In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Mondiali femminili di calcio, Cirinnà posta foto calciatrice Galli che bacia ragazza, ma è la sorella

«Per Monica Cirinnà l'omosessualità è un lavoro da portare a termine. Così ieri sera, ossessionata dal suo ruolo e dalla smania militante, è caduta nell'ennesimo epic fail dopo la vittoria delle Azzurre sulla Cina per 2-0 ai mondiali di calcio femminili» hanno denunciato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente del Congresso mondiale delle famiglie e di Pro Vita e Famiglia con tanto di prove a sostegno.

«La senatrice dem ha preso un grande abbaglio condividendo sul suo profilo Facebook la foto di Aurora Galli, che è la centrocampista della Nazionale Italiana, che bacia una donna con tanto di arcobaleno accanto e hashtag inneggiante #lovewins. Ma a nulla sono valsi i numerosi commenti che riportavano alla realtà ('quello messaggio è per la sorella e il fratello'), perché il suo post è ancora là» hanno proseguito i due organizzatori del Congresso mondiale delle famiglie.

«Ma la gaffe non finisce qui» - sottolineano - «perché la foto addirittura risale alla vittoria delle Azzurre contro la Giamaica e la stessa Galli scrisse una dedica d'affetto alla sua familiare postandola su Instagram». «Ma quale coming out» - hanno concluso Brandi e Coghe - «ma quale arcobaleno mondiale? Lasci in pace le ragazze della nazionale di calcio e non rincorra i loro gusti sessuali, piuttosto festeggi e basta. Assurdo ricondurre tutto alla sua attività politica legata alle lobby Lgbt anche quando non c'entra nulla. Vergognoso utilizzare un evento sportivo che unisce tutti gli italiani per fare una becera propaganda ideologica basata pure su una fake news».

Ansa

L'allarme del presidente di Assomineraria Luigi Ciarrocchi sull'azzeramento delle franchigie su oil&gas contenuto nella manovra economica: «Perdita secca per lo stato di 100 milioni di euro all'anno. A rischio 5.000 posti di lavoro». Il settore vanta un export di 20 miliardi di euro e 100.000 addetti. Nel Piano nazionale integrato energia e clima (Pniec) del precedente governo si prevedeva un aumento della produzione, ora invece si parla di diminuzione.