Battisti torna in manette, grazie

Cesare Battisti era e rimane un delinquente comune. Quando, appena diciottenne, entrò in carcere per rapina, e poi ci ritornò in seguito a condanne che andavano dal sequestro di persona alle lesioni, era un semplice bandito. Non avesse incontrato dietro le sbarre chi con l'idea della rivoluzione gli fornisse la giustificazione politica dei suoi reati, Battisti sarebbe diventato dunque un criminale incallito, furbo e senza scrupoli.

Roberto Cingolani (Ansa)
La commissione interministeriale sforna un testo di 160 pagine che non tiene conto delle evidenze scientifiche. Tanto da dover ammettere: «Cammino non lineare».
I 192 miliardi del Recovery arriveranno solo in cambio di una «ambiziosa» spending review di cui non c'è traccia nel decreto. Entro fine anno bisognerà realizzare 51 riforme, tra cui fisco e giustizia. La Francia frena sulla rivisitazione del Patto di stabilità.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings