Usano i bambini per impietosire gli italiani - La Verità
Le Firme
In primo piano

Usano i bambini per impietosire gli italiani

Ansa

Che cosa fanno i finti mendicanti per impietosire le persone e farsi allungare qualche spicciolo? Si mostrano sofferenti anche quando non lo sono e, se non hanno nulla di doloroso da esibire, mostrano cartelli in cui dichiarano di avere figli da sfamare. In passato, non di rado, a chiedere l'elemosina si presentavano accompagnati dai pargoli, perché un bambino suscita sempre compassione e i passanti, di fronte agli occhi supplicanti di un minore, (...)
In primo piano

Il dottor Jekyll di Arpino dimenticato da tutti

Un'anima persa è stato considerato un capolavoro dello scrittore «piemontese d'azione e per scelta». Eppure se ne sono perse le tracce nelle librerie. La vita doppia e disperante di Serafino, vista dagli occhi di un bambino, ricorda Stevenson e Dostoevskij.
In primo piano

«In me vedevo un mostro, oggi sono rinata»

Ansa

La cantante Paola Turci parla dell'album in uscita e del passato difficile: «Da piccola mi dicevano che ero brutta e piccola. Dopo l'incidente mi chiamavano Gremlin e pure cane secco per la magrezza. Ho scoperto la fede e ringrazio Dio perché mi sento viva da morire».
In primo piano

Indagato Frongia, il fedelissimo della Raggi

Ansa

Sale la tensione tra i 5 stelle nella Capitale. Dopo l'arresto del presidente del Consiglio comunale, Marcello De Vito, anche l'assessore allo Sport è accusato di corruzione. Lui si autosospende e replica: «Parnasi non ha mai ottenuto favori da me per il nuovo stadio».
In primo piano

Prodi flop, agli italiani non piace il vessillo Ue

Ansa

C'è un limite anche all'autolesionismo. Nonostante i ripetuti appelli del Professore, di qualche capobastone Pd e dei sindacati, la gente non ne ha voluto sapere di esporre ai balconi la bandiera dell'Europa. È impossibile entusiasmarsi per questa Unione.
In primo piano

Fatture dei clan alla coop del caso Renzi

Ansa

  • Nuova indagine su una ditta riconducibile a Massimo Curci, condannato per autoriciclaggio a cui sono stati confiscati 30 milioni di euro in un processo per mafia. L'ipotesi: operazioni fittizie con la coop toscana.
  • Diceva: «Ho in pugno Tiziano». Era socio di un malavitoso. Daniele Goglio, messo a gestire l'azienda al centro delle inchieste sul Giglio magico, era in affari con un uomo della 'ndrangheta.

Lo speciale comprende due articoli.