Omofobia, Pro Vita & Famiglia: «Domani in piazza Montecitorio: noi #Restiamoliberi. Presenti parlamentari»

«Giovedì 16 luglio, alle ore 17 a piazza Montecitorio, scenderemo in campo contro il Ddl Zan-Scalfarotto sull'omotransfobia di cui ieri è stato adottato il testo unificato in commissione Giustizia alla Camera. Abbiamo invitato e saranno presenti parlamentari di tutti gli schieramenti» hanno dichiarato in una nota il presidente e il vice presidente di Pro Vita e Famiglia, Toni Brandi e Jacopo Coghe.

«Tutta l'Italia si sta mobilitando contro questa legge totalitaria e liberticida perché contraria alla Costituzione e alla volontà della maggioranza del popolo italiano. E non ci fermeremo qui, ma proseguiremo fino a quando non tornerà in campo il buon senso e al centro il rispetto del Diritto» hanno concluso Brandi e Coghe.

Ansa
Le linee guida iniziali di Roberto Speranza hanno depistato tutti, descrivendo un morbo serio ma curabile come terrificante. Salvo vietare ai medici di dare ai malati farmaci veri: solo isolamento e paracetamolo. Che però hanno giocato entrambi nella squadra del virus.
Hotel Paradiso (Architetti Pistoia)
  • A 25 anni dalla legge che restituisce alla collettività le ricchezze sottratte ai racket, 20.000 immobili su 37.000 restano sospesi. Preda di incuria e vandali o perfino rimasti in possesso degli illegittimi proprietari. Dopo la mafia, va sconfitta anche la burocrazia.
  • L'ex toga antimafia Gian Carlo Caselli: «Per far funzionare la norma del '96 serve semplificare e investire, ma manca la volontà politica. Le aziende confiscate potrebbero essere motore di sviluppo. Invece ci si arrende al loro fallimento».

Lo speciale contiene due articoli.

In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings