Simone Di Meo
In primo piano

Vita, carriera e passioni di Vecchione. Il capo delle spie più amato da Conte

Ansa

Da finanziere si è occupato di truffe farmaceutiche e hacker. Poi il salto al coordinamento delle «barbe finte», spinto da Palazzo Chigi. Il profilo di ordinanza è ovviamente basso, ma ogni tanto fa capolino nei salotti romani.
In primo piano

La toga comunista che difende la figlia Br col sussidio di Stato

Ansa

Il racconto di Luciano Violante: il padre della brigatista era controverso anche fra i magistrati. Scarcerò il Canaro e difese Abdullah Ocalan. Il suo nome era in una nota di Potere operaio per «impostare politicamente» i processi.
In primo piano

Non solo Br: reddito di cittadinanza anche a ladri, stupratori e assassini

Ansa

  • La pecca principale del provvedimento sta nei termini per poter richiedere i fondi: basta che siano passati almeno 10 anni dalla condanna. Il paradosso è che l'ha firmato l'attuale ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo.
  • Il presidente dell'Inps Pasquale Tridico: «Mi pongo anch'io il problema, tuttavia la legge prevede che quella donna venga pagata anche se ha commesso crimini tanto gravi: se l'ente non provvedesse, verrebbe sanzionato. La soluzione è modificare le normative».
  • La vedova di Luigi Calabresi riceve 400 euro al mese, chi l'ha ucciso invece 1.500. La signora D'Antona: «C'è una falla nella norma».

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Il gruppo Toto finanziava Open direttamente

Ansa

  • La controllata Renexia ha versato 25.000 euro alla fondazione di Matteo Renzi, oltre a pagare una maxi parcella - ritenuta sospetta dagli inquirenti - al presidente Alberto Bianchi. Donazioni anche da British american tobacco, Davide Serra e David Ermini.
  • Il Bullo fa causa al Fatto: nel mirino la frase sull'«odore di massoneria». Denunciati per diffamazione pure Piero Pelù e una nonnina sbancata.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

200.000 euro al comitato Sì a fondo perduto. Vacilla la difesa di Bianchi

Ansa

  • L'avvocato, dopo aver incassato dal gruppo Toto una ricca parcella da 2 milioni, elargì 200.000 euro alla fondazione Open e altrettanti alla struttura che sosteneva la battaglia referendaria di Matteo Renzi. Questi ultimi sono stati versati a fondo perduto.
  • Con Danilo Toninelli alle infrastrutture, Strada dei parchi si è vista prolungare di 10 anni la concessione autostradale e ha ottenuto 2 miliardi per i lavori di messa in sicurezza.
  • L'ex presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, è stato processato, assieme a Carlo Toto, con l'accusa di aver ricevuto doni in cambio di appalti. In aula si giustificò definendosi «damo di compagnia» del magnate della A24.

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Alle spalle di Napoli c’è un Comune ostaggio della comunità bengalese

A Palma Campania su 18.000 abitanti più di 5.000 arrivano dal Bangladesh (2.000 ufficiali). E la preghiera islamica diventa un problema di ordine pubblico. Ma il divieto del sindaco dà il via al linciaggio politico.
In primo piano

Da bancarottiere a rivoluzionario islamico

facebook

Giulio Lolli, imprenditore di successo con la Rimini yacht, finì nei guai per associazione a delinquere lasciando un «buco» da 100 milioni di euro. Fuggito in Tunisia e giunto poi in Libia, è stato coinvolto in azioni di guerra. Ora potrebbe non uscire più dal carcere.
In primo piano

Processo Fim a Bentivogli: fai il sindacalista

Ansa

I 42 segretari l'avevano attaccato per i legami con la politica e l'egocentrismo. Ora l'esecutivo chiude il caso e invita il leader a riallacciare i rapporti con la Cisl per un percorso federativo e di rispetto dei ruoli. Finito il tempo della prima donna.