Puntare tutto su uno choc fiscale può rompere l’assedio dei mercati - La Verità
Home
In primo piano

Puntare tutto su uno choc fiscale può rompere l’assedio dei mercati

L'esecutivo si concentri su un solo obiettivo: abbattere le tasse. Donald Trump l'ha fatto e i risultati si sono visti. L'alternativa è rassicurare gli speculatori restando sotto il 3%. Ma così la crescita resterà uno «zero virgola».

È iniziato il cammino verso il 27 settembre, data entro cui il governo deve presentare la nota di aggiornamento al Def, antipasto della successiva legge di Bilancio. «Non ci saranno anticipazioni sulla tabella di marcia per tranquillizzare i mercati», ha fatto sapere ieri l'esecutivo: il 21 settembre l'Istat pubblicherà i conti economici aziendali da inglobare nel NaDef, che a questo punto non vedrà la luce prima del 24 settembre.

I fattori esterni sono noti. Spread in forte rialzo e agenzie di rating (l'ultima è stata Fitch) che si sono messe in posizione di attesa critica: rivedendo in negativo l'outlook e riservandosi un giudizio definitivo quando le carte della finanziaria saranno sul tavolo. E in effetti, con 400 miliardi di titoli da rinnovare nei prossimi mesi, più che il negoziato politico con una Commissione europea ormai al capolinea (in vista delle elezioni europee 2019), il confronto vero sarà proprio con i mercati.

In questo scenario, ci sono tre attori sulla scena. Il primo è il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, il quale nei giorni scorsi ha affermato che «tra poco non ci sarà più il problema di convincere su azioni future, ma ci saranno le azioni future». Insomma, un invito a giudicare i fatti, quando ci saranno. Il secondo è il M5s: il vicepremier Luigi Di Maio è tornato a parlare di un reddito di cittadinanza che dovrebbe riguardare già in partenza una platea di «5 milioni di poveri». Più barricadero di lui e in tenuta simil guevarista, si è rifatto vivo dal Guatemala Alessandro Di Battista che, in collegamento con la festa del Fatto Quotidiano, si è tolto lo sfizio di provocare la Lega: «Su Autostrade e sul reddito di cittadinanza si vedrà se la Lega è diversa o è ancora la Lega maroniana camuffata». Il che, sgradevolezza verso gli alleati a parte, non vuol dire molto, se non un'ennesima sottolineatura del fatto che per i 5 stelle il reddito di cittadinanza debba partire subito.

L'ultimo attore, ma non certo per importanza, è il leader leghista Matteo Salvini, che è stato anche il più prudente («Il 3%? Lo sfioreremo dolcemente»), alludendo non a uno sfondamento dei vincoli, ma a un avvicinamento al limite oltre cui potrebbe scattare una procedura d'infrazione Ue. In ogni caso, oggi la Lega riunirà i suoi esperti economici e lo stesso faranno i grillini.

In questo momento si possono fare due scenari: il primo più probabile, il secondo - a nostro avviso - più desiderabile. La prima ipotesi è un compromesso ragionevole per tenere insieme tutto: restare ben al di sotto del 3% per non rompere con Tria e la componente rigorista del governo; evitare lo showdown con il Quirinale; rinviare gli interventi più corposi all'anno successivo, quando l'attuale Commissione europea sarà un ricordo e gli equilibri in Europa saranno cambiati; e consentire a ciascuno dei due alleati di poter rivendicare l'avvio dei temi loro cari.

In questa ipotesi, gli interventi principali potrebbero essere quattro. Il primo sulle pensioni: una correzione della legge Fornero attraverso «quota 100» (quindi si potrebbe andare in pensione non più a 67 anni, ma anche a 64 con 36 anni di contributi): il costo iniziale sarebbe di 4 miliardi e di 8 miliardi annui a regime.

Secondo: sulla parte fiscale la vera flat tax sarebbe rinviata, mentre il segnale di partenza consisterebbe nell'allargamento della platea delle partite Iva ammesse all'aliquota agevolata del 15% (ma non è chiaro fino a quale soglia si possa salire: chi dice 60.000 euro annui di ricavo, chi si spinge oltre).

