Onorato vara la nave per i marittimi italiani

True

«Onorato per i marittimi italiani». La promessa dell'armatore Vincenzo Onorato di creare occupazione per il bene di tutti i lavoratori del mare del nostro Paese è ben impressa sullo scafo della sua nuova motonave, la Maria Grazia Onorato. «Quella dei marittimi italiani è una mia battaglia da sempre e con questa nuova nave daremo lavoro a tutti quei marittimi che oggi si trovano senza un'occupazione», ha ribadito Onorato che ha sottolineato come «con questa nuova nave il gruppo darà lavoro a 30 italiani». Il varo della Maria Grazia Onorato è avvenuto oggi nei cantieri di Flensburg, la cittadina tedesca situata sul confine con la Danimarca, dove la famiglia di armatori ha costruito quella che sarà «la più grande nave a viaggiare sulla tratta Genova Livorno Catania». «Un ulteriore sforzo della famiglia», ha sottolineato Achille Onorato, «che guarda con speranza all'espansione delle autostrade del mare». La motonave, che toglierà 4,2 chilometri di ingorghi stradali di tir, non solo sarà la più grande del mediterraneo ma anche la più green grazie a una tecnologia in grado di ridurre le emissioni e non inquinare.

Non solo mare: i 5 luoghi da visitare a Ferragosto
La cascata delle Marmore (iStock)

Dalla cascata delle Marmore al monte Amiata, dalla riviera del Conero ai monti Dauni e alla riserva naturale Gole del Raganello: ecco un serie di posti dove trascorrere al fresco le calde giornate di agosto.

Non solo mare: i 5 luoghi da visitare a Ferragosto
La cascata delle Marmore (iStock)

Dalla cascata delle Marmore al monte Amiata, dalla riviera del Conero ai monti Dauni e alla riserva naturale Gole del Raganello: ecco un serie di posti dove trascorrere al fresco le calde giornate di agosto.

Ora ai climatologi fa gola la poltrona
iStock
Cinque scienziati hanno firmato una lettera aperta su Repubblica per parlare di meteo e inquinamento. Offrendosi come super consulenti del prossimo governo.
A Firenze la crisi idrica non c’è. E allora Nardella se la inventa
Dario Nardella (Ansa)
Il sindaco lancia l’allarme «così non si abbassa la guardia». Una forma di «educazione» che sa di demagogia. E la vera emergenza diventa lo stato di allerta permanente e non una carenza di acqua che nessuno ha visto.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings