Vaccini collegati a feti abortiti: «Sviluppati, prodotti e/o testati con linee cellulari di bambini abortiti»

Vaccini collegati a feti abortiti: «Sviluppati, prodotti e/o testati con linee cellulari di bambini abortiti»
Ansa

«I vaccini contro il Covid-19 attualmente in distribuzione nell'Unione Europea sono sviluppati, prodotti e/o testati con linee cellulari che provengono da un bambino abortito, anche se diversi anni addietro. A prescindere dalla questione sulla liceità, in determinate circostanze, della somministrazione e dell'uso di vaccini (anche anti-Covid-19) collegati a "materiale biologico" derivante da feti abortiti, è necessario condannare fermamente un sistema che sfrutta tali linee cellulari nella ricerca, produzione o sperimentazione. Inoltre, l'uso di queste linee cellulari rischia, almeno nel lungo periodo, di incentivare ulteriori aborti o il ricorso a nuove cellule di feti abortiti, e costituisce uno scandalo in quanto tende a normalizzare l'idea che l'embrione umano sia un oggetto sacrificabile e disponibile. È inaccettabile che quasi nessuno lo denunci: per questo abbiamo lanciato una petizione alle autorità sanitarie», ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«La produzione e distribuzione di vaccini (o di altri prodotti farmaceutici, cosmetici, alimentari ecc) collegati, anche remotamente, con l'aborto sono molto problematiche dal punto di vista morale, a prescindere dalla possibilità dell'uso degli stessi come extrema ratio in alcune gravi circostanze. Per questo difendiamo in linea di principio il diritto all'obiezione di coscienza contro questi prodotti. Inoltre, è sorprendente il fatto che, su circa 50 vaccini in fase di produzione, siano al momento distribuiti nell'Unione Europea soltanto alcuni di quelli collegati a linee cellulari derivanti da feti abortiti» ha continuato Brandi.

«Sollecitiamo le case farmaceutiche e chi - in generale - si dedica alla sperimentazione e alla ricerca a cercare mezzi alternativi e a cessare lo sfruttamento di "materiale biologico" di origine immorale. Chiediamo ai produttori di segnalare chiaramente l'uso di questo tipo di cellule, e al legislatore di obbligare i produttori e distributori a fornire informazioni pubblicamente accessibili in merito. Chiediamo al legislatore di incentivare l'uso di cellule di origine lecita e la produzione di vaccini "etici", nonché di vietare l'uso e la sperimentazione su cellule provenienti da aborti procurati» ha concluso il vicepresidente della Onlus, Jacopo Coghe.

A questo link è possibile firmare la petizione di provitaefamiglia.it

Cuciniamo insieme: i ravioli «marchinesi»
content.jwplatform.com

Ci piace giocare ogni tanto e così abbiamo deciso d’inventare i ravioli marchinesi. Che sono? Sono i ravioli cinesi, ma in versione marchigiana.

Nei cortei anti Israele spiccano i dem a braccetto con chi predica l’odio
Ansa
  • Ieri sfilate senza disordini in diverse città con in prima linea amministratori del Pd. Pioggia di insulti (pure a Liliana Segre), foto di Giorgia Meloni imbrattata di sangue.
  • Roberto Cenati lascia l’Anpi Milano spaccata dalla difesa a oltranza dei «partigiani» di Hamas.

Lo speciale contiene due articoli.

Mai dire Blackout | Prezzi del Cacao alle stelle, cioccolata amara

El Niño colpisce i raccolti di cacao, ma l‘Ue ci mette del suo. Il sistema europeo ETS per lo scambio di quote CO2 non funziona, la Danimarca chiude le indagini sul sabotaggio del Nord Stream, la Russia vieta le esportazioni di benzina.

Due verifiche su Crosetto han messo nei guai i tre cronisti di De Benedetti
Giovanni Tizian (Ansa)
Ai giornalisti indagati del quotidiano «Domani» dati riservati dagli accessi sui redditi del politico meloniano. Nel periodo sotto esame sono stati pubblicati pure servizi sui 49 milioni della Lega e la bufala del Metropol.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings