Benedetto Colli
In primo piano

Sui social vietato morire. Non è redditizio

iStock

Facebook chiede di scegliere un erede che gestisca il profilo in caso di decesso: Mark Zuckerberg non può permettersi un calo di iscritti. Su Twitter imbarazzo per le storie di suicidi e dolore scatenate da un tweet sulla leva. La realtà fa paura. E la tecnologia non aiuta.
In primo piano

Tra i simboli, la spada e il gioiello parte la sfida del nuovo Giappone

Ansa

A Tokyo l'imperatore Akihito abdica in favore del suo primogenito Naruhito, che darà il via all'era Reiwa, meravigliosa armonia. Per i nipponici non è un semplice avvicendamento sul trono, ma la fine di un'epoca.
In primo piano

«Parlo al cuore, odio il cinema intellettuale»

Il pluripremiato regista francese Patrice Leconte: «Sono un romantico realista e moderno, ho la consapevolezza di che cosa è il mondo. Affronto le sfide dell'esistenza. I gilet gialli sono un male necessario con aspetti spaventosi, uno specchio della realtà della Francia di oggi».
In primo piano

Droga, morte e violenza: è la Finlandia felix

Rovaniemi, il villaggio di Babbo Natale / iStock

Secondo l'Onu è il Paese più felice del pianeta. Ma la nazione dei laghi non è quello che sembra. Ha il più alto tasso di omicidi in Europa, uno dei maggiori livelli di suicidi al mondo, la percentuale di vittime di abusi sessuali è il doppio rispetto alla media Ue.
In primo piano

«Franceschini ha ammazzato l’archeologia»

Ansa

Il bilancio di Luigi Malnati a due anni dalla riforma voluta dall'allora ministro pd ai Beni culturali: «Storture, separazione dal territorio, gestione dei musei nazionali sottratta alle soprintendenze. Una legge scritta da chi non sa come funzionano le strutture del ministero».
In primo piano

«Mio zio Paolo VI difese la famiglia. Perciò venne isolato»

Ansa

Fausto Montini, nipote di Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI, racconta tanti aneddoti sulla vita del santo. «Cambiò la Chiesa, ma dopo l'enciclica si beccò del retrogrado».
In primo piano

Robb Pratt: «Il mio segreto? Disegnare pieno di rabbia»

ANSA

Dietro il successo del grande animatore della Disney c'è una vicenda di miseria e di sconfitte: «È umiliante essere poveri e vivere a Hollywood tra attori e ville. Il computer ha ucciso il tratto a mano ma, invece di star fermo a lamentarmi, ho agito». L'autore di cortometraggi indipendenti acclamati da critica e pubblico (il più celebre, Superman Classic, ha superato le 590.000 visualizzazioni su Youtube), si racconta.