Terzo: l'avvio del reddito di cittadinanza avverrebbe riordinando (cioè sopprimendole e facendole confluire nel nuovo strumento) una serie di misure esistenti, dall'indennità Naspi al reddito di inclusione: anche se somme ben più corpose (9-10 miliardi) potrebbero arrivare abolendo e riutilizzando gli stanziamenti per gli 80 euro renziani (ma non è chiaro se i grillini vogliano aprire questa polemica, ridando fiato alla propaganda Pd).

Quarto: resterebbero infine da trovare (e su questo si confida nel negoziato con l'Ue) gli oltre 12 miliardi necessari a disinnescare gli aumenti Iva per onorare la promessa solenne fatta da Lega e M5s a Confcommercio. Fare tutte e quattro queste cose potrebbe rappresentare un buon compromesso per Lega, M5s e anche per i ministri più sensibili alle sirene di Bruxelles. Resta solo da capire se si tratti di un intervento adeguato al rilancio della domanda interna, se si tratti cioè dello «choc fiscale» in positivo in grado di dare una frustata all'economia italiana. Non tutti ne sono convinti.

E allora entra in campo il secondo scenario, politicamente meno facile, ma assai più desiderabile. Fermo restando il disinnesco degli aumenti Iva, si tratterebbe di concentrare tutte le risorse esistenti in tagli di tasse, adattando all'Italia la «Trumpnomics», cioè i mega tagli fiscali di Donald Trump. Avvicinarsi al 3% (o addirittura valicare quella soglia) per un'operazione del genere sarebbe magari politicamente controverso, e foriero di una contesa con Bruxelles, ma al tempo stesso avrebbe maggiori chance di far impennare un Pil altrimenti destinato a rimanere anemico. Tanto i mercati quanto gli elettori, alla fine della fiera, sono interessati a una sola cosa: a una crescita vibrante e robusta, ben più che agli «zero virgola» o al formale rispetto dei parametri Ue.

In primo piano

Tutti gli incarichi del consulente del tribunale che ha decretato insolvente Veneto Banca

Contenuto esclusivo digitale

L'ex ad di Veneto Banca, Vincenzo Consoli

A fine luglio l'inchiesta madre è chiusa con una sola richiesta di rinvio a giudizio. Solo per Vincenzo Consoli ci sono gli estremi per sostenere l'accusa in un processo per i reati di aggiotaggio, ostacolo alla vigilanza e falso in prospetto. Allo stesso tempo Lorenzo Caprio, tecnico della Corte d'appello di Venezia, deposita la sua relazione dove dichiara lo stato d'insolvenza della popolare di Montebelluna al momento della sua messa in liquidazione. Il professore non è solo un consulente, ma è anche il presidente di Fiera Milano, nonché l'ex presidente del collegio sindacale di Rcs, gruppo editoriale dove Intesa San Paolo ha al momento quasi il 7% delle azioni. Non solo. E' presidente del collegio sindacale di Banca 5, sempre del gruppo di Ca de sass.

In primo piano

Le obbligazioni ormai sono un costo. I tassi bassi annunciano recessione

Il fenomeno riguarda tutto il mondo, non soltanto l'Europa. I prodotti dei Paesi emergenti in dollari non garantiscono comunque il capitale. E il quantitative easing rischia di peggiorare la situazione.
In primo piano

Riecco i Forza spread. Riprendono fiato per aggrapparsi tutti al totem Europa

Borsa in calo, differenziale con il Bund in risalita. Famiglia cristiana fa la predica. Ma nessuno identifica i problemi veri.
In primo piano

La ricetta italiana alla fine funziona Draghi promuove Roma e Parigi

Ansa

Nel bollettino della Bce si legge che «la riduzione dell'imposizione diretta e dei contributi previdenziali ha influito positivamente sul potere di acquisto delle famiglie per effetto delle politiche fiscali adottate».
In primo piano

Cresce la volatilità, picchi ribassisti. Meglio esigere ora i profitti di Borsa

A Piazza Affari il settore maggiormente penalizzato è quello bancario, con Bpm unico titolo ieri in positivo. Stentano anche i beni rifugio. E il taglio dei tassi Usa ha avuto ripercussioni sul mercato obbligazionario.
In primo piano

