Omofobia, Pro Vita e Famiglia: «Parole Marrazzo dimostrano cosa diventerà Italia»

Omofobia, Pro Vita e Famiglia: «Parole Marrazzo dimostrano cosa diventerà Italia»
«Ieri in piazza Montecitorio per il flashmob #RestiamoLiberi hanno partecipato centinaia di persone, famiglie con bambini e liberi cittadini. Abbiamo tutti manifestato pacificamente il nostro dissenso contro una legge liberticida, il ddl Zan, che vorrebbe introdurre nel nostro ordinamento il reato di opinione. Siamo sorpresi dalla nota di Marrazzo (Gay Center), che descrive una presunta aggressione che a noi organizzatori non risulta. Anzi a dire il vero noi stessi siamo stati vittima di un lancio di un fumogeno tra le famiglie e i bambini presenti in piazza da parte di attivisti Lgbt che giravano indisturbati tra la folla cercando occasioni di provocazione» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia.

«Questa é la dimostrazione di quella che sarà l'Italia qualora dovesse essere approvata la legge Zan. La semplice presenza di noi pro-family sarà considerata una provocazione antidemocratica e omofobica. Strumentalizzeranno ogni iniziativa o parola per passare per vittime e far rischiare a persone e famiglie galere e multe» hanno concluso Brandi e Coghe.

La tecnologia al servizio della bellezza
iStock

Maschere LED e gadget da tenere in borsetta che promettono un effetto lifting in pochi secondi. La beauty tech spopola in tutto il mondo, anche per merito dei vip che si mostrano sui social con i prodotti più innovativi.

La nuova Cuba pro Lgbt resta un regime
Un seggio a L'Avana per il referendum del 25 settembre 2022 (Ansa)
La sinistra, dopo regolari elezioni, urla al pericolo fascismo in Italia. L’illiberale isola invece è erta a faro della democrazia: le è bastato approvare i matrimoni omosessuali.
Il voto ci ha allontanato dal baratro dei «diritti» all’aborto e a nozze gay
(Imagoeconomica)
Unioni civili e legge 194 non saranno toccate. Ed è un bene. Le coppie arcobaleno non verranno equiparate a quelle etero e sposate. E la morte di tanti innocenti potrà essere scongiurata facendo sentire il battito del feto.
Dalla Castelli alla Vezzali a Nobili. Nomi roboanti senza lo strapuntino
Da sinistra: Luciano Nobili, Valentina Vezzali, Laura Castelli (Ansa)
A fondo i fedelissimi di Luigi Di Maio. Tra i dem restano fuori Andrea Marcucci, Stefano Ceccanti e Filippo Sensi.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings