In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Firenze sfida Milano. Nella seconda capitale della moda, l'export vale 5 miliardi

  • Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine, alla chiusura della manifestazione: «Restiamo ottimisti e prendiamo le misure con il realismo». Intanto l'export del made in Italy cresce del +3,3%
  • Dal color block presentato da MSGM al «supereroe metropolitano» di Marco De Vincenzo. Un viaggio tra le nuove proposte della prossima stagione.
  • Paul & Shark presenta il giubbotto che protegge l'ecosistema marino. La giacca è realizzata con fili di poliestere riciclato. Ma non solo. Ogni singola componente del capo, dalla zip, all'imbottitura interna, al tessuto di rivestimento, è realizzata con materiale da riciclo.
  • Luisaviaroma, leader nel settore degli ecommerce di lusso, festeggia i 20 anni della boutique con una sfilata d'eccezione.

Lo speciale comprende tre articoli e gallery fotografiche.

Chitè
  • A 25 anni dall'iconica pubblicità «Hello boys» che promuoveva la nascita del wonderbra, i reggiseni hanno cambiato volto mille e volte. Dai super push up di Victoria's Secret, in grado di aggiungere fino a due taglie, al ritorno dei tessuti morbidi e destrutturati che coprono il seno e non ne modificano la forma.
  • «Regolamentare le influencer è una priorità. La mia collezione di intimo è semplice e senza tempo». Parla Sara Puccinelli, sul web conosciuta come Sarinski che ha firmato per Chitè una collezione di intimo.

Lo speciale comprende due articoli e gallery fotografiche.

Ansa

L'allarme del presidente di Assomineraria Luigi Ciarrocchi sull'azzeramento delle franchigie su oil&gas contenuto nella manovra economica: «Perdita secca per lo stato di 100 milioni di euro all'anno. A rischio 5.000 posti di lavoro». Il settore vanta un export di 20 miliardi di euro e 100.000 addetti. Nel Piano nazionale integrato energia e clima (Pniec) del precedente governo si prevedeva un aumento della produzione, ora invece si parla di diminuzione.