E-Distribuzione ripensa i processi in chiave digitale - La Verità
Home
In primo piano

E-Distribuzione ripensa i processi in chiave digitale

iStock

La digitalizzazione e le tecnologie digitali stanno dando alle aziende supporto strategico per promuovere una cultura dell'innovazione, ripensare i modelli di business e rendere le imprese più competitive. Consentendo di migliorare il business tradizionale ma anche di esplorare spazi di mercato completamente nuovi, contribuendo a valorizzare la grande quantità di informazioni a disposizione e anticipare i nuovi trend.

Nel settore energetico, l'ICT (insieme delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione) è importante strumento per mezzo del quale promuovere la sostenibilità economica, ambientale e sociale. Consapevole di questo, nel 2017 E-Distribuzione, la società che gestisce le infrastrutture e la rete elettrica di distribuzione in Italia, ha lanciato DigI&N Italy, programma che ha l'obiettivo di ripensare i processi tecnici e commerciali facendo leva sull'introduzione di tecnologie digitali e del design thinking.

Nell'ottica della semplificazione dei rapporti con i clienti, è stato ripensato e digitalizzato l'intero processo di gestione delle richieste di allacciamento alla rete. Oltre 32 milioni i clienti che beneficeranno delle novità introdotte e circa 15.000 le persone in azienda interessate dal cambiamento: questi i numeri del nuovo processo di gestione delle connessioni.

Il risultato è un processo completamente rinnovato, dalla fase di acquisizione della richiesta fino alla chiusura delle attività, inclusi tutti gli step intermedi, come la preventivazione, l'assegnazione e l'esecuzione dei lavori.

Il lavoro di snellimento e di semplificazione dell'intero processo, tramite l'integrazione delle nuove funzionalità tecnologiche, è stato anticipato da un'indagine preliminare finalizzata ad individuarne i principali punti deboli. È stata ripercorsa l'esperienza del cliente, mappando i principali momenti di interazione con l'azienda e i canali di contatto disponibili. A valle di questa analisi è stata quindi ridisegnata una nuova customer journey secondo un'ottica maggiormente centrata sul cliente.

I nuovi strumenti, oltre ad agevolare il cliente, semplificano la gestione delle pratiche, a vantaggio della trasparenza, dell'ottimizzazione e di una pianificazione operativa più efficiente. Il POD Identifier, ad esempio, è il nuovo servizio che permette l'identificazione automatica del POD associato ad una fornitura a partire da dati facilmente reperibili quali il codice fiscale o la P.IVA del cliente o l'indirizzo di fornitura, per citarne alcuni. Inoltre, grazie al nuovo servizio Preventivo Smart, è possibile avere informazioni immediate su tempi e costi di gran parte delle richieste di attività.

Il Tracking Pratica e il Tracking in campo permettono invece al cliente di conoscere lo stato di avanzamento delle sue pratiche, fornendo notifiche in tempo reale, e di essere aggiornato sui tempi di arrivo del personale incaricato. Grazie al nuovo servizio di sicurezza e-PIN, il cliente può inoltre identificare l'operatore che si presenta per eseguire attività che comportano l'accesso nella sua abitazione, grazie a un PIN usa e getta generato dall'operatore stesso. La verifica può essere effettuata tramite il Numero Verde, il sito web o l'APP di E-Distribuzione, accedendo al servizio dedicato.

Quanto visto rappresenta solo una piccola parte del programma di trasformazione digitale che coinvolge E-Distribuzione, sempre più attenta alle esigenze dei clienti e a mettere a disposizione soluzioni all'avanguardia per migliorare costantemente la qualità del servizio offerto.

In primo piano

Il ponte elettrico con il Montenegro rende Terna hub del Mediterraneo

Inaugurato ieri il tubo che passa sotto l'Adriatico, è quasi invisibile e rivoluziona la distribuzione dell'energia. Luigi Ferraris, ad del gruppo: «Un'infrastruttura cruciale per l'integrazione fra i Balcani e l'Europa».
In primo piano

Sull’addio di Arcelor piomba la procura: s’indaga su magazzini e materie prime

Ansa

  • I pm milanesi entrano nella causa civile a fianco dei commissari e aprono un fascicolo in cerca del reato di depauperamento.
  • L'incontro al Mise finisce in disastro. Stefano Patuanelli riunisce le sigle e l'ad dell'azienda Lucia Morselli che si limita a confermare la chiusura e il passaggio di consegne per il 4 dicembre. Sindacati: «Nuovo scudo».

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

I 5 stelle bruciano l’emendamento pro Ilva

Ansa

La commissione guidata da Carla Ruocco dichiara inammissibili i testi di Fi e Italia viva per reintrodurre lo scudo. Massimiliano Romeo della Lega ci proverà con il dl Clima. Ma a parte qualche dissidente i grillini fanno muro e lo stesso Stefano Patuanelli ammette: «Aperti a ogni cosa».
In primo piano

Ipotesi prestito ambientale per aggirare il no europeo alla nazionalizzazione di Ilva

Ansa

L'intervento dello Stato non è più tabù e i giallorossi studiano come evitare bocciature dall'Ue. Ma l'idea di una maggioranza variabile in stile Tav stavolta non è praticabile.
In primo piano

Mediobanca fa il record di dividendi. Arrivano 2,5 miliardi in quattro anni

Ansa

Il piano industriale al 2023 prevede ricavi a 3 miliardi, in crescita del 4%. Cadono le critiche di Leonardo Del Vecchio alla gestione di Alberto Nagel. Ora che Unicredit ha ceduto le quote, sarà più facile capire se vuole schierarsi con Delfin.
In primo piano

Report falsi dopo il disastro Morandi. Sospesi 10 ex dirigenti e tecnici Spea

Ansa

La società si occupava di manutenzione e monitoraggio delle infrastrutture per Autostrade per l'Italia. Secondo l'accusa non sarebbero state eseguite le ispezioni dei cassoni di ponti e viadotti in mezzo Paese.
In primo piano

La lotta al diesel leva lavoro all’Italia ma favorisce le aziende tedesche

Ansa

Il colosso teutonico Mahle sposterà la produzione di pistoni dal Piemonte alla Polonia. Nell'indifferenza della politica, 452 lavoratori perderanno il posto. È questa la riconversione verde annunciata da Angela Merkel.
In primo piano

Se chiude l’ex Ilva ci guadagnano Germania e Francia

Lo stop della produzione imporrebbe ai clienti di rivolgersi ad Arcelor Parigi, Salzgitter e persino ai Riva in Renania.
All'interno infografica.