Marco Lanterna
In primo piano

Banksy illustratore del pensiero unico fa il furbo come fosse un Toscani qualunque

Ansa

La sua arte vuole fare politica, diventa propaganda. E sul muro di quella che era la «giungla» di Calais, il suo graffito con Steve Jobs profugo individua l'immigrato come una risorsa.
In primo piano

L’Ue butta 10 milioni per dimostrare che le radici europee sono nel Corano

Ansa

Cifra record pagata a un istituto spagnolo che per 5 anni, avvalendosi dell'apporto di studiosi di università francesi, italiane e inglesi, puntellerà la politica migratoria di Bruxelles con argomenti vestiti da pseudo scienza.
In primo piano

La Francia alza la voce per Leonardo ma ci ha scippato centinaia di opere

Scontro sul no italiano alle richieste del Louvre di avere le opere vinciane per la grande mostra del 2019. Ma è un vizio dei cugini d'Oltralpe quello di prendere le nostre cose e spacciarle per proprie. Vedi Monna Lisa.
In primo piano

Parlare con i defunti grazie a un telefonino è cancellare l’anima

Una app raccoglie e immagazzina il maggior numero di tracce Web, foto e dati di chi è morto. E li riassembla in modo creativo. L'inventore - un giovane laureato del Mit - in principio voleva solo serbare il ricordo di un amico scomparso, quando infine ha capito la portata dell'invenzione, in perfetto stile yankee ha pensato bene di costruirci sopra un business.
In primo piano

La giravolta di Sala: Ambrogino a Elio che 10 anni fa offese Milano rifiutandolo

LaPresse

È la prova della deriva poco etica imboccata dal riconoscimento creato per premiare i tanti sconosciuti che fanno grande la città
In primo piano

La tirannia occulta dei motori di ricerca

Il caso di Bing, accusato di essere scorretto sui temi razziali, pone quesiti inquietanti sugli oracoli del Web. Che influenzano e pilotano sempre di più il flusso di notizie. Come fa Google, multato più volte per comportamenti scorretti e violazione della privacy.
In primo piano

Carofiglio affianca Saviano nella sbobba dei luoghi comuni

LaPresse

Si indigna in tv, elogia Antonio Gramsci, taccia di cialtroneria il governo. Spocchioso esempio del malmesso pensatoio della sinistra. Più che ad Albert Camus, somiglia a un maestrino dalla penna rossa. I suoi sono freghi fatti alla lavagna, intorno a parole e grammatica.
In primo piano

Colloqui di lavoro sui social e con i robot

LaPresse

Le più avanzate forme di selezione del personale mandano in soffitta i vecchi sistemi. L'impiego si ottiene vincendo un «talent» o superando una «stress interview». Politicamente corretto in agguato: scartare una musulmana può essere un'offesa alla fede. Oggi i tycoon del Web presiedono società fantamilionarie indossando camicia hawaiana e infradito (anziché giacca e cravatta) e Sergio Marchionne è entrato alla Casa Bianca in maglione nero.
In primo piano

Il colosso Starbucks sbarca a Milano e punta ad assumere solo immigrati

LaPresse

Al sindaco Beppe Sala ha promesso di offrire lavoro a rifugiati e cittadini in difficoltà. Una nuova missione etica dopo quelle per l'ecologia e i diritti gay. Ma il vero scopo è aumentare i profitti con manovalanza a basso costo.
In primo piano

Il futuro di Bond: nero e femminista. 007 si adegua al politically correct

Idris Elba, attore inglese di colore, potrebbe sostituire Daniel Craig nel ruolo dell'agente segreto. Gli sceneggiatori ora hanno un altro pallino: accordare l'eroe cinematografico più misogino di sempre al movimento Me too.