Lo spread è un’arma tedesca contro di noi. E Confindustria attacca il nuovo governo - La Verità
Home
In primo piano

Lo spread è un’arma tedesca contro di noi. E Confindustria attacca il nuovo governo

ANSA

  • Il differenziale con i Bund non è influenzato dai mercati spaventati dai populisti, ma da scelte politiche. Il consigliere di Angela Merkel, Clemens Fuest, l'ha dimostrato ieri: «La Bce verifichi se comprare ancora i Btp». Ma per Intesa la situazione italiana «non è danneggiata».
  • Vincenzo Boccia, in assemblea di Confindustria, omaggia l'esecutivo uscente e smonta il programma del prossimo.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

«La civiltà occidentale sta morendo ma non facciamone una tragedia»

Ansa

Arriva in Italia «Cahier», un omaggio a Michel Houellebecq ricco di testi di e sullo scrittore più maledetto di Francia «Il nostro mondo ha esaurito il suo ruolo storico, è un fatto. Quello che ci è riuscito meglio? I supermercati».
In primo piano

Antonio Martino: «Il Mes è l’ultima follia di un’Ue sbagliata»

Ansa

Parla l'ex ministro di Silvio Berlusconi: «Il Fondo salvastati è frutto di politiche demenziali, favorirà un ritorno alla finanza allegra. Conte non ne riferisce in Parlamento? Quest'assenza di trasparenza è pericolosa e antidemocratica, i cittadini devono sapere».
In primo piano

Ursula s’impantana. E Vestager è pronta a farle le scarpe

Ansa

Piano benedetto da Emmanuel Macron per vendicarsi del no a Sylvie Goulard: Il commissario Ue danese punta a sostituire Ursula von der Leyen.
In primo piano

Le banche, i politici, pure Confindustria: forse l’Europa non è più un dogma

Ansa

Da Carlo Cottarelli novello «keynesiano» alla Marcella Panucci che chiede protezione: per l'establishment il culto di Maastricht vacilla?
In primo piano

Il piano di George Soros: «Educare i cittadini per non far crollare l’Ue»

Ansa

Nel suo nuovo libro il magnate illustra la visione del mondo. Paragona l'elezione di Donald Trump e la Brexit al comunismo sovietico, fa l'elenco dei suoi nemici (i sovranisti) e si incensa: «Fiero del mio ego enorme».
In primo piano

Il risiko dei commissari azzoppa Ursula

Ansa

La commissione Ue rischia lo smacco di non insediarsi neanche il primo dicembre. Il nome proposto dalla Romania fa saltare gli equilibri tra i partiti e le quota rosa. Mentre Parigi insiste con la candidatura divisiva di Breton. E sullo sfondo resta la Brexit.
In primo piano

In Francia c’è la gara di agguati alla polizia

Ansa

Nelle banlieue della capitale impazza il «concorso social» tra bande: vince chi chiede l'intervento dei pompieri e delle forze dell'ordine e poi li attacca. I sindacati: «Il governo usa la repressione per i gilet gialli, ma tace sugli scontri nelle periferie».
In primo piano

Patate africane spacciate per nostre. A giudizio in 14 per la mega truffa

iStock

L'accusa: un «oligopolio» rivendeva enormi quantità di tuberi scadenti come prodotti di qualità. Gravissimi i rischi per i consumatori, coinvolti nomi grossi di tutta la filiera. L'indagine è del 2013: prescrizione a un passo.
In primo piano

La cedolare secca non sale e l’Europa frigna

Getty

Democratici battuti anche sul fisco: nella manovra entrano la tassa sulla plastica e quella sullo zucchero. Ma sugli affitti a canone concordato si resta al 10 per cento. Pronta la mannaia sul gioco per compensare. Valdis Dombrovskis: «Rimangono delle preoccupazioni».
In primo piano

Quest’Europa sta finendo a brandelli. Soltanto Washington la può salvare

Ansa

Parigi e Berlino sono ai ferri corti, l'export si contrae, la moneta unica è fragile. Gli Usa non si fidano dell'Ue, che flirta con la Cina. E invece l'Italia la deve convincere a stipulare un accordo commerciale con Donald Trump.