L’Inps sbeffeggia l’eroe di Nassirya. Nessun risarcimento dopo 15 anni - La Verità
Home
In primo piano

L’Inps sbeffeggia l’eroe di Nassirya. Nessun risarcimento dopo 15 anni

Ansa

Il padre del caporal maggiore Matteo Vanzan accusa: «Attendiamo ancora la liquidazione, la burocrazia ci prende in giro: li aspetto in tribunale». Nel 2004 il militare morì a 22 anni in Iraq per proteggere la base.
In primo piano

La Merkel ingrassa Erdogan con un miliardo

Ansa

L'Europa strilla contro Erdogan ma intanto, spinta dalla Germania, cede ai suoi ricatti sull'immigrazione e gli dà un'altra tranche di finanziamenti. Lui minaccia i curdi: «Continuerò a rompervi la testa». Donald Trump conferma il disimpegno, nell'area si rafforza Vladimir Putin.
In primo piano

Johnson non si piega al Parlamento che cerca di sabotargli la Brexit

Getty

Passa l'emendamento che impone il rinvio del voto sull'accordo con l'Ue. Il premier furioso: «Non tratterò proroghe sull'uscita». E chiede l'approvazione per lunedì, a costo di avviare un maxi frontale istituzionale.
In primo piano

È giallo sul cessate il fuoco violato. Erdogan: «Non lasceremo la Siria»

Ansa

Curdi e Ong accusano l'esercito turco di aver lanciato razzi nonostante la tregua, ma Ankara smentisce. Il Sultano dichiara che le sue truppe non lasceranno la zona di sicurezza nel Nordest del Paese invaso.
In primo piano

Tutti i dazi dell’ipocrita Europa anti Trump

ANsa

  • I politici del Vecchio Continente si lamentano per le misure «sovraniste» del presidente americano, ma poi si comportano allo stesso modo con i prodotti provenienti dall'estero. Tabacco, ma anche carne e pesce: sono centinaia le merci protette.
  • In piena bagarre sul 5G, la commissaria alla Concorrenza si muove contro Broadcom.

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Donald dà una sberla ai pentastellati «L’Italia ha comprato 90 nuovissimi F35»

Ansa

Sergio Mattarella alla Casa Bianca, scintille sulle tariffe. Il tycoon: «Rassicurato sul 5G». Poi stoccata ai curdi: «Non sono angeli».
In primo piano

I dem usano la Siria per attaccare Trump

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

Se c'è un aspetto paradossale del quarto dibattito televisivo tra i candidati democratici, tenutosi ieri a Westerville in Ohio, non può non riguardare la politica estera. La maggior parte dei contendenti sul palco è andata duramente all'attacco di Donald Trump sulla questione siriana, sostenendo in particolare che il ritiro delle truppe americane auspicato dalla Casa Bianca indebolirebbe la posizione di Washington nello scacchiere mediorientale.

In primo piano

Siriani e turchi a un tiro di fucile. Le forze russe si mettono in mezzo

Ansa

Le truppe di Damasco controllano tutta la città di Manbij. L'inviato di Mosca, Alexander Lavrentyev, garantisce: «Non permetteremo lo scontro». Secondo i curdi la guerra avrebbe già provocato 275.000 sfollati.
In primo piano

L’eroe degli anti Orbán ha vinto grazie all’ultradestra

Ansa

Sinistra in festa per il nuovo sindaco di Budapest. Che però per battere il partito del premier si è alleato con l'iper identitario Jobbik.
In primo piano

Altro allarme attentato nella polizia. Parigi trema: jihad dentro lo Stato

Ansa

Tensione a un corso per agenti. Segnalata arma non autorizzata, fermato un uomo. Intanto si allarga la rete del killer della prefettura: cinque arresti. Turista francese assassinato in Tunisia al grido di «Allah akbar»