Il Papa fa il Papa, panico fra gli antiabortisti - La Verità
Home
In primo piano

Il Papa fa il Papa, panico fra gli antiabortisti

ANSA

Da Francesco, in piazza San Pietro, parole durissime contro l'aborto: «È come affittare un sicario per risolvere un problema». Chi l'aveva scambiato per il fratello di Vladimir Luxuria si ricrede: «Contrordine, compagni, il Vaticano è di nuovo nemico».
In primo piano

Le follie gender di Comuni e Regioni

Ansa

A Velletri vietato dire «paternità», a Reggio Emilia inaugurati i bagni «neutri», in Calabria si discute la legge sull'omofobia: è il Paese dei talebani arcobaleno.
In primo piano

Lorenzo Fioramonti: «Aiuti agli atenei da tasse sulle bibite»

Ansa

Il viceministro all'Istruzione: «L'università ha bisogno di un miliardo che possiamo ricavare con imposte sulle bevande zuccherate. Meno obesi, più risorse: fantastico. Se non arrivano i soldi, a dicembre mi dimetto».
In primo piano

Armando Siri: «Ora flat tax per il 90% degli italiani»

Ansa

L'ex sottosegretario ritorna protagonista al fianco di Matteo Salvini per realizzare la fase 2 della riduzione fiscale. «Dopo le partite Iva, tocca alle famiglie: 13 miliardi in meno da pagare. Le coperture? Ecco come faremo».
In primo piano

Spuntano le querele sul Rubligate. Ora la fonte fa paura

Ansa

  • Il direttore dell'Espresso nega, ma le smentite sono due. E se la talpa fosse stata con Gianluca Savoini cadrebbe l'ipotesi maxi tangente.
  • L'analista Igor Pellicciari che insegna a Mosca: «I russi non trattano affari di quel tipo nelle hall degli alberghi. Tutti sanno che sono sorvegliati».

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Il premier vuole farsi un partito come Monti. Auguri

Ansa

La notizia l'ha data il Tempo: Giuseppe Conte prepara un suo partito. Come Mario Monti, dopo essere stato nominato da Giorgio Napolitano prima senatore e poi presidente del Consiglio, l'«avvocato del popolo», come egli stesso si definì prendendo possesso dell'ufficio a Palazzo Chigi, ci ha preso gusto.

In primo piano

Boccassini tombale: seppellisce tutta la retorica sul pool di Mani pulite

Ansa

Velenoso necrologio di Ilda per il procuratore scomparso. Una critica alle toghe di oggi e ai colleghi che hanno ceduto «alle lusinghe del potere». Come fecero Gerardo D'Ambrosio, divenuto senatore della sinistra, e Antonio Di Pietro, ministro di Romano Prodi e capopartito.