luc merenda

Luc Merenda: «Mi dicono strano perché sono vero»
Luc Merenda (Getty Images)
L’attore: «Ho lasciato il poliziesco quando ho capito che il limone era spremuto. In Francia ero così popolare che sarei potuto diventare presidente. I miei incontri in ascensore con Romy Schneider e Brigitte Bardot».
«Ho tirato un pugno a un regista e sono diventato commissario»
In Italia per presentare la sua autobiografia, l'ex bello del cinema Luc Merenda si racconta: «Er Monnezza dovevo farlo io. Tomas Milian era già senza capelli, io li ho ancora tutti. Alain Delon un figlio di... Mi fece perdere una parte».
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings