I professori italiani sono quelli che guadagnano di meno in Europa - La Verità
Home
In primo piano

I professori italiani sono quelli che guadagnano di meno in Europa

E' il dato che emerge dai dati ufficiali di Eurydice, piattaforma della Commissione Europea che monitora il mondo della scuola nell'Unione.

Il nuovo ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti ha detto che occorre aumentare lo stipendio dei docenti premiando i migliori. Lo hanno detto almeno una dozzina di suoi predecessori facendo sperare, forse, qualche prof appena entrato nel mondo della scuola, ma dopo tanti annunci caduti nel vuoto, nessuno crede più alle promesse degli inquilini, pro tempore, del ministero di viale Trastevere. Fioramonti compreso.

D'altra parte che i professori italiani siano i peggio trattati d'Europa è una realtà certificata dai dati ufficiali di Eurydice, piattaforma della Commissione Europea che monitora il mondo della scuola nell'Unione. Se si confronta lo stipendio di un insegnante italiano con quello di un qualsiasi suo collega europeo si scopre che i 100 euro in più sono quasi offensivi. Volete le prove?

In Italia gli stipendi degli insegnanti delle elementari vanno da 23.051 euro a 33.884 euro lordi annui, un livello di poco inferiore a quello della Francia e di poco superiore a quello del Portogallo. La Spagna, Paese che ha parametri economici molto simili a quelli italiani (popolazione compresa) la paga più bassa è di 28.431 euro. A fine carriera lo stipendio massimo raggiungibile da un docente delle elementari in Italia è di 33.884 euro rispetto ai 40.289 euro della Spagna e ai 44.254 della Francia. Vuol dire che i francesi sono trattati peggio di noi a inizio carriera, ma meglio dei nostri a fine percorso.

Il sapore della beffa, però, lo si percepisce soprattutto quando si guarda ai colleghi dei Paesi dal reddito maggiore come la Germania dove un maestro di scuola elementare neo-assunto guadagna 6.000 euro in più all'anno rispetto ad un nostro docente a fine carriera. Il quale, se vogliamo davvero infierire, percepisce 20.800 euro in meno rispetto ad uno olandese, 25.000 meno di uno austriaco e 8.500 euro meno di un portoghese. La situazione non è molto diversa per chi insegna nelle scuole superiori: un docente tedesco del liceo a fine carriera arriva a 73.709 euro, contro i 38.901 italiani. Il divario è abissale.

Persino l'analisi che mette a paragone i salari al Pil pro capite reale conferma che i nostri insegnanti alla fine del loro percorso lavorativo sono tra quelli che guadagnano meno rispetto al resto della popolazione: a inizio carriera lo stipendio di un insegnante elementare è pari all'85% del Pil procapite ovvero, il 15% in meno rispetto allo stipendio di un lavoratore medio. Un docente portoghese di pari livello guadagna addirittura il 45% in più di un lavoratore connazionale medio. Solo nei Paesi ex comunisti come Slovacchia e Lituania le condizioni salariali di un insegnante sono peggiori. Fioramonti può dire quello che vuole, ma se confrontiamo gli stipendi italiani con quelli degli altri Paesi europei i suoi 100 euro sono qualcosa che sfiora il ridicolo. O l'offesa.

In primo piano

«Aggressione terroristica» a Manchester

Getty images

Un 41enne di colore ha seminato il terrore nel centro commerciale Arndale con un coltello «simile a un machete». Dopo aver ferito 4 persone, è stato neutralizzato con un taser. Non è chiaro se sia un estremista islamico. La città rivive l'incubo del 2017.
In primo piano

Chi teme il no deal? Parigi e Berlino: sono le loro banche a tremare sui derivati

Ansa

L’enorme quantità di contratti di questo tipo stipulati da istituti francotedeschi sono di diritto inglese. E in caso di contenzioso?
In primo piano

Dopo l’attacco di Parigi la polizia sommersa da minacce di stampo Isis

Ansa

Da quando l'islamista Mickaël Harpon ha ucciso 4 persone nella questura della capitale, nei commissariati cresce il timore di nuovi assalti armati.
In primo piano

Erdogan invade la Siria. E Putin approva

Getty Images

Primi raid turchi sulle città al di là del confine: «Portiamo la pace e combattiamo il terrorismo». Damasco e Teheran criticano, mentre Mosca fa da mediatrice. Un indebolimento delle milizie curde potrebbe non dispiacere al Cremlino e allo stesso Assad.
In primo piano

Dagli Usa nuovo schiaffo a Giuseppi: «Dovete collaborare sugli 007»

Getty images

Il presidente della commissione Giustizia, Lindsey Graham, scrive al premier: «Il procuratore generale fa il suo lavoro, ora voi fate il vostro». E dall'amministrazione Trump trapela l'irritazione verso l'Italia.
In primo piano

L’ipocrisia al potere: l’Ue «verde» aumenta l’esborso per i jet privati

Ansa

Invece che 7 milioni di euro i «mandarini» comunitari ne avranno quasi 11 per il noleggio degli aerotaxi, apparecchi «vip» dai consumi molto elevati e super inquinanti. Con tanti saluti alla svolta ambientalista.
In primo piano

L’Ue onora Carola che ha sfregiato l’Italia

Ansa

Il Parlamento di Bruxelles accoglie con una standing ovation la «capitana» indagata. E lei ne approfitta per fare la vittima Intanto qui continuano gli sbarchi, ma la Rai e le istituzioni proseguono a organizzare spot per l'accoglienza senza limiti.
In primo piano

L’Ue ci impone pure la super Procura. E i suoi giudici avranno paghe stellari

Ansa

L'organismo nasce per combattere le frodi finanziarie contro l'Unione, che ora pressa gli Stati membri per armonizzare i rispettivi ordinamenti. Ma anche il Csm aveva sollevato dubbi: «Può creare problemi».