Mattarella e Napolitano lavorano all’inciucio

Mattarella e Napolitano lavorano all’inciucio
ANSA
L'idea che Matteo Salvini diventi presidente del Consiglio non deve proprio andare giù a Giorgio Napolitano, per questo il nonno della Repubblica si sta dando un gran da fare. A Palazzo Madama, dove l'ex capo dello Stato si è accasato dopo aver mollato il Quirinale, in questi giorni molti hanno notato lo straordinario attivismo del presidente emerito, il quale per scongiurare la possibilità che il leader leghista varchi la soglia di Palazzo Chigi e occupi la poltrona più importante, le sta tentando proprio tutte. Il comunista che applaudì i carri armati a Budapest, nonostante i 93 anni, starebbe facendo uso della sua esperienza e del suo peso pur di convincere gli interlocutori della necessità di scongiurare un'alleanza fra Carroccio e 5 stelle, parlando a destra e a manca.
Lavrov all’attacco: «Nato e Ue come Hitler»
Sergej Lavrov (Ansa)
Il ministro degli Esteri russo: «Costruiscono una coalizione per farci la guerra». Berlino: «Mosca usa la fame come arma». Replica Dmitry Medvedev: «Non dimentichino il nazismo». Intanto la Turchia annuncia l’accordo per sbloccare il grano: «Consenso sui corridoi».
Draghi lasciato solo sul tetto. L’Ue ci impone il taglio del gas
Mario Draghi (Antonio Masiello/Getty Images)

Rinviata a ottobre l’eventuale discussione sul «price cap» invocato dal premier. Una soluzione di dubbia efficacia, visto che Vladimir Putin ha il coltello dalla parte del manico. Però Bruxelles annuncia «riduzioni della domanda» coordinate. Tradotto: meno metano, razionamenti, produzioni a singhiozzo, licenziamenti.

Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings