007 aveva la «licenza» di uccidere, non il «diritto» di uccidere

A luglio Donald Trump ha nominato Brett Kavanaugh alla Corte suprema. In questi giorni la Commissione giustizia del senato Usa sta terminando le audizioni al fine di valutare e quindi votare la conferma o meno della nomina. Il clima è molto acceso: i «liberal» - che in italiano andrebbero chiamati «radicali», non «liberali» - del Partito democratico hanno in odio il candidato. Non solo perché è - ovviamente - un conservatore, ma soprattutto perché temono che con il suo voto decisivo la Corte suprema possa ribaltare la tristemente nota sentenza Roe vs Wade che legalizzò l'aborto negli Stati Uniti.

Ansa
I progetti di unità del centrodestra e il nuovo clima politico terrorizzano i «compagni», che prosperano solo se c'è conflitto sociale. Non esistono ragioni storiche per affiancare a «Fratelli d'Italia» un finto canto partigiano a 76 anni dalla caduta del fascismo.
Ansa
Per i pm di Brescia, Vincenzo Armanna pagò 50.000 dollari al poliziotto nigeriano per confermare le accuse in aula. In realtà non si è mai capito chi fosse Isaak Eke: durante le udienze, assunse addirittura un altro nome.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings