Giornata salute donne: «Non bisogna abbassare la guardia, meno aborti e più donne in salute»

Giornata salute donne: «Non bisogna abbassare la guardia, meno aborti e più donne in salute»
Ansa

«Oggi la Giornata Nazionale per la Salute delle Donne, mentre il Paese combatte contro l'emergenza Covid, assume un valore ancora più importante. Grazie alle donne che dentro e fuori dagli ospedali mettono a rischio la propria salute per curare, assistere, lavorare per il bene comune. Ci stringiamo, come in un cordone protettivo virtuale, attorno a quelle più anziane e bisognose di protezione. In questo momento così delicato non bisogna abbassare la guardia sulla salute psichica e fisica delle giovani donne che è seriamente minacciata dalla propaganda abortiva dei soliti noti, che ha proposto come soluzione l'interruzione di gravidanza fai da te con la pillola a casa» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita & Famiglia.

«Nessuno dice che secondo la letteratura internazionale, l'aborto farmacologico è dieci volte più pericoloso di quello chirurgico, o racconta gli effetti collaterali dell'aborto, come emorragie, infezioni e cancro al seno. Nessuno spiega alle donne che con l'aborto volontario fanno una violenza a se stesse che le condanna a una grave sofferenza psicologica» hanno continuato.

«Tra le donne che hanno abortito - aggiunge Pro Vita & Famiglia - si registra il doppio di suicidi ed un 40% in più di morti violente per ferita o avvelenamento (dati pubblicati sull'European Journal of Public Health); il primo Rapporto ItOSS (Sistema di Sorveglianza Ostetrica italiano) rivela: 18 donne si sono suicidate in Italia entro un anno dall'aborto indotto, in 10 Regioni italiane, nel periodo di 7 anni 2006-2012: le donne che in Italia si sono sottoposte all'aborto indotto hanno il 150% (1,5 volte) in più di probabilità di suicidarsi entro un anno rispetto a coloro che hanno partorito».

«Per la tutela della salute delle donne serve anzitutto la prevenzione, con interventi socio economici a tutela della maternità tesi innanzitutto a prevenire il dramma dell'aborto: meno aborti, più donne in salute» hanno concluso.

«Mio padre Raf, una star con due lauree»
Raf Vallone e Silvana Mangano in «Riso amaro» di Giuseppe de Santis. Nel riquadro Saverio Vallone (Getty Images)
Il figlio del grande attore con un passato da calciatore nel Torino: «Era spesso fuori casa per lavoro, ma quando tornava voleva sempre insegnarmi qualcosa. Da noi hanno cenato la Vitti, Miller, Antonioni, Al Pacino. E persino la Bardot, ma di nascosto...».
L’impeachment a Trump fu pilotato. Lo ammettono persino i democratici
Nancy Pelosi il giorno del voto sull'impeachment di Trump del 2019 (Ansa)
In un libro, l’allora presidente dem della commissione Giustizia svela le pressioni della Pelosi dietro il primo processo contro The Donald: «Vietato controinterrogare i testimoni dell’accusa per puro calcolo elettorale».
Paradosso scuola: a ottobre resterà l’ultimo «fortino» delle mascherine
(Getty Images)
A fine mese (a meno di colpi di mano finali del ministro Speranza) decade l’obbligo di indossarle in Rsa, ospedali e sui mezzi pubblici. Ma se c’è un positivo in classe, i compagni devono usarle per dieci giorni.
Rischia la trombosi e non può vaccinarsi. Ma l’Asl la sospende
Una centralinista non può più lavorare nonostante 4 certificati d’esenzione. Il nuovo governo deve porre rimedio a questo caos.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings