Umberto Tirelli
In primo piano

Cresciuti con i videogame violenti i bimbi non hanno paura delle armi

La rivista scientifica Jama ha pubblicato lo studio sugli effetti dei videogiochi cruenti nei preadolescenti. Risultato: in questi soggetti aumenta il rischio che possano puntare una pistola contro sé stessi o contro altri.
In primo piano

Il 23 per cento degli italiani fuma ma quasi tutti vorrebbero smettere

iStock

Le istituzioni e le organizzazioni sanitarie devono investire in iniziative che aiutino a lasciare il vizio. Se anche solo una piccola parte ci riuscisse, i benefici sulla salute e sull'economia sarebbero immensi.
In primo piano

Negli Usa calati di un terzo i morti di cancro

Dal 1991 al 2016 il tasso è sceso del 27 per cento: da 215 a 156 decessi ogni 100.000 abitanti. I risultati sono dovuti alla riduzione del fumo e alle diagnosi precoci. Ma il miglioramento è soprattutto tra i benestanti: nelle contee più povere i dati sono peggiori
In primo piano

L’attività aerobica rende più agile il cervello

Uno studio rivela che camminata, nuoto e bicicletta aumentano le capacità di pensiero in giovani e non. Dopo sei mesi di esercizi migliorati il ragionamento, la pianificazione e la risoluzione dei problemi. Ma con scatti e stretching non si hanno gli stessi benefici.
In primo piano

Le proprietà insospettate dell’ozono. Cura, depura l’acqua e nutre la terra

Ansa

Impiegato con successo in tante patologie, può essere il sostituto di antibiotici e farmaci resistenti ai batteri. Viene usato sempre più al posto del cloro in piscina: è un disinfettante che non ha effetti nocivi sull'ambiente.
In primo piano

Da 30 anni c’è chi prevede la fine del mondo

Ansa

I catastrofisti incolpano dei mutamenti climatici le attività umane e invocano misure drastiche. Ma gran parte degli scienziati ritiene che il riscaldamento globale sia di origine naturale. Dalle statistiche si scopre che gli uragani più violenti sono stati tra il 1850 e il 1930.
In primo piano

Aumentano i morti dovuti al traffico. A farne le spese sono bimbi e ragazzi

Secondo il rapporto dell'Oms le vittime di incidenti nel 2018 sono state 1,35 milioni. È la prima causa di decesso dai 5 ai 29 anni. In Europa situazione migliorata grazie alla linea dura su alcol, velocità e cinture di sicurezza. In Italia l'andamento del fenomeno infortunistico, rilevato da polizia e carabinieri al 16 dicembre 2018, ha fatto registrare rispetto al 2017 da un lato una crescita nel numero complessivo degli incidenti (71.880, +1,2%) e un calo di quello delle persone ferite (47.104, -0,6%).
In primo piano

La miglior cura contro il tumore è un test

Ansa

Gli esami genetici per la terapia oncologica mirata consentono di individuare le mutazioni del Dna presenti nelle cellule cancerogene. L'informazione così ottenuta è di cruciale importanza nella scelta dell'approccio per ciascun tipo di cancro.
In primo piano

La diagnosi precoce può salvare la vita ai fumatori

Dimezzati i decessi per tumore con uno screening di oltre 5 anni. In Italia possibile l'avvio di un piano di Tac toraciche per over 50. «I risultati di questi due studi sono coerenti tra loro e particolarmente rilevanti», sottolinea Ugo Pastorino, direttore della struttura complessa di chirurgia toracica dell'Istituto nazionale dei tumori (Int) di Milano e uno degli autori dello studio italiano, «e questo perché il braccio di controllo non comprendeva alcun esame diagnostico, come la radiografia del torace.
In primo piano

I medici ridotti a fare i passacarte per dieci euro all’ora

ANSA

La denuncia di una dottoressa su un lavoro svilito dal carico di burocrazia, che impedisce di dedicarsi alla cura dei malati. «Non è un Paese per medici un Paese che consente che questo accada, che permette che chi va al lavoro possa essere aggredito, violentato, financo ucciso facendo semplicemente il proprio lavoro».