Antonio Grizzuti
In primo piano

Riempiamo di soldi gli Stati africani. Ma loro ci attaccano sobillati da Macron

LaPresse

  • Al Continente nero abbiamo versato 108 milioni in 3 anni contro i 9 della Francia. Che spinge i leader a polemizzare con Matteo Salvini.
  • Lo scrittore Sandro Veronesi, accompagnato dai capi delle principali sigle del Mediterraneo: «Hanno creato una macchina finalizzata alla morte».
  • I lavoratori di un'azienda californiana contro la produzione di un sensore che contrasta l'immigrazione dal Messico.
  • I flussi migratori verso la Spagna producono lo stesso disastro già visto qui. Le autorità di Madrid denunciano che gli immigrati, anche per colpa delle «spinte» delle Ong, finiscono quasi sempre nel racket.

Lo speciale contiene quattro articoli

In primo piano

Pd e Cgil vanno all’attacco dei padri separati

LaPresse

Il mondo progressista, a cominciare dal segretario dem Maurizio Martina, spara contro il disegno di legge Pillon sull'affido condiviso. Ma è l'unico modo per porre fine al dramma degli uomini che, dopo il divorzio, perdono tutto. Compreso il rapporto con i figli.
In primo piano

Con l’austerità imposta dalla Troika la Grecia ha smesso di fare figli

LaPresse

Dal 2011 le stime sulla crescita della popolazione sono crollate: nel 2080 i cittadini saranno un terzo in meno. Per tornare al livello delle proiezioni pre crisi per le persone in età lavorativa si dovrà aspettare il 2050.
In primo piano

Il pompiere Tria rassicura i mercati: «Rispetteremo gli impegni europei»

LaPresse

  • Il ministro Giovanni Tria risponde alle previsioni negative sul Paese: «Discontinuità significa scelte nuove, non far saltare i conti pubblici. I giudizi sulle riforme saranno positivi. Il governo ha già trovato l'intesa sul bilancio».
  • Fitch sgrida l'Italia ma da anni perdona Francia e Spagna. A Parigi e Madrid sono stati concessi sforamenti macroscopici del rapporto deficit/Pil. Il doppiopesismo ha ragioni politiche.
  • Il centrodestra frena sulla fusione. I forzisti sembrano decisi a non creare un partito unico con Lega e Fratelli d'Italia. Anche Matteo Salvini avrebbe dubbi: con il proporzionale il Carroccio vola verso Palazzo Chigi.

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Orbán è un alleato fondamentale per cambiare faccia all’Europa

  • Tutti dicono che Matteo Salvini amoreggia con il suo peggior nemico. In realtà, il magiaro non ci danneggia sull'immigrazione. E, in vista delle elezioni del 2019, può portare la Lega nel Ppe a trazione identitaria.
  • Tra il vicepremier e il leader di Fidesz è subito intesa, complice la cucina lombarda. L'alleanza ha il beneplacito di Silvio Berlusconi e un solo nemico giurato: Emmanuel Macron.
  • In piazza San Babila la manifestazione di chi contestava il summit in prefettura. Laura Boldrini, tante sigle, ma solite parole d'ordine in favore di Bruxelles e accoglienza.
  • Investimenti e tasse giù: la «Orbanomics» sta facendo volare il Paese La disoccupazione è passata dall'11 al 4%. E i redditi salgono da anni.

Lo speciale contiene quattro articoli

In primo piano

Le scatole cinesi ideate dai Benetton: prima la cassa, poi i licenziamenti

LaPresse

Il tracollo del settore filati, con il -21,4% di fatturato in un solo biennio a causa del calo delle commesse da parte del gruppo stesso, ha portato alla crisi di Olimpias, il troncone manifatturiero della holding veneta.
In primo piano

Così l’Ue ci spreme: dal 2000 a oggi accumulato un credito di 43 miliardi

LaPresse

La minaccia di Luigi Di Maio di tagliare i fondi a Bruxelles mette il dito nella piaga: l'Italia versa alle istituzioni comunitarie molto più di quanto ottiene indietro. La strada per farsi sentire, però, è quella indicata dal premier Giuseppe Conte.
In primo piano

I caselli privati difesi da Cassese gli hanno fruttato 700.000 euro

LaPresse

Tra i maggiori denigratori della nazionalizzazione delle autostrade spicca il giudice emerito della Consulta, Sabino Cassese. E forse lo si può capire, visti i ricchi gettoni presi dal 2000 al 2005 come membro del cda proprio di Atlantia.
In primo piano

Benetton, l’azienda «buona», lotta con i pastori

Il network veneto ha acquistato terreni in Sudamerica, rivendicati dal popolo Mapuche In un susseguirsi di cause legali e scontri di piazza, ci sono stati anche i primi morti.