La Verità - L'editoriale
In primo piano

Anche se bruciano le sedi della Polizia il decreto per cacciarli non è urgente

Ansa

Ogni tanto c'è qualcuno che rimprovera a Matteo Salvini di occuparsi solo di immigrati e non dei problemi più complessi di cui soffre il Paese. Certo, l'Italia di guai ne ha un certo numero, a cominciare da quelli economici. Il Pil non cresce e le tasse sono troppo alte, così come la percentuale di disoccupati. Tuttavia, se si fa il ministro dell'Interno è piuttosto naturale che si parli dei temi riguardanti la sicurezza invece di quelli dell'industria e della finanza. Ancor più naturale che si cerchi di fare approvare in fretta delle norme che garantiscano l'ordine pubblico e il rispetto della legge. (...)
In primo piano

Trappolone per far cadere Salvini

Ansa

Dopo le europee, una nuova raffica di manette indebolirebbe il leghista. L'obiettivo è andare al voto in primavera e non fare eleggere ai gialloblù il successore di Sergio Mattarella.
In primo piano

Benetton mette la faccia per i maglioncini e per il gender. Non per i morti

Ansa

Luciano Benetton ha deciso di metterci la faccia. Non sulla tragedia di Genova, per rispondere di quelle 43 vite spezzate, alla vigilia delle vacanze estive dello scorso anno, dal crollo del ponte Morandi. No, come ci comunica Repubblica, giornale bene informato e altrettanto ben foraggiato dalla pubblicità del gruppo di Ponzano Veneto, il patron della famiglia trevigiana ha deciso di mettere la propria faccia sul rilancio dell'industria di abbigliamento da cui è cominciato il suo successo.

In primo piano

Se Salvini è il nuovo Hitler allora Prodi è uguale a Stalin

Ansa

È assurdo paragonare le politiche del governo al nazismo. Proprio come sarebbe folle accostare Mortadella e il leader sovietico perché causarono morti con i blocchi navali.
In primo piano

La democrazia secondo Lerner: eliminare me e Giordano

Ansa

Chi sia stato in Lotta Continua, ossia in un movimento da cui uscirono molti dei protagonisti degli anni di piombo, dovrebbe maneggiare con cura le parole, anche perché le parole stampate sul giornale del gruppo della sinistra extraparlamentare poi si trasformarono nelle pallottole che assassinarono il commissario Luigi Calabresi. Ma Gad Lerner, che di Lotta Continua fu uno dei principali leader e di quel quotidiano fu vicedirettore, nonostante l'età, non pare avere imparato niente da quella stagione e ancora oggi, a molti anni di distanza dall'agguato al funzionario della Digos milanese, per il quale furono (...)
In primo piano

Anche Di Maio si iscrive al partito dello spread

Ansa

Solo una settimana fa il leader pentastellato predicava l'infrazione dei vincoli di bilancio. Ora, però, il vicepremier non esita a rimproverare il collega leghista che attacca la regola del 3%. È solo l'ultima delle giravolte sul tema per fare cassa alle urne.
In primo piano

La Chiesa aiuta gli stranieri abusivi ma poi sfratta le famiglie italiane

Ansa

Avvenire (con Nicola Zingaretti a ruota) esalta il reato di monsignor Krajewski: «Illegalità giusta». Sì, a spese nostre. Quando si tratta dei loro edifici, Vaticano, curie e parrocchie la legge la fanno rispettare. Senza pietà.

In primo piano

La carità pelosa del Vaticano

Ansa

Il porporato, a cui piace farsi chiamare don Corrado, non salderà il debito di 300.000 euro. Si farà carico soltanto delle spese future. Fare i miracoli con il portafoglio degli altri è troppo facile. Il Vaticano rimedi.
In primo piano

L’elemosiniere del Papa santifica gli abusivi

Ansa

Nella capitale il cardinale Konrad Krajewski toglie i sigilli ai contatori dell'elettricità di un palazzo. Erano lì perché nessuno pagava 300.000 euro di luce. Il «Che Guevara della bolletta» è libero di aiutare i bisognosi, ma non a spese dei romani. Cioè di tutti.