Dal 2013 zero ispezioni sul ponte Morandi - La Verità
Home
In primo piano

Dal 2013 zero ispezioni sul ponte Morandi

Ansa

Nuovo filone di indagine. Gli investigatori denunciano che nei 5 anni prima del crollo non ci sono stati controlli dal vivo dei cassoni. Però ogni tre mesi la Spea produceva report con sempre lo stesso voto sulla sicurezza. L'inchiesta si allarga ad altri viadotti.
In primo piano

La Procura antimafia lancia l’allarme sul ritorno del terrorismo rosso

Ansa

La relazione: «Gli irriducibili e i brigatisti scarcerati alimentano il ricordo di quell'esperienza e continuano a sostenere la rivoluzione». Nel 2018 è uscito un libro considerato dagli inquirenti un manifesto ideologico.
In primo piano

Il tribunale minorile non assolve Bibbiano ma la politica fa finta che vada tutto bene

iStock

Il presidente bolognese parla chiaro: il sistema degli assistenti sociali va rivisto. Però gli amministratori pensano solo a negare.
In primo piano

Il vecchio amore di Cdp per Parigi adesso mette a rischio 75 milioni

getty images

Tra il 2012 e il 2016 Fii e Cassa puntano su Sofinnova, scatenando polemiche da parte di chi chiedeva tutela per il made in Italy. Ora il venture capital francese si scopre vittima del fallimento di una società americana.
In primo piano

Il giorno in cui l’acqua cancellò un mondo

Ansa

Il 9 ottobre 1963, alle 22.39, 1.917 persone morirono nella tragedia del Vajont, quando un'onda alta quanto un grattacielo scavalcò la diga e spazzò via quattro comuni. Il dramma fu frutto di malagestione, burocrazia e omissioni dolose da parte della politica.
In primo piano

«La gestione finanziaria vaticana paga le scelte sbagliate di Bergoglio»

Il figlio del banchiere Roberto rimane tra i più importanti testimoni delle questioni economiche d'Oltretevere: «Oggi assistiamo a uno smembramento graduale di una istituzione. Vedremo cosa riuscirà a fare Giuseppe Pignatone».
In primo piano

Vi spiego perché di Mifsud non ci si può fidare

Ansa

Nel 2012 l'Università Euromediterranea mi chiese di rimediare ai danni della figura chiave del Russiagate, allora presidente. Si era costruito la famosa agenda di contatti «mondiali» con viaggi e spese a carico dell'ateneo. E fregò pure il governo di Malta.
In primo piano

Il Rottamatore attaccava il babbo di Di Maio. Ora insiste o chiede scusa?

Ansa

I grandi giornali fecero titoloni sulla vicenda del genitore grillino, mentre l'ex premier puntava il dito sul rivale politico. Però sulla sentenza sfavorevole ai suoi cala il silenzio.
In primo piano

Vita, carriera e passioni di Vecchione. Il capo delle spie più amato da Conte

Ansa

Da finanziere si è occupato di truffe farmaceutiche e hacker. Poi il salto al coordinamento delle «barbe finte», spinto da Palazzo Chigi. Il profilo di ordinanza è ovviamente basso, ma ogni tanto fa capolino nei salotti romani.
In primo piano

Macché malato . Quell’assassino è solo uno dei tanti immigrati violenti

Ansa

  • Non è un pazzo, come vogliono farci credere: il dominicano che a Trieste ha sparato a 10 agenti uccidendone due è lucido e consapevole. È solo uno dei tanti clandestini violenti che minacciano la nostra vita. Franco Gabrielli, capo della polizia, conferma: un terzo di tutti i reati in Italia viene commesso da loro.
  • Parla un medico del pronto soccorso: «Negli ultimi tre anni le aggressioni da parte di extracomunitari nel mio reparto sono aumentate del 60%, ma pochissime vengono denunciate. Le aziende sanitarie non vogliono finire sui giornali e ci chiedono di lasciar perdere».
  • Dall'ultimo incontro delle Ferrovie dello Stato con le organizzazioni sindacali, è emerso che tra gennaio e agosto 2019 sui treni italiani sono avvenute 240 aggressioni fisiche e verbali.
  • Dal primo giugno al 4 ottobre di quest'anno, su 184 episodi di violenza nei confronti delle forze dell'ordine, 138 (il 75%) ha avuto come protagonisti stranieri irregolari.

Lo speciale contiene quattro articoli

In primo piano

«Cosche rafforzate dalla campagna di Delrio in Calabria»

Ansa

  • La sentenza Aemilia: «I candidati a sindaco di Reggio andarono a Cutro senza dire che i voti della 'ndrangheta erano sgraditi».
  • La Lega: se ne occupi la commissione Antimafia. Nuovo imbarazzo sull'asse Pd-M5s.

Lo speciale contiene due articoli