Il fascino del peperone ha stregato gli artisti - La Verità
Home
In primo piano

Il fascino del peperone ha stregato gli artisti

iStock

Scoperto da Cristoforo Colombo ad Haiti, per circa un secolo fu usato come pianta ornamentale. Renato Guttuso lo ha immortalato nelle sue tele, il fotografo Edward Weston lo ha ritratto in bianco e nero. Secondo la leggenda Leonardo da Vinci lo usò per vivacizzare i colori dell'«Ultima cena».
In primo piano

Nelle alici il segreto degli acuti di Caruso

iStock

I grandi tenori come lui e Tito Schipa le usavano come lubrificanti delle corde vocali. Pesce umile, sfama il popolo da tempo immemore I legionari romani adoperavano una pasta di acciughe che rinveniva sul fuoco. Tra i patrizi in auge il garum, una miscela di pescato.
In primo piano

Cocktail, «polibibita» dei futuristi che oggi si beve anche mangiando

Pixabay

Lanciato a New Orleans alla fine del Settecento, durante il fascismo fu ribattezzato con nomi bizzarri. Famosi il Bellini di Giuseppe Cipriani e il Bloody Mary di Hernest Hemingway, ma adesso tra i giovani il must è lo spritz.
In primo piano

Liquirizia, l’arma di conquista di Casanova

iStock

Il seduttore la usava come «aiutino» negli incontri erotici. Le legioni di Annibale utilizzavano i rametti per sopportare la fatica. Napoleone curava la gastrite da stress. Furono i domenicani, nel 1400, a esaltarne le doti benefiche sotto forma di tisane e pomate.
In primo piano

Dissetatèvi! Tiene svegli e giovani: dopo l’acqua è la bevanda più nota al mondo

IStock

Caldo o freddo, ossidato o fermentato, coltivato in Cina o nell'area indiana in numerose varietà diverse, l'infuso è un toccasana a ogni latitudine La differenza sta nei metodi che ogni Paese utilizza per lavorare le foglie.
In primo piano

Rosmarino, l’antirughe della regina Isabella

Ansa

La sovrana d'Ungheria, grazie alla lozione a base della profumata erba, si ritrovò a 72 anni la pelle di una ventenne. L'elisir andò a ruba: Luigi XIV lo volle per curare la gotta. Egizi, Greci e Romani lo usavano nei riti funebri: era il simbolo dell'eternità.
In primo piano

Tra pinte di birra e gastronomia, l'Irlanda è il Paese da visitare

Contenuto esclusivo digitale

iStock

  • A insegnare agli abitanti della verde isola a bere birra furono con ogni probabilità i celti che sono stati i primi colonizzatori dell'area. La pinta, il tradizionale bicchiere con cui gli irlandesi bevono il loro pane liquido quotidiano, è una sorta di sacro Graal per gli irlandesi: lì dentro ci sta la cultura, la fede, l'idea di vita.
  • Pur essendo un'isola ci sono relativamente pochi piatti di pesce, la carne più consumata non è quella vaccina, ma quella di montone e in subordine di maiale. Il piatto nazionale è l'irish stew che si prepara stufando varie carni insieme con le patate.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

L'aperitivo lombardo: i cocktail  incontrano i salumi della tradizione

Contenuto esclusivo digitale

Salumi Pasini

  • Il fenomeno dell'aperitivo nasce nel 1786 con la creazione del vermouth, un infuso abbastanza leggero da essere sorseggiato durante la giornata, per prepararsi alla cena facendo quattro chiacchiere. Cosa accompagnare a questa bevanda? I salumi della tradizione, come ci insegna Salumi Pasini.
  • Il salame campagnolo legato a mano va accompagnato a un buon rosso dell'Oltrepò.
  • Il salame gran filetto legato a mano può essere assaporato con un Franciacorta brut, che ne esalti il sapore fresco e delicato.
  • Lardo e pop corn? Scopri la ricetta gustandoti il cugino bresciano dello spritz: il Pirlo.

Lo speciale contiene quattro articoli.

In primo piano

I carboidrati buoni

Pasta, pane, dolci sono diventati l'ossessione di molti. Ma per una corretta alimentazione gli zuccheri non devono essere cancellati del tutto. L'importante è scegliere quelli con basso indice glicemico: farine integrali, cereali come il farro e l'orzo, le patate bollite oppure cucinate dopo averle lasciate in ammollo come i legumi. Bisogna invece eliminare le bibite.
In primo piano

Capperi, i boccioli che schiudono l’allegria

iStock

l cuoco di papa Leone X li consigliava contro la malinconia e per «far vivace il coito», per Dioscoride e Ippocrate avevano proprietà diuretiche e depurative. In Sardegna curavano le varici, a Salina la raccolta è tradizionalmente affidata alle donne.
In primo piano

Viva l’anguria. È il supercibo dell’estate che fa gioire i patriottici

Bianco, rosso, verde, il grande cocomero rinfresca le giornate più torride e regala energia. Con meno calorie di un gelato e più sali minerali e vitamine rispetto all'acqua.