Coghe e Brandi: «La ghigliottina mediatica funziona e rischia di trasformarsi in giudiziaria» - La Verità
Home
In primo piano

Coghe e Brandi: «La ghigliottina mediatica funziona e rischia di trasformarsi in giudiziaria»

Ansa

«Ci stringiamo attorno a Massimo Gandolfini chiamato in causa dall'Arcigay di cui sarebbe stata offesa la reputazione. Qui quelli che sempre più spesso sono diffamati ed offesi siamo noi tutti sostenitori della famiglia naturale. Contro di noi abbiamo letto di tutto, se applicassimo i criteri che vorrebbero che fossero applicati a Gandolfini, ne vedreste delle belle» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, organizzatori del Congresso di Verona e presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia mostrando la propria solidarietà al leader del Family Day e presidente del Comitato Difendiamo i nostri Figli, condannato in primo grado a 4 mesi di reclusione convertiti in 30.000 euro di multa e a una provvisionale di 7.000 euro per l'associazione e 3.000 euro per l'allora presidente.

«Noi ci siamo sentiti dare dei torturatori di bambini, dei trogloditi e degli assassini» - hanno continuato Brandi e Coghe - «solo perché difendiamo la vita dal suo concepimento alla sua fine e la famiglia costituita da mamma e papà. Siamo noi i veri discriminati». Il presidente Brandi ha anche aggiunto: «A me addirittura con scritte ignobili hanno augurato la morte e vi è una procedura penale in corso».

«Questa prima sentenza» - hanno concluso i due organizzatori del Congresso delle Famiglie di Verona - «rappresenta l'ulteriore prova che la "ghigliottina mediatica" funziona e rischia di trasformarsi in giudiziaria. Ci aspettiamo che il processo, nella sua prosecuzione, riconosca l'assoluta innocenza di un uomo e medico stimato e ritenuto d'esempio per milioni di persone».

In primo piano

Oggi Conte porta in Senato lo spartito dell’inciucio. Mattarella vorrà suonarlo?

Ansa

Alle 15 il premier romperà con i leghisti, accusando il suo vice di assenteismo. Possibile voto sulle risoluzioni: lì si vedranno i nuovi assetti. Poi salita al Quirinale e via alle danze
In primo piano

La Lega ha «chiuso» giusto in tempo. Svelate trappola Ue e mire di Prodi

Ansa

La «cintura di sicurezza» di Bruxelles sarebbe scattata al varo della manovra, con giallorossi (e forse Fi) in campo per mettere all'angolo Matteo Salvini. E il Prof pronto al Colle, spinto dall'assetto filocinese.
In primo piano

Salvini studia da leader unico dell’opposizione

Ansa

In attesa di ascoltare le parole di Giuseppe Conte al Senato, il Capitano attacca gli ex alleati. Spera sempre nel voto, ma il patto tra Romano Prodi, Matteo Renzi, Massimo D'Alema e Beppe Grillo può affossare il Movimento e regalare al capo del Carroccio il monopolio dell'elettorato antisistema.
In primo piano

I carboidrati buoni

Pasta, pane, dolci sono diventati l'ossessione di molti. Ma per una corretta alimentazione gli zuccheri non devono essere cancellati del tutto. L'importante è scegliere quelli con basso indice glicemico: farine integrali, cereali come il farro e l'orzo, le patate bollite oppure cucinate dopo averle lasciate in ammollo come i legumi. Bisogna invece eliminare le bibite.
In primo piano

Torniamo al latino per rispettare il sacro

Ansa

Ma quale inglese: la nostra civiltà cristiana si è strutturata grazie alla lingua dei Romani, quella della messa con il rito antico. Dopo la sua scomparsa, è arrivata una Babele e l'Occidente si è ridotto a una fabbrica di psicoreati che annientano la libertà.
In primo piano

Pierluigi Battista: «Pd con M5s? Burla della democrazia»

Ansa

Il giornalista: «I parrucconi d'ancien régime e i partiti alla canna del gas si compattano pur di impedire a Salvini di vincere le elezioni. Ma a forza di insultare i “barbari" finiranno per far infuriare gli elettori».
In primo piano

Hong Kong, Trump minaccia la Cina di far saltare l'accordo commerciale in caso di violenza

In primo piano

Tonino Lamborghini: «Io credo in Salvini: nessuna retromarcia e al voto subito»

L'imprenditore: «Quindici anni fa dovevo candidarmi con il Cav, ora confido nella Lega. Giusto staccare la spina al governo. Un Conte bis? Per carità, lui è un uomo di paglia».