Enit, Massimo Ostillio si è mosso per far emergere il malaffare di Promuovi Italia - La Verità
Home
In primo piano

Enit, Massimo Ostillio si è mosso per far emergere il malaffare di Promuovi Italia

Il dottor Massimo Ostillio è stato consigliere di amministrazione della società pubblica Promuovi Italia tra il 2012 ed il 2014, contribuendo in modo determinante all'emersione di illeciti penali ed amministrativi di cui hanno avuto responsabilità dipendenti interni e funzionari ministeriali.

Tali illeciti furono prontamente denunciati - dal cda e dal presidente Costanzo Jannotti Pecci - alla Procura della repubblica di Roma ed alla procura regionale della Corte dei conti, che hanno aperto appositi fascicoli e svolto in questi anni apposite attività di indagine. Nei giorni scorsi è stato reso noto un primo rinvio a giudizio dell'ex direttore generale Francesco Montera, imputato di gravi reati di natura informatica ai danni della società.

Anche sulla scorta degli accertamenti avviati dal cda di Promuovi Italia, il Ministero vigilante (Mibact) istituì nel 2014 una Commissione d'inchiesta, che concluse i suoi lavori nell'aprile 2015 accertando numerose criticità nel funzionamento della Direzione generale Turismo ed irregolarità addebitabili a propri funzionari.

Riguardo all'utilizzo di fondi comunitari, né il cda e tanto meno il dottor Ostillio hanno mai avuto responsabilità gestionali nella società, le quali risultavano tutte in capo al direttore generale Montera. Lo stesso direttore, nell'ambito dei suoi poteri e competenze, sottoscriveva ed inviava ai Ministeri competenti le rendicontazioni dei progetti finanziati con risorse europee, senza passare attraverso il Consiglio di Amministrazione ovvero in assenza di alcuna informazione preventiva data agli Organi sociali.

Per questo e per molti altri abusi, l'ex direttore generale ed altri dipendenti di Promuovitalia sono stati licenziati e denunciati alle Autorità competenti, sempre a seguito dei controlli svolti dal cda.

La Curatela fallimentare, che per inciso ha escluso responsabilità del dottor Ostillio nel dissesto della società, ha potuto verificare fenomeni plurimi di dissipazione e sottrazione di risorse aziendali ed ha in corso le opportune iniziative per tutelare gli interessi pubblici.

Dunque, a differenza di quanto vuol far credere l'autore dell'articolo con accostamenti indebiti e ricostruzioni inveritiere, Il dott. Ostillio non è coinvolto affatto nelle vicende raccontate da "La Verità" ed anzi - al contrario - ha operato per far emergere il malaffare e punire i responsabili degli illeciti perpetrati ai danni della società e delle casse pubbliche.

La nostra replica 

Ringrazio l'avvocato per l'attenzione, ma mi preme sottolineare come dal testo, così come dalle intenzioni di chi l'ha redatto, non emerga alcun profilo diffamatorio nei confronti del dottor Jannotti Pecci e del dottor Massimo Ostillo. Appartiene invece alla storia il fatto che Promuovi Italia sia entrata in cortocircuito proprio durante il mandato di Pecci e di Ostillo. Sarà naturalmente la giustizia a fare il suo corso e forse a chiarire che cosa ha scatenato la guerra interna a Promuovi Italia quando Pecci era presidente e Ostillo suo vice nel consiglio di amministrazione. Una guerra, come abbiamo potuto constatare dalla documentazione di cui siamo entrati in possesso, di cui il ministro Dario Franceschini dovette prendere atto, decidendo di mettere in liquidazione la società.

In primo piano

Centemero: «Con il decreto Crescita creiamo anche in Italia un incubatore dedicato al fintech»

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

La finanza è da sempre un tema importante per le Pmi. Così come lo è l'intenzione di intercettare e riportare a casa le tante imprese italiane che sono andate a crescere all'estero perché in Italia non trovavano lo spazio adeguato. Questi due temi sono la base delle nuove norme sugli Eltif, i fondi europei di investimento a lungo termine e il sandbox, lo strumento che permetterà alle aziende fintech di crescere in Italia in un ambiente protetto. La Verità ha parlato con il capogruppo della Lega all'interno della commissione Finanze della Camera di queste due novità contenute nel decreto Crescita.

In primo piano

Sea Watch chiama i rinforzi da Strasburgo

Instagram

Alcuni passeggeri a bordo della nave si sono rivolti alla Corte europea dei diritti dell'uomo per sbloccare la situazione di impasse. E il ministro dell'Interno offre la sua soluzione: «Nave olandese, Ong tedesca: metà migranti ad Amsterdam, metà a Berlino».
In primo piano

Schettino in cattedra ma il Pontefice no. Diario dalla Sapienza in mano ai collettivi

Ansa

  • In ateneo raid contro studenti di centrodestra o antiabortisti. Poi scandali enormi, come i cadaveri abbandonati a Medicina.
  • Matteo Salvini contro il rettore: «Non tolleri l'illegalità». Il vicepremier leghista accusa i vertici dell'istituto. I pm capitolini hanno aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Pansa vede il neo dittatore . Ma guarda tv e legge giornali a noi ignoti

Ansa

Il nuovo libro del decano dei giornalisti è dedicato a Matteo Salvini. Che sarebbe il primo «dittatore» con quasi tutti i media contro.
In primo piano

Tra le penne di «Repubblica» volano coltellate

Ansa

  • Un'inchiesta su Cosimo Ferri (Pd) firmata da Carlo Bonini e Giuliano Foschini fa infuriare il collega Francesco Viviano: «Quanti santi ha in paradiso uno che mi ha registrato e mi ha fatto condannare per uno scoop?». Il giornalista accusato ha legami con Gianrico Carofiglio.
  • Luca Lotti nega le fughe di notizie. Spuntano nuove cene con i pm. Il fedelissimo di Matteo Renzi: «Non potevo sapere di Consip». Ma c'è qualcosa che non torna.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

I 5 stelle preparano il disastro dell’Ilva (e del Paese)

Ansa

Ho la sensazione che la storia dell'Ilva finirà nel peggiore dei modi, ossia con la chiusura dello stabilimento e gli investitori stranieri che se ne vanno a gambe levate. Sbaglio? Me lo auguro, perché l'esito negativo del rilancio della più grande acciaieria nazionale rappresenterebbe una mazzata per l'Italia.