libia italia petrolio immigrati

«Una Libia instabile favorisce la Francia sul petrolio e ci penalizza sui migranti»
Ansa
  • Daniele Ruvinetti, analista politico esperto di questioni mediorientali per la Fondazione Med Or: «L’autostrada Tripoli-Bengasi dovrebbe essere realizzata da aziende italiane, ma non ci sono grossi passi in avanti. Dopo il fallimento dell'Onu serve di più da parte del nostro Paese»
  • Dopo aver ceduto diversi asset nell'Africa centrale, tra cui 2 blocchi in Angola e 7 in Gabon, Total vuole concentrare la sua produzione in Nord Africa. Risetto allo scorso anno il calo giornaliero della produzione di barile è stato del 15%.

Lo speciale contiene due articoli

Il sultano pigliatutto (grazie a Biden) può tagliarci fuori anche dalla Libia
Erdogan ha ottenuto tutto ciò che voleva al summit Nato di Madrid. E l’arrendevolezza della Casa Bianca è un problema per l’Italia che deve frenare le mire della Turchia su Tripoli. Dove cresce l’influenza di Putin.
Erdogan tenta la mediazione ma prima avvisa l’Europa e pretende i «suoi» terroristi
Recep Tayyip Erdogan (Ansa)
Il leader turco si prende la scena e annuncia un tentativo di far interloquire Putin e Zelensky. Niente sconti a Svezia e Finlandia, però, sui 73 attivisti curdi promessi.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings