • Restano però tanti motivi ancora validi per trascorrervi un week end. I celebri monumenti e i luoghi di culto. Perché non scegliere il giallo come filo conduttore di una vacanza nella città del Bosforo? Da Agatha Christie a Esmahan Aykol: tour della città seguendo i più noti detective della letteratura.

Lo speciale comprende due articoli, una gallery fotografica e consigli utili ai viaggiatori

In primo piano

La Milano da bere non c'è più. Meglio ci sono i grattacieli

Al via la settimana della moda

iStock

  • Là dove c'era l'erba ora c'è una città e le Varesine hanno lasciato posto a Porta Nuova e ai suoi grattacieli. Ritratto di una città che cambia rapidamente ma che mantiene la sua essenza tutta italiana.
  • Cosa vedere, dove dormire, mangiare o fare shopping: una guida veloce per vivere al meglio un fine settimana nel capoluogo lombardo.
  • Sessanta sfilate, 81 presentazioni, 33 eventi per un totale di 173 collezioni. È di nuovo «fashion week». Ecco il calendario degli eventi da non perdere.

Lo speciale contiene 6 articoli e una gallery fotografica.

È vero. Milano non è più quella di una volta. Il panettone non è più così buono ed è semplicemente diventato un dolce qualunque che si può gustare sotto la Madonnina come in qualsiasi altra città. Gli aperitivi della nota «Milano da bere» si sono persi, affogati in un bicchiere troppo caro e troppo spesso annacquato. E anche Sant'Ambroues, con la sua prima alla Scala e gli Oh bej o bej, non è più un granché. Lo spirito del Natale, le luci, l'albero in piazza Duomo sono finiti in un nonnulla. Non esiste più il Burghy, Fiorucci e il suo maxi store con chincaglierie di ogni genere è dimenticato al punto che le nuove generazioni si domandano il perché «quelli della vecchia Milano» guardino ancora con sospetto il maxi store di Urban Outfitters (ex H&m;) in piazza San Babila. Non ci sono più Mike Bongiorno e Gino Bramieri, i comici di oggi fanno meno ridere, e anche la «Milano della moda» non se la passa poi tanto bene visto che a tenere alto lo stile della «signorina milanese» è rimasta solo la signora Pupi Solari che, con il suo negozio, è l'unico riferimento reale tra influencer e starlette che si rincorrono tra le strade della città pensando di dettare trend e stili.

Ma se pensate che per questo motivo Milano non sia più Milano, vi sbagliate. La città è semplicemente cambiata. Il ragazzo della via Gluck impallidirebbe a vedere che ora, davvero, «là dove c'era l'erba c'è una città». Gae Aulenti, Porta Nuova, City Life e i suoi palazzi futuristici. Milano ha cambiato volto, ha tradito forse un po' se stessa per diventare più internazionale e strizzare l'occhio a chi la vorrebbe più come New York e meno vecchio stile.

Quel che di Milano non cambia è però la sua essenza. Camminando per le stradine in ciottolato di Brera si può trovare ancora la vecchia maga che ti legge il futuro e che, pur non azzeccandoci mai, è un'istituzione quasi quanto il caffè con il cioccolatino da Sant'Amboeus (e che, diciamocelo, con l'omonimo stelle e strisce non ha niente a che vedere) o la pizzetta di sfoglia di Cova. Milano è cambiata, ma solo di facciata, sotto sotto è rimasta la stessa vecchia città. Veloce, in cui si pranza al volo correndo da una parte all'altra, con i mezzi pubblici sempre in ritardo, i tram che fischiano sulle rotaie e i Navigli, sporchissimi ma che di notte ti ipnotizzano.

Milano oggi sarà anche più distratta, persa dietro l'apertura di un nuovo Victoria's Secret, l'avvento di un nuovo ristorante o alla spasmodica ricerca di un invito a quella festa esclusiva (dove poi in realtà entrano un po' tutti). Ma alla fine dei conti è sempre la stessa città che si sveglia troppo spesso soffocata dalla nebbia e in cui la primavera dura sempre troppo poco e si nota dal fiorire degli alberi sulla salita di Porta Venezia.

Milano è quella in cui, l'ultimo giorno di inverno, il cielo diventa più rosa all'imbrunire, e l'azzurro è così intenso che la Madonnina luccica fino a diventare accecante.

Milano sarà anche piena di difetti, ma nonostante tutti cerchino di dipingerla come qualcosa che non è, resta on gran Milan. E come si fa a sostenere il contrario?

Mariella Baroli

Pixabay

I tetti della città e il nuovo skyline

Dove dormire

iStock

ME Milán Il Duca, Piazza della Repubblica 13. Chi sceglie di soggiornare in questo hotel cinque stelle situato in piazza della Repubblica si aspetti di avere qualche celebrity come compagno di stanza. Durante la settimana della moda - e non solo - l'hotel ospita alcuni degli ospiti più patinati delle passerelle. Il Rooftop Bar dove concedersi un light lunch o un aperitivo (che piace tanto a noi milanesi) e l'innovativa steak house americana Stk completano l'offerta extra lusso.

Mandarin Oriental Milan, via Andegari 9. Ospitato in quattro prestigiosi edifici del XVIII secolo, a pochi passi dal Teatro alla Scala, questo hotel rappresenta la quinta essenza del lusso. La Terrace Suite si affaccia sui tetti di Milano per donarvi una vista unica della città, mentre la Suite Fornasetti vi permetterà di immergervi nella mente dell'artista, circondati da opere d'arte originali.

Palazzo Parigi, Corso di Porta Nuova 1. Questo hotel, nel cuore di Milano a pochi passi da Brera, vanta la suite più lussuosa al mondo. Ma il vero fiore all'occhiello di questo albergo è la spa. Sette sale tematiche dedicate ai trattamenti - ciascuna caratterizzata dalle atmosfere più suggestive di Marocco, India, Svezia, Polinesia, Bali e Cina - e la piscina coperta di mosaici su una superficie di 1.700 metri quadrati.

TownHouse Galleria, via Silvio Pellico 8. Per tutti quelli che non si accontentano di un hotel a 5 stelle, Milano ne offre uno da sette. 48 camere di lusso che riflettono l'arte della modernità con tutti i comfort di una casa e il meglio della tecnologia. La location? Galleria Vittorio Emanuele. Per una vista da mozzare il fiato.

Savona 18 Suites, via Savona 18. Situato nella zona dei Navigli di Milano, a pochi passi da via Tortona, quartiere giovane che ospita sempre più sfilate ed eventi, questo design hotel è nato solo un anno fa. Camere arredate con prestigiosi oggetti di design (acquistabili) e iconici articoli di moda vintage rendono questo albergo la perfetta alternativa per i patiti di design.

Dove mangiare

iStock

Bar Pasticceria Leonardo, via Aurelio Saffi 7. Dimenticatevi Starbucks o altre catene simili, a Milano la colazione è un rito e il caffè si beve rigorosamente in tazze di porcellana bianca. Questo piccolo bar rappresenta la quintessenza della colazione milanese, con cornetti caldi pieni di crema, marmellata o cioccolato fondente e focacce calde e croccanti, per chi col caffè o la centrifuga predilige un tocco di salato.

Martini by Dolce&Gabbana, Corso Venezia 15. Un'atmosfera raccolta ed elegante che rimanda ai ristoranti milanesi dei primi anni Cinquanta. Le sale sono decorate con pannelli damascati e dettagli in stile barocco, mentre ogni piatto nasce da un incontro fra la passione mediterranea che contraddistingue il brand Dolce & Gabbana e il gusto per la cucina internazionale. Perfetto per una pausa pranzo o un aperitivo con uno dei cocktail speciali creati dalla collaborazione con Martini.

Giacomo Bistrot, via Pasquale Sottocorno 6. A Milano è una vera e propria istituzione. Situato vicino a piazza Cinque Giornate questo ristorante ci riporta alla vecchia Milano con il suo perfetto mix tra eleganza e semplicità. Cenate tra file di libri mentre le luci soffuse conferiscono allo spazio uno charme notturno, sofisticato e raccolto, e invitano all'intimità. Non perdetevi il loro dessert più famoso, la «bomba di Giacomo», una sfoglia che racchiude un ripieno di crema e fragoline di bosco. Sublime.

1930, location top secret. Un segreto ben custodito, a pochi passi da Giacomo Bistrot, questo bar vi riporterà alla Belle Epoque parigina. Nato da un'idea di Flavio Angiolillo e Marco Russo (già creatori del Mag Café, bar in zona Navigli) questo bar è nascosto e ci si può accedere solo su invito. Recatevi alla Caffetteria 30 e incrociate le dita. I cocktail meritano la fatica.

Alla scoperta della città

iStock

Castello Sforzesco è uno dei simboli della città

La vigna di Leonardo. Donato all'artista da Ludovico il Moro, questo vigneto è stato finalmente reso accessibile al pubblico. Sono visitabili il suggestivo cortile, alcune sale affrescate della meravigliosa Casa degli Atellani e il lussureggiante giardino che ci si aspetterebbe di vedere in una villa di campagna, non certo in un palazzo cittadino.

Fondazione Prada. Il perfetto luogo di ritrovo per gli amanti dell'arte contemporanea, gli amanti del moda e chiunque cerchi un set originale per il suo profilo Instagram. Le foto con i funghi capovolti sono ovunque, ma la fondazione è molto più di questo. Immancabile una pausa caffè al Bar Luce progettato dal regista Wes Anderson.

Il labirinto di Pomodoro. Nascosto nei sotterranei dell'headquarter di Fendi in via Solari, si trova un tesoro sconosciuto ai più che l'artista terminò nel 2011, dopo tre anni di lavoro.

Cimitero Monumentale. Un vero e proprio «museo a cielo aperto», inaugurato nel 1867, si estende su un'area di oltre 250.000 metri quadri e raccoglie tantissime opere d'arte, tutte da scoprire.

Albergo Diurno Venezia. Una struttura sotterranea inaugurata nel 1926 e che fungeva da centro servizi con bagni pubblici, terme, barbiere, manicure e pedicure. 1200 mq di magnifico stile Déco. Un tuffo nella Milano che non c'è più.

Dove fare shopping

iStock

Milano fa rima con shopping. È pressoché impossibile, infatti, scorgere in città qualcuno che non tenga tra le mani un sacchetto con il nome di un brand i moda ben in vista. Montenapoleone, via della Spiga e via Sant'Andrea, Corso Vittorio Emanuele e Corso Vercelli, sono solo alcuni dei luoghi preferiti da turisti (e non) per fare acquisti.

Ecco cinque indirizzi da non perdere.

Aspesi, via San Pietro all'Orto. Il nuovo store in via San Pietro all'Orto ha aperto le sue porte giusto in tempo per la nuova settimana della moda. Quello che in origine era un istituto bancario si trasforma in un luogo di sperimentazione estetica. L'intonaco in calce grigia è acceso da colori che giocano a rincorrersi.

Banner, via Sant'Andrea 8. Il negozio disegnato dall'architetto Gae Aulenti si sviluppa su due livelli che esprimono al meglio le caratteristiche di una modernità formale. Banner ospita alcuni dei brand più interessanti del panorama internazionale da Sacai a Norma Kamali.

Mazzolari, piazzetta Umberto Giordano 4. Storica profumeria di Milano, a pochi passi da piazza San Babila offre tutto quello che le amanti del beauty possano desiderare. Profumi ricercati, creme e make-up, in un'atmosfera unica. Imperdibile.

Issey Miyake, via Bagutta 12. Il brand giapponese sbarca a Milano con il primo store d'Italia. Gli interni minimal e il bianco lucido delle pareti fanno risaltare le forme di questi abiti in cui la semplicità è d'obbligo. Imperdibile la collezione Pleats Please, amata dalle star di tutto il mondo e le borse Bao Bao. Iconico.

Gemelli, Corso Vercelli 16. Aperta nel 1927 oggi è annoverata nell'elenco delle botteghe storiche del Comune di Milano. Non c'è milanese doc che si rispetti che non sia passata da qui per acquistare maglioncini, twinset o polo. Un'istituzione della milanesità.

Milano moda donna: in città tornano sfilate ed eventi. Ma solo per pochi

iStock

La moda invade Milano e, allo stesso tempo, la esclude. Il Fuori Moda non esiste, lontano anni luce dalle aperture all'intera città coinvolta, per farne parte, dal Salone del Mobile con lo straordinario Fuori Salone. No, la moda è per addetti ai lavori e non per tutti. Non basta essere giornalista o fotografo o buyer per entrare a certe sfilate o presentazioni. Il cerchio magico è per pochi e quei pochi son sempre quelli. Il mondo del fashion, nonostante vada a mille sui social grazie a influencer e blogger, quando si tratta di defilè, è forse uno dei settori rimasti al palo, ancorati a vecchie logiche da buttafuori che decidono chi far entrare e umilianti "no" a chi è sprovvisto del fatidico cartoncino.

Sessanta sfilate, 81 presentazioni, 33 eventi per un totale di 173 collezioni dove verrà presentata la moda del prossimo inverno 2019/2020, danno un bel da fare a tutto ciò che ci gira intorno. E non c'è stilista o designer che non voglia accaparrarsi una degna location, se non ne ha una tutta sua. Il via lo ha dato il brand Au197Sm, a metà tra un laboratorio alchemico e un atelier tecnologico, che ha ricevuto i suoi invitati al decimo piano del @Radio Rooftop (locale del 5 stelle lusso Me Milan Il Duca) per un Gold Lunch. Fiorista Bianchi è stato scelto dal Gruppo Plissè: l'azienda veneta cui fanno capo i marchi Beatrice.b, Sfizio e Smarteez taglia il traguardo dei 30 anni e si regala l'e-commerce e uno store nel Quadrilatero d'oro milanese. Cruciani e Fay danno appuntamento all'hotel Baglioni mentre Gentryportofino attende i suoi ospiti nella Sala Mengoni di Cracco in Galleria. Il ristorante Da Giacomo è la cornice ideale per Alberto Biani, stilista eccelso che da sempre presenta tra le specialità culinarie del famoso ristorante toscano.

Nuova vita per i Magazzini Raccordati di Milano. Moncler ha deciso infatti di farsi attivo promotore della riqualificazione culturale dell'area urbana a ridosso della Stazione Centrale. «Milano dimostra ancora una volta di essere sempre più inclusiva e aperta a realizzare progetti che coinvolgono il pubblico. Sono molto orgoglioso che Moncler partecipi alla riqualificazione di un'area urbana di Milano cosi significativa per riportarla a nuova vita perché credo che lo sviluppo di un'azienda non possa che avvenire in sintonia e nel pieno rispetto della comunità» afferma Remo Ruffini, Presidente e Ceo di Moncler.

Milano Moda Donna verrà inaugurata il 19 febbraio con una giornata dedicata agli eventi, ad aprire la Fashion Week lo special event di United Colors of Benetton con la direzione artistica di Jean-Charles de Castlebajac. A concludere questa edizione "A Special Night to celebrate young Talent & to look to the Future" evento esclusivo organizzato dal Comune di Milano, Camera Nazionale della Moda Italiana e S.Pellegrino che sarà l'occasione per celebrare i giovani talenti presenti in calendario, alcuni young chef e l'importante anniversario dei 120 anni di S.Pellegrino. Durante l'intera fashion week saranno organizzati degli appuntamenti speciali tra i buyers The best shops, i trend scouters migliori a livello nazionale, appartenenti a Camera Italiana Buyer Moda e i talentuosi designers selezionati da Camera Nazionale della Moda Italiana che esporranno le loro meravigliose creazioni al Fashion Hub Market, presso lo Spazio Cavallerizze all'interno del Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.

Anche in questa occasione la "Fashion Week Insider's Guide" racconta le novità della settimana della moda, i luoghi inediti e gli appuntamenti imperdibili a Milano, la copertina è stata realizzata da Jacopo Rosati. La guida sarà anche scaricabile su cameramoda.it.

La Fashion Week milanese potrà inoltre essere seguita live su cameramoda.it, streaming delle sfilate, video e fotogallery delle collezioni saranno disponibili anche sull' App di CNMI, mentre gli aggiornamenti in tempo reale sui profili social Twitter, Instagram (@cameramoda) e Facebook. Video delle sfilate e contenuti speciali saranno trasmessi anche sul maxischermo in Piazza San Babila.

Paola Bulbarelli

In primo piano

Città del Capo è la «California d'Africa»: affari e oltre 9 milioni di turisti

Contenuto esclusivo digitale

Maxpixel

Non solo Masai, sport e natura incontaminata. Cape Town, la cittadina sudafricana nota per il carcere dove fu imprigionato Nelson Mandela, è una metropoli in crescita. E ora punta a diventate la «nuova Silicon Valley».

Lo speciale contiene una gallery di immagini della città e consigli pratici per organizzare la propria vacanza.

In primo piano

I videogame rendono ricchi. Il re italiano incassa 25.000 euro al mese

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

  • Quello dei videogame è diventato un business vero e proprio con giocatori under 30 divenuti miliardari passando le giornate a sfidare altre persone online. La vera fonte di guadagno per i produttori, tuttavia, deriva dagli acquisti in app di vite, monete per passare i livelli o skill per i personaggi. Tra le tipologie di gioco più proficue c'è quella degli «otome», ovvero giochi per ragazze che simulano storie d'amore.
  • Fenomeno Fortnite: in un mese spesi 100 milioni di dollari solo in abiti e armi utili a personalizzare i personaggi e a renderli più competitivi. Il videogioco ha battuto anche Pokemon Go che negli scorsi anni era diventato famoso per aver paralizzato intere città.
  • Parla Nicolas Musikas, managing director di Gamestop Italia: «Il 43% degli italiani gioca ai videogame. Il gioco più venduto? Fifa».

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Musicisti, giornalisti o mattatori ma spesso figli di troppe aspettative

Ansa

I fortunati eredi di un cognome famoso ce la mettono tutta per essere all’altezza dei genitori e talvolta riescono ad affermarsi. Ma il dubbio resta: ce l’hanno fatta per meriti propri o grazie al prezioso aiutino?
In primo piano

Mariah Carey incassa 500.000 dollari all'anno con la sua canzone di Natale

Contenuto esclusivo digitale

ANSA

La cantante statunitense pubblicò nel 1994 il successo natalizio «All I want for Christmas is you». Da allora, in 25 anni, secondo l'Economist, ha guadagnato 60 milioni di dollari. Quest'anno la traccia è riuscita a battere un nuovo record, facendo registrare il 24 dicembre, quasi 11 milioni di ascolti sulla piattaforma di streaming Spotify.

In primo piano

Gli uomini comprano solo due paia di mutande all'anno. Le donne almeno il doppio

Guida alla scelta tra perizoma, culotte, slip o boxer

Contenuto esclusivo digitale
  • I cassetti di biancheria intima degli italiani pullulano di slip vecchi. Oltre al calo esponenziale della spesa, è stato calcolato che nel 2021 l'italiano medio spenderà in 12 mesi solo 15,22 euro. La compagna, la mamma o la sorella invece, sborseranno 32,28 euro.
  • Quale colore di slip indossare durante le feste? Se per Natale potreste osare il bianco ricordate che la notte di Capodanno, come insegnano i più scaramantici, l'intimo deve essere tassativamente rosso e mai indossato prima. Evitate invece il nero: porta sfortuna.
  • Per lo shopping di fine anno i più gettonati sono i boxer stretch, scelti nel 65% dei casi. Tra boxer e slip scegliete sempre il primo. A meno che il vostro fisico sia equiparabile a quello di David Beckham.
  • Il perizoma? Non va più di moda. Le donne ora preferiscono tagli semplici, comodi, quasi maschili. O lo slip alto che copre i rotolini di troppo.

Lo speciale contiene quattro articoli e una gallery con i consigli per gli acquisti.