Enit, Massimo Ostillio si è mosso per far emergere il malaffare di Promuovi Italia - La Verità
Home
In primo piano

Enit, Massimo Ostillio si è mosso per far emergere il malaffare di Promuovi Italia

Il dottor Massimo Ostillio è stato consigliere di amministrazione della società pubblica Promuovi Italia tra il 2012 ed il 2014, contribuendo in modo determinante all'emersione di illeciti penali ed amministrativi di cui hanno avuto responsabilità dipendenti interni e funzionari ministeriali.

Tali illeciti furono prontamente denunciati - dal cda e dal presidente Costanzo Jannotti Pecci - alla Procura della repubblica di Roma ed alla procura regionale della Corte dei conti, che hanno aperto appositi fascicoli e svolto in questi anni apposite attività di indagine. Nei giorni scorsi è stato reso noto un primo rinvio a giudizio dell'ex direttore generale Francesco Montera, imputato di gravi reati di natura informatica ai danni della società.

Anche sulla scorta degli accertamenti avviati dal cda di Promuovi Italia, il Ministero vigilante (Mibact) istituì nel 2014 una Commissione d'inchiesta, che concluse i suoi lavori nell'aprile 2015 accertando numerose criticità nel funzionamento della Direzione generale Turismo ed irregolarità addebitabili a propri funzionari.

Riguardo all'utilizzo di fondi comunitari, né il cda e tanto meno il dottor Ostillio hanno mai avuto responsabilità gestionali nella società, le quali risultavano tutte in capo al direttore generale Montera. Lo stesso direttore, nell'ambito dei suoi poteri e competenze, sottoscriveva ed inviava ai Ministeri competenti le rendicontazioni dei progetti finanziati con risorse europee, senza passare attraverso il Consiglio di Amministrazione ovvero in assenza di alcuna informazione preventiva data agli Organi sociali.

Per questo e per molti altri abusi, l'ex direttore generale ed altri dipendenti di Promuovitalia sono stati licenziati e denunciati alle Autorità competenti, sempre a seguito dei controlli svolti dal cda.

La Curatela fallimentare, che per inciso ha escluso responsabilità del dottor Ostillio nel dissesto della società, ha potuto verificare fenomeni plurimi di dissipazione e sottrazione di risorse aziendali ed ha in corso le opportune iniziative per tutelare gli interessi pubblici.

Dunque, a differenza di quanto vuol far credere l'autore dell'articolo con accostamenti indebiti e ricostruzioni inveritiere, Il dott. Ostillio non è coinvolto affatto nelle vicende raccontate da "La Verità" ed anzi - al contrario - ha operato per far emergere il malaffare e punire i responsabili degli illeciti perpetrati ai danni della società e delle casse pubbliche.

La nostra replica 

Ringrazio l'avvocato per l'attenzione, ma mi preme sottolineare come dal testo, così come dalle intenzioni di chi l'ha redatto, non emerga alcun profilo diffamatorio nei confronti del dottor Jannotti Pecci e del dottor Massimo Ostillo. Appartiene invece alla storia il fatto che Promuovi Italia sia entrata in cortocircuito proprio durante il mandato di Pecci e di Ostillo. Sarà naturalmente la giustizia a fare il suo corso e forse a chiarire che cosa ha scatenato la guerra interna a Promuovi Italia quando Pecci era presidente e Ostillo suo vice nel consiglio di amministrazione. Una guerra, come abbiamo potuto constatare dalla documentazione di cui siamo entrati in possesso, di cui il ministro Dario Franceschini dovette prendere atto, decidendo di mettere in liquidazione la società.

In primo piano

I veri estremisti riuniti a Verona non sono i militanti pro family

Ansa

I relatori del Congresso mondiale vengono trattati come facinorosi da temere. Hanno campo libero invece gli esaltati arcobaleno. Che, con il supporto dell'Anpi, sfoggiano toni decisamente bellicosi.
In primo piano

Prima ci fa la morale, poi Macron vende a Xi Jinping 300 Airbus

Ansa

  • Il memorandum sulla Via della seta riduce l'influenza degli Usa e ci permette di smarcarci dai vincoli europei, che rendono la ripresa impossibile. Ma per assecondare Donald Trump il governo vara lo scudo sul 5G: si applicherà anche alle forniture di beni e servizi.
  • «Senza la fiducia del Vaticano niente Via della seta». Antonio Spadaro, direttore della «Civiltà Cattolica», rivendica il ruolo della Chiesa. Giuseppe Conte: «Seguo il dialogo fra Pechino e Santa sede» .
  • Nuovi accordi con Parigi Pechino compra 300 Airbus. Oggi pure Angela Merkel e Jean-Claude Juncker all'incontro fra Emmanuel Macron e il leader del Dragone.

Lo speciale comprende tre articoli.

In primo piano

Killer della moschea, avere il manifesto è reato

In manette l'uomo che ha condiviso il video della strage sui social / Ansa

Il manifesto del terrorista che ha massacrato 49 musulmani in moschea deve essere cancellato dalla Rete: previsti fino a 14 anni di carcere per chi lo condivide. Per il governo non si tratta di vietare l'espressione di opinioni. Ma c'è chi teme l'effetto contrario.
In primo piano

In fiera l’imam insegna a picchiare le donne

Ansa

Nel cuore di Milano un evento promosso dalla ong Islamic relief. Tra i relatori Jasem Al Mutawa, mediatore familiare che spiega come educare mogli e figli agitando dei bastoni pesanti. Ci saranno anche un sostenitore della guerra santa e un teologo oltranzista.
In primo piano

Salviamo quei bimbi rapiti di nuovo per fare pubblicità allo ius soli

Ansa

Rami e Adam sono ancora prigionieri, stavolta di chi guida l'informazione. L'obiettivo è farli diventare gli eroi del pensiero unico. Ma il padre dell'egiziano svela l'inganno: «Sono stati i giornalisti a strumentalizzarci».
In primo piano

Zingaretti è suonato: «Siamo noi l’alternativa a Salvini»

Ansa

L'erede di Matteo Renzi fa il gradasso dopo il flop. Il capo leghista: «L'esecutivo dura, in due stiamo meglio». Esulta Giorgia Meloni: «Cresciamo».