L’isteria anti deficit fa comodo a chi non vuole che l’Italia torni a crescere

Francia, Irlanda e Usa utilizzano il disavanzo per rilanciare l'economia. Solo nel nostro Paese è considerato una sciagura.
In primo piano

Imu e Tasi: in Piemonte si evade il 50% in meno che in Campania

L'ultimo fu Matteo Renzi. Nel 2014 annunciò che il 16 dicembre si sarebbe svolto il «funerale dell'Imu». Matteo Salvini ha un obiettivo più modesto e anche per questo più raggiungibile: unificare Imu e Tasi (dando vita alla cosiddetta «nuova Imu», sulla quale anche i Cinque stelle sembrano concordi) con una sostanziale abolizione della tassa sugli immobili. Se per abolire l'Imu servivano circa 19 miliardi, per abolire la Tasi ne servirebbero solo 1,1, come ha detto la direttrice generale delle finanze al Mef Fabrizia Lapecorella.

L'Imu, imposta municipale unica, è una tassa diretta sul possesso di un immobile e non si applica sulla prima casa. La Tasi invece, tributo per i servizi indivisibili, si paga come corrispettivo dei servizi del Comune (e infatti viene pagata anche da chi è in affitto).

Il fatto è che tagliare le tasse sulla casa non risolve il gigantesco problema dell'evasione che è di 5,1 miliardi per l'Imu (il 26,9% degli incassi potenziali) e 275 milioni per la Tasi (il 27,5%). Basterebbe poco, quindi, per trovare il miliardo di copertura per la nuova Imu: basterebbe recuperare 1,1 miliardi dai quasi 5,4 evasi.

Dove andare a prenderli? Basta guardare la mappa del grafico. In nessuna regione del Sud l'evasione Imu è inferiore al 30%. Cioè, per capirci, un terzo del gettito Imu viene evaso. In Sicilia si arriva al 36,7%; in Campania al 38,6% e in Calabria addirittura al 43,2%. Siamo sicuri che, abbassando le aliquote, frotte di calabresi, campani, siciliani, ma anche lucani e pugliesi accorrerebbero all'ufficio postale a pagare il dovuto? Davvero difficile immaginare che diventino tutte, da un giorno all'altro, regioni più virtuose come la Lombardia, dove l'evasione è del 20,7%, o come il Piemonte (21,8%) o l'Emilia Romagna (17,9%).

I numeri dicono che in Piemonte si evade la metà che in Campania e in Emilia Romagna meno della metà. E, guarda caso, la Calabria è una delle regioni italiane che registra la maggiore quota di case abusive: il 46,5%. L'Istat ha certificato che addirittura il 50,6% delle costruzioni del territorio campano sono abusive e, quindi, è molto difficile far pagare ai proprietari una tassa su una casa che non dovrebbe esistere. Al Nord i numeri sono: 1,4% in Trentino; 3,3% in Friuli e 4,4% in Lombardia. Sempre secondo l'Istat le costruzioni abusive nel Sud sono il 47,3% del totale, in crescita del 6,9% rispetto al 40,4% dell'anno precedente. Abbassare le tasse va bene, ma è inutile se non si riesce a farle pagare a chi non le ha mai pagate.

In primo piano

Il Leone alato guadagna 1,8 miliardi e blinda le quote di banca Generali

Ansa

Gli utili delle assicurazioni crescono del 34%. Ottime le performance anche al netto delle cessioni. Il dg Frederic de Courtois: «Abbiamo in cassa 4 miliardi per acquisizioni. Nessuna modifica alle quote della controllata».
In primo piano

Con l’alluminio il rendimento è basso tranne per chi vuole giocare in Borsa

  • Fondi ed Etf garantiscono guadagni limitati, mentre le azioni, molto rischiose, arrivano a +90% in un anno L'appello delle aziende europee contro i dazi all'importazione: «Eliminateli o le piccole imprese spariranno».
  • I vantaggi del metallo leggero però non sono legati soltanto alla salvaguardia dell'ambiente bensì anche alle performance dell'auto.

Lo speciale contiene due articoli