Tra Lega e 5 stelle guerra a parole ma sulle presidenze fanno la pace

Dopo qualche scambio di affettuosità («C'è lo zero per cento di possibilità di un'ammucchiata con il centrodestra», «Di lui, in questo momento, mi importa meno di zero»), tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini è tornato il sereno. Da leader di fronti opposti pronti alla guerra, da ieri sono ritornati capi di due partiti vicini. Talmente vicini da scambiarsi gesti di complicità, come per esempio votare compatti per il nuovo presidente della commissione speciale che a Montecitorio dovrà esaminare il Documento di economia e finanza, ossia il bilancio di previsione dello stato. Per l'alto incarico è stato scelto il leghista Nicola Molteni, uno che ha il record di emendamenti e proposte di legge e dunque, almeno per produttività, ha certo titolo di occupare la delicata e prestigiosa poltroncina.
iStock
Fu inventato a metà del Settecento dall'ammiraglio Sandwich e «italianizzato» da Gabriele D'Annunzio: la lunga storia del piatto veloce che in pochi decenni è arrivato sulle tavole di tutto il mondo in migliaia di varianti.
Khalifa Haftar (Ansa)
Mentre si avvicinano le elezioni in Libia del 24 dicembre, la situazione politica nel Paese non è priva di incognite.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings