Flash mob a Montecitorio, Pro Vita & Famiglia: «Una sfida globale: non si può aiutare al suicidio» - La Verità
Home
In primo piano

Flash mob a Montecitorio, Pro Vita & Famiglia: «Una sfida globale: non si può aiutare al suicidio»

Per la Giornata Mondiale della Prevenzione del suicidio, alle 10,30 del mattino del 10 settembre, sono apparsi striscioni dell'Associazione Pro Vita & Famiglia Onlus davanti a Montecitorio, con tanto di flash mob e cori. La stessa associazione ha già lanciato per tutto il mese di settembre la campagna nazionale choc #NOEUTANASIA con maxi manifesti nelle principali città italiane.

«Sono i dati a farci scendere in campo - hanno dichiarato gli organizzatori del flash mob e vertici della Onlus Antonio Brandi e Jacopo Coghe, già organizzatori del Congresso Mondiale delle Famiglie - Basti pensare che l'Australian Institute for Suicide Research and Prevention (Aisrap), che è un centro di ricerca nazionale e internazionale sul tema, ha indicato il suicidio come una delle 20 principali cause di morte a livello globale per le persone di tutte le età, responsabile ogni anno di quasi 800.000 morti, il che equivale a un suicidio ogni 40 secondi. Eppure sono di più i tentativi non portati a termine (25 milioni circa), come riportano le statistiche Iasp. Tradotto: solo il 3% delle persone va fino in fondo. Ciò significa che questa deriva si può combattere. Serve piuttosto solidarietà umana, per contrastare la disperazione, la depressione e curare il dolore».

«Vogliamo prevenire e non facilitare il suicidio. Si tratta - hanno proseguito - di una sfida che riguarda la comunità globale: se non affermiamo e proponiamo sempre di più la cultura della Vita e della prevenzione del suicidio, presto avremo la morte presentata come soluzione a una vita fragile e malata o magari solo infelice. Basta studiare i dati impressionanti di quanto sta avvenendo in Italia dove il suicidio è la seconda causa di morte tra gli adolescenti, ossia tra coloro che dovrebbero pensare al futuro e alla propria realizzazione. Invece sono così tanti a volerla fare finita. Tutto questo non è naturale, non va normalizzato. Noi gridiamo: mai col nostro aiuto!».

«La cura – hanno concluso Brandi e Coghe - deve essere l'unico obiettivo di uno Stato che abbia a cuore davvero il benessere dei propri cittadini in condizioni di debolezza e quindi la strada delle risposte concrete è quella dell'investimento in cure palliative e in strutture di assistenza. Lo Stato deve investire nell'assistenza e nella cura della depressione anche per creare una società meno materialista, consumista e edonista che emargina chi non è perfetto, ricco, bello e atletico. La persona non deve sentirsi mai sola».

Pro Vita & Famiglia parteciperà alla Conferenza Internazionale proprio sul tema dell'eutanasia e del suicidio assistito che si terrà il 20 settembre e che «intende contrastare il fenomeno della mistificazione della dolce morte facendo rete» spiegano presidente e vice presidente.

In primo piano

Pillon archiviato, Pd in festa ma quella legge serve al Paese

Ansa

Il nuovo ministro della Famiglia, Elena Bonetti, annuncia che la proposta leghista non passerà mai. Eppure è in linea con le buone pratiche di altri Stati europei.
In primo piano

Denunciarono il commercio dei feti. Giornalisti finiscono sotto processo

YouTube

David Daleiden e Sandra Merritt investigarono su tessuti e organi che sarebbero stati venduti da Planned parenthood, colosso abortista. Rinviati a giudizio per registrazioni illegali e associazione a delinquere: rischiano 10 anni.
In primo piano

Arriva in edicola il libro sui ladri di bambini

iStock

Bibbiano, ma non solo. Da domani, per i lettori della «Verità» e di «Panorama», Francesco Borgonovo e Antonio Rossitto ricostruiscono 20 anni di soprusi degli psicologi, che in tutta Italia hanno strappato i figli alle loro famiglie per darli in affido.
In primo piano

È ora di ribellarsi alla maternità surrogata

iStock

È grazie alla mamma che cominciamo a secernere ossitocina, l'ormone dell'amore. Ed è lei che si occupa di noi anche quando le manca la forza. Eppure l'abbiamo ridotta a un «concetto antropologico», schiavizzandola con la barbarie dell'utero in affitto.
In primo piano

In Francia la biologia non conta nulla

iStock

L'utero in affitto crea un caso mostruoso Oltralpe. Una coppia gay paga una madre surrogata, che però rifiuta di «consegnare» il bimbo. Il padre naturale le fa causa, ma perde: non importa che il seme sia il suo.
In primo piano

La Corte inglese prende tempo per decidere se Tafida deve morire

Ultima udienza di un processo durato cinque giorni, ma il giudice Alistair MacDonald ha chiesto ancora qualche settimana prima di spegnere la ventilazione artificiale. O consentire il trasferimento della piccola a Genova.
In primo piano

«Violenza sulle donne è non farle abortire»

iStock

Una mostra della fotografa spagnola Abril per gli allievi di un liceo di Ferrara. Scatti che dovrebbero documentare le problematiche femminili diventano un inno all'interruzione di gravidanza. «Farle divenire madri è un modo per limitare la libertà delle donne».
In primo piano

«Bibbiano? Ho denunciato invano 10 anni fa»

YouTube

  • Il criminologo milanese Luca Steffenoni nel 2009 scrisse un libro in cui mostrava gli orrori dei finti abusi e spiegava le storture del sistema di gestione dei minori. Citava anche i protagonisti dell'attuale inchiesta. Ma non fu ascoltato: «E oggi ci ritroviamo i mostri».
  • Invece di prendersi cura delle poverette maltrattate, la presidente della Onlus le truffava estorcendo denaro. Se non pagavano, le minacciava. Ha incassato pure soldi dall'Emilia Romagna.
  • A «Fuori dal coro», su Rete 4, l'assurda storia di una madre di Verona a cui sono stati sottratti i figli. La testimonianza di una operatrice scaligera: «Qui funziona anche peggio che in Val d'Enza».

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Studio sulle coppie omosex rivela: i figli delle lesbiche cercano il padre

Ansa

I risultati pubblicati su «Gay.it»: i bimbi di due donne hanno difficoltà ad assumere condotte conformi al proprio sesso.
In primo piano

I giudici inglesi decidono se uccidere Tafida

Oggi la sentenza sulla bambina cui i medici dell'ospedale londinese vogliono staccare il respiratore nel suo «migliore interesse». La madre chiede il trasferimento in Italia al Gaslini di Genova dove sarebbe curata. Mostrati in aula i video in cui muove le mani.