Elezioni Europee 2019, i quattro punti contenuti nel Manifesto per la vita e le famiglie

Elezioni Europee 2019, i quattro punti contenuti nel Manifesto per la vita e le famiglie
notizieprovita.it

Cresce il numero di chi, come candidato, si impegna solennemente e concretamente sui quattro punti contenuti nel Manifesto per la vita e la famiglia per le Europee 2019. L'obbiettivo: riportare in Europa la famiglia e la vita come priorità assolute, come valori portanti e propedeutici a qualsiasi tipo di politiche, rimettere quindi al centro le persone.

Tra i firmatari anche Giorgia Meloni, l'unico segretario di partito a firmare. I diversi candidati al Parlamento europeo hanno promesso di rispettare quattro punti fermi nella loro azione politica per cambiare rotta, per cambiare il vento in Europa come già spiegato da Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vicepresidente di Pro Vita & Famiglia e del Congresso delle famiglie di Verona.

Ecco i punti contenuti nel Manifesto: contrastare in ogni modo la legalizzazione, la diffusione e l'agevolazione della pratica dell'utero in affitto; far rispettare a ogni livello l'art 26/3 della Dudu perché i genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli; contrastare seriamente la sessualizzazione precoce dei bambini e degli adolescenti; promuovere a livello comunitario l'istituzione di uno specifico fondo 'salva-famiglia' per la natalità e i nuclei familiari numerosi e/o in difficoltà con modalità e procedure comuni negli Stati membri.

Per scoprire chi sono i vecchi e i nuovi candidati pro life e pro family e per quali partiti corrono, basta cliccare sul sito www.notizieprovita.it/candidati dove potrete conoscerli e vederli in una foto.

«Stipendi troppo bassi. Vogliamo aumentarli senza aiuti dallo Stato»
Attilio Fontana (Imagoeconomica)
Il governatore Attilio Fontana in corsa per la rielezione: «In Lombardia garantirò l’unità del centrodestra. Sulla pandemia giusto fare un’inchiesta».
«Terremoto, per colpa del Pd ricostruzione all’anno zero»
Guido Castelli (Ansa)
Il neo commissario Guido Castelli: «La sostituzione di Legnini non è spoils system ma una scelta fiduciaria. La situazione è drammatica, in sei anni eseguito appena il 12% dei lavori».
Molotov anarchica contro la polizia: «Lo Stato non si fa intimidire»
Alfredo Cospito (Ansa)
Palazzo Chigi: «Non si scende a patti con chi minaccia». Inviato proiettile al Tirreno.
«Ursula ostacola l’indagine sui vaccini Ue»
Emily O’Reilly (Philipp von Ditfurth/picture alliance via Getty Images)
Emily O’Reilly, difensore civico dell’Unione, attacca il presidente Ursula von der Leyen: «Da luglio bloccati sull’inchiesta relativa allo scambio di sms con l’ad di Pfizer». Intanto il pm di Bergamo: «Accertate gravi omissioni nelle prime fasi della pandemia». Walter Veltroni sul Corriere che fu pro Roberto Speranza scopre che il lockdown ha devastato i ragazzi.